LA POSTA DEI LETTORI / Cronaca di quotidiane vessazioni cui sono sottoposti i disabili... meditiamo

LA POSTA DEI LETTORI / Cronaca di quotidiane vessazioni cui sono sottoposti i disabili... meditiamo

Parcheggio CUP Ravenna. Stalli riservati ai disabili. Mentre scendo dalla macchina arriva un'altra auto che parcheggia in uno degli stalli. Si apre lo sportello ed esce una giovane donna tacco dodici. Osservo la scena: traffica un po’ dentro alla macchina e poi chiude la portiera e con passo deciso si allontana ed entra nello stabile. Mi avvicino alla macchina: tutto regolare, ha un bel contrassegno per invalidi in bella mostra. 

Piazza Caduti per la libertà. Due stalli riservati agli invalidi. È ora di pranzo arrivo e parcheggio in uno dei due stalli riservati. Quando torno mentre mi sto avvicinando alla macchina vedo un furgone che arriva e parcheggia nello stallo a fianco. Mentre apro la portiera uno dei due occupanti scende dal furgone. Gli faccio notare che quello è un posto riservato agli invalidi. Solo un minuto dobbiamo scaricare: è la risposta.

I due fingono, platealmente, di studiare la zona intorno al furgone per scaricare. In realtà aspettano che me ne vada. Metto in moto, ma per poter uscire devo fare manovra da contorsionista perché dietro ha parcheggiato un camioncino evidentemente al servizio di alcuni operai che stanno facendo un intervento sul largo marciapiede.

Sullo sportello del camioncino una bella scritta: Comune di Ravenna. Al gruppo si avvicinano i due scesi dal furgone. Già, solo un minuto. Cronaca di una normale giornata di un disabile che ha ridotte capacità di deambulazione. Meditate cittadini ravennati che occupate abusivamente gli stalli per gli invalidi, meditate su quanto questi gesti siano una prevaricazione verso cittadini, che anche se più deboli, hanno gli stessi vostri diritti di muoversi liberamente; meditate quando protestate perché per una qualsiasi ragione vi sentite vessati. Siete voi per primi a compiere un atto di gratuita violenza. Non avete nessuna scusa: quello che per voi è solo un minuto per un disabile è una eternità ed è una limitazione della propria libertà.

Non serve lasciare accese le luci lampeggianti, perché mentre le luci lampeggiano c’è una “persona” ferita ed umiliata e voi ne siete i responsabili. Non c’è giustificazione che tenga, voi avete le gambe buone andate a parcheggiare da un'altra parte. Le leggi che regolano i “diritti” dei disabili ci sono: vanno rispettate. Siete voi in piena “consapevolezza” che non le rispettate. Per questo siete colpevoli, ma siete ancor più colpevoli perché con questi comportamenti insegnate ai vostri figli, nipoti, che saranno domani i futuri cittadini, il non rispetto dell’altro e delle regole di convivenza.

 

Enzo Lodesani

09/02/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Concordo con quanto scritto. Il parcheggio del CMP è terra di nessuno, area privata ad uso pubblico e,quindi, ognuno...........Non si riesce neanche a regolare il traffico con un senso unico, posteriormente all'edificio, da destra a sinistra. Come autista di AUSER volontariato è un incubo il PARCHEGGIO DEL CMP dove ci rechiamo più volte al giorno e raramente cerchiamo parcheggio. CHI E' IL RESPONSABILE DI QUESTA GESTIONE?????? SUI PROVVEDA.
09/02/2018 - marcello
Io porto in giro mia sorella disabile e vorrei dire a tutte le persone maleducate che occupano i parcheggi dei disabili che mia sorella che ha 43 anni e da 28 è disabile dopo un brutto incidente che innanzitutto per rinnovare il tesserino si pagano 50€ e sarei contenta di non averlo ma di poter posteggiare lontano ma di regalare loro il nostro tesserino ma pure la disabilità di mia sorella..vorrei che a questi individui venisse ritirata la patente così che a piedi possano riflettere sul loro sbaglio.
09/02/2018 - Silvia Spazzoli
Sig. Enzo, so cosa vuol dire accompagnare persone con limitate capacità di deambulazione e tante volte avrei voluto avere un cingolato per poter parcheggiare sul tetto delle auto posteggiate indebitamente sugli stalli per disabili e dire ai proprietari "solo un minuto carico chi ne ha diritto e me ne vado dal suo tetto". Chissà che il ns caro sindaco non si ricordi di queste cose almeno ora che siamo sotto elezioni ;-)...chissà...
09/02/2018 - fs
Io per fortuna non ho ancora, e mai, avuto bisogno di parcheggiare nei posti riservati ai disabili.Mi sono trovata però con il marito di un'amica malato grave di Parkinson e non trovare posto perchè occupato da macchine che non ne avevano diritto. Quella signora di cui sopra (tacco 12) dovrebbe VERGOGNARSI e non oso dire cosa meriterebbe!!!
09/02/2018 - Olivia
le classiche inciviltà quotidiane...in rete tanti si indignano e pontificano poi sono gli stessi che nella vita reale se ne fregano delle regole basiche di senso civico
09/02/2018 - 4wheels
Tutti i giorni tra le otto e le nove del mattino, vado a fare colazione in un noto bar ove spesso ci sono anche vigili urbani, mi spiegate perché questi vigili non vedono chi parcheggia nei disabili? Li vedo solo io? Loro vedono solo la loro colazione?SONO IN ORARI DI SERVIZIO!!!!!!!
09/02/2018 - Silvano
Il comportamento e' a dir poco meschino, il posto riservato ai disabili e' riservato ai disabili e non alle auto che espongono il contrassegno se il disabile non c'e'. Per gli stalli di piazza Caduti, se parliamo di quelli nei pressi della piazzetta di S. Francesco, sono due ma uno e' riservato allo scarico/carico mentre l'altro e' per disabili e non vanno invertiti!!! L'uso improprio delle "4 frecce" dovrebbe essere sanzionato, mah..... sono inserite nell'auto per segnalare un'EMERGENZA. Cmq l'essere umano si esprime per quello che e' e non per l'abito che indossa.....
09/02/2018 - elio62
Di tutte le infrazioni al codice della strada che si vedono quotidianamente il parcheggiare negli spazi riservati ai disabili è una di quelle che proprio non sopporto. Non la sopporto perché chi parcheggia lì senza averne alcun diritto è semplicemente STRONZO, senza giustificazioni.
10/02/2018 - Tax19
Girando per le strade di questa città è palese che non esiste il minimo rispetto del codice della strada. E la cosa grave, è che i vari corpi di polizia latitano. Mi è stato detto che "poi la gente si lamenta perché facciamo le multe!". Per quanto riguarda il caso in questione, ha nettamente ragione la lettrice Silvia: pene severissime a questi imbecilli! Imbecilli! Imbecilli!
10/02/2018 - mario
diciamo anche che ci sono in alcune zone più parcheggi per disabili che credo disabili
10/02/2018 - Leo
Non voglio parlare del primo caso in questione menzionato dalla lettera del Sig.. Lodesani (il tacco 12), che ha ragione da vendere sulla maleducazione imperante delle persone, ma credo che i tagliandi blu non li rilasciono solo a chi ha problemi di deambulazione.
10/02/2018 - ANNA M
Gli stupidi che usano impropriamente gli stalli per disabili dovrebbero diventare loro stessi disabili ..forse capirebbero!
10/02/2018 - maria teresa
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.