Impianto GNL-PIR: il Ministero dà il via libera alla realizzazione

Impianto GNL-PIR: il Ministero dà il via libera alla realizzazione
In foto il progetto del deposito costiero GNL, Porto di Ravenna

L'intervento privato si svilupperà su una superficie di 23.000 metri quadrati e ospiterà due grandi serbatoi da 10.000 metri cubi

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha approvato la realizzazione del deposito costiero Gnl vicino agli stabilimenti della Bunge Spa e della centrale Enel, lungo il Porto di Ravenna. A comunicarlo oggi, martedì 13 febbraio, in una nota scritta il Gruppo Pir e Edison. 

L'intervento privato si svilupperà su una superficie di 23.000 metri quadrati e ospiterà due grandi serbatoi da 10.000 metri cubi.

Il progetto prevede l’implementazione di una filiera per il trasporto del gas naturale liquido (GNL) a mezzo di navi metaniere sino al deposito di ricezione per lo stoccaggio, e la successiva distribuzione mediante l’utilizzo di autocisterne e di navi gasiere.

Inoltre l'intervento prevede la realizzazione dei lavori infrastrutturali e impiantistici necessari a consentire:

· l’attracco di navi metaniere per lo scarico del GNL al deposito aventi caratteristiche di capacità di carico compresa fra 7.500 e 27.500 m3;

· l’attracco di navi metaniere (bettoline) per il carico di GNL dal deposito aventi caratteristiche di capacità di carico compresa fra 1.000 e 4.000 m3;

· il trasferimento del prodotto liquido (GNL) dalle navi gasiere ai serbatoi di stoccaggio e da questi ultimi alle bettoline (“terminal to ship”), attraverso bracci di carico;

· lo stoccaggio del GNL, mediante N.1 serbatoio e N.2 serbatoi a pressione pressoché atmosferica di capacità utile di circa 10.000 m3 ciascuno;

· la distribuzione del prodotto al mercato attraverso operazioni di caricamento su autocisterne (“terminal to truck”).

Il nuovo impianto richiederà l'inserimento di 30/40 occupati.

13/02/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Evviva per l'occupazione,evviva per l'aumento del gia pesante traffico di camion cisterne.Traffico su rotaia in Italia evidentemente non si conose.
13/02/2018 - Felice
Sarei curioso di sapere quanti camion cisterna per gas viaggeranno sulle strade.(Carrettere)
13/02/2018 - Felice
Tempo fa un gran casino che non volevano i degassificatori al largo della costa . Sembrava, a sentire le critiche, che dovessero mettere delle bombe nucleari in Adriatico. Ora i depositi li facciamo in terraferma vicino a centri abitati. Gli ecologisti di una volta dove sono ora?
13/02/2018 - porter
Pardon, credo che il termine giusto sia rigassificatori
13/02/2018 - porter
Finalmente una buona notizia ! Si ritorna ad investire a Ravenna
13/02/2018 - andrea
Una bomba pronta a saltare
13/02/2018 - Mauri48
Qualcosa non mi torna !!! Per liquefare un gas o si comprime o si raffredda quindi se scrivete che il gas verrà stoccato a pressione quasi atmosferica vuol dire che sarà fortemente refrigerato , specificatelo per correttezza di informazione . grazie
13/02/2018 - Massimo F.
Buona notizia per il porto, l'occupazione e tutto l'indotto che genererà un investimento così importante.
14/02/2018 - Pablo
Massimo F. Grazie per la Tua richiesta di chiarimenti. Ne so qualcosa... I gas per essere liquefatti e condotti allo stato liquido devono essere, come giustamente dici, compressi cosa che avviene all'origine negli impianti di produzione.Dopo questa fase il gas rimane ad una temperatura di parecchi gradi sotto lo zero ( l'ossigeno ad esempio a - 218,l'azoto - 196, ecc). Non so esattamente il Gnl . Dopodiché se manteniamo questa temperatura la pressione di stoccaggio diventa ininfluente ed il trasporto e la lavorazione e' piu' semplice. Come si mantiene questa temperatura per lunghi periodi? Semplice creando dei doppi serbatoi isolati termicamente tra di loro (cosa che si raggiunge con un certo grado di vuoto tra di loro) in modo da isolare il serbatoio interno da quello esterno. Un po' come il thermos di casa ma un po' piu' in grande
14/02/2018 - stefano
Qual'è il livello di pericolosita', da 1 a 10?Perrchè Via baiona tranne il tubificio il resto è tutta roba chimica,cioè bombe .
14/02/2018 - Felice
Cari signori, apprezzo le questioni scientifiche qui poste anche se per ora senza risposta. C'è una grave carenza di contenuto scientifico in parecchie notizie propalate dai media.
14/02/2018 - porter
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.