Palazzo Merlato: duello fra Ancisi e Morigi sui richiedenti asilo negli alloggi ACER

Palazzo Merlato: duello fra Ancisi e Morigi sui richiedenti asilo negli alloggi ACER
Valentina Morigi e Alvaro Ancisi

Duro botta e risposta questo pomeriggio - martedì 13 febbraio - in Consiglio comunale a Ravenna fra Alvaro Ancisi capogruppo di Lista per Ravenna e Valentina Morigi Assessora ai Servizi Sociali. Il tema, quello degli alloggi popolari ACER concessi a richiedenti asilo, che poi si mettono nei guai con lo spaccio di droga, tema sul quale Alvaro Ancisi aveva presentato due question time. 

Ad inizio seduta Ancisi ha illustrato brevemente i contenuti delle sue due interrogazioni, unificate (qui potete leggere la seconda, la più circostanziata). Ancisi lamenta che "14 appartamenti sono sottratti all’edilizia popolare ACER" per essere destinati agli immigrati richiedenti asilo che poi si mettono nei guai, perchè sono fragili, non sono controllati, finiscono per delinquere, come è emerso da alcuni episodi di cronaca recentemente. Ancisi chiede alle Autorità competenti la loro espulsione, subito dal sistema dell’accoglienza umanitaria e in tempi rapidi dall’Italia, da estendere a quanti, ugualmente beneficiari di assistenza umanitaria, li ospitano o sono conniventi.

Ma Ancisi dice anche che va revocata la convezione fra Comune e ACER per la destinazione d'uso di quegli alloggi che debbono tornare ad essere utilizzati per dare risposte alle tante famiglie in difficoltà residenti a Ravenna e non per i richiedenti asilo, perchè ciò è fuori dalle stesse regole ACER.

Ad Ancisi ha risposto punto su punto l'Assessora Valentina Morigi che ha ricordato come alcuni richiedenti asilo implicati nei fatti di cronaca degli ultimi giorni non siano in gestione al Comune di Ravenna, due fanno parte del sistema di protezione che compete alla Prefettura e uno è in gestione a un ente fuori provincia. Quindi il Comune non può vigilare su persone che non ha in carico, ha detto l'Assessora.

Per quanto riguarda gli accertamenti nell'appartamento in cui sono stati trovati 4 ragazzi richiedenti asilo che facevano uso di droga, Morigi ha ricordato che i controlli sono partiti proprio dall'ente gestore, in data 27 novembre, e che quindi non si può parlare di mancanza di controllo. 

Ha annunciato che nei confronti dei 4 giovani - dopo l'intervento dei carabinieri nell'appartamento e il ritrovamento della droga - sono state già avviate le procedure di revoca del sistema di protezione per violazione del patto di accoglienza, quel patto che prevede trasparenza, rispetto delle regole e feedback continuo fra richiedenti asilo e operatori addetti all'assistenza e alla protezione nell'ambito del sistema SPRAR. 

Infine sulla convenzione con ACER, Valentina Morigi ha detto che questa è in vigore dal 2011 e che nessuno ha mai sollevato problemi; è stata stipulata in virtù di un accordo fra vari enti (Stato, Regione, Provincia, Comune) che prevedeva in alcune regioni fondi speciali da destinare ad alloggi popolari per i richiedenti asilo e che con questi fondi gli appartamenti ACER in questione sono stati opportunamente ristrutturati. Dunque, c'è un vincolo di destinazione e d'uso degli appartamenti stessi.

Durissima la replica di Ancisi ovviamente insoddisfatto della risposta della Morigi. Ha accusato il Comune di scarsa trasparenza perchè la pratica non è mai stata portata in Consiglio comunale; ha attaccato sulla vigilanza dicendo che fa acqua da tutte le parti perchè "quando si chiamano i carabinieri vuol dire che le cose sono già scappate di mano" e ha tuonato soprattutto sulla destinazione di quegli alloggi popolari: per Ancisi devono tornare alla loro destinazione naturale "per soddisfare la richiesta delle 1.100 famiglie ravennati che hanno bisogno e che a volte non hanno risposta". Quindi per Ancisi la convenzione va assolutamente revocata.

13/02/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Non so voi, ma secondo me Ancisi ha ragione da vendere...d'accordo al 100%...ma non cambierà niente come al solito anche se è sacrosanto (e doveroso) provarci...bravo Alvaro.
13/02/2018 - piroga
Caro Ancisi io sono dalla tua parte, non mollare nonostante sbatti contro muri di gomma . Certamente le case bisogna darle alle famiglie ravennati bisognose e non ad immigrati che delinquono e che sono a carico della collettività. Sullo scontro che hai avuto con la Morigi hai tutte le ragioni di questo mondo e penso la maggior parte di cittadini ravennati onesti e perbene sono con te ti danno tanta forza. Le risposte della Morigi certamente sono insoddisfacenti che ti vuoi aspettare da una del PD? Ci ricordiamo il 4 marzo. In bocca al lupo signor Ancisi per le tue giuste battaglie.
13/02/2018 - Giancarlo
"accordo fra vari enti (Stato, Regione, Provincia, Comune) che prevedeva in alcune regioni fondi speciali da destinare ad alloggi popolari per i richiedenti asilo e che con questi fondi gli appartamenti ACER in questione sono stati opportunamente ristrutturati. Dunque, c'è un vincolo di destinazione e d'uso degli appartamenti stessi." VINCOLO. Qualcuno vada a leggere cosa è un VINCOLO. Ancisi è bravo quando si tratta di racimolare qualche foto in più. Mi chiedo dove fosse nel 2011 visto che non ha mai sollevato questioni. Campagna elettorale, solita storia.
13/02/2018 - Marcello
Do un suggerimento a tutti: dividiamo gli italiani (veri) tra chi e’ favorevole ad accogliere gli immigrati e chi non. Poi tutti gli immigrati li facciamo ospitare a casa di coloro che sono favorevoli, e a loro spese non a spese dello stato.
13/02/2018 - Mauri48
D'accordissimo con Ancisi. Non se ne può veramente più......
13/02/2018 - cri
Sig. (?) Marcello, non mi sembra di vedere Ancisi tra i candidati alle politiche, per cui di cosa sta parlando? Lui lavora sempre con la stessa passione tutti i giorni dell'anno. Quelo che ha.fatto emergere è uno scandalo senza precedenti, specie consoderando che la Giunta ha deciso tutto senza passare (come prevederebbe invece il regolamento) dal Consiglio Comunale e le alternative sono due: stare dalla sua parte appoggiando la legalita' e le famiglie bisognose, oppure stare con questa amministrazione arrogante e fumosa. Saluti. Stefano Donati , Lista per Ravenna
13/02/2018 - Stefano Donati
Case ravennati ai ravennati!
13/02/2018 - Nicola
Ecco, iniziamo a pensare alle emergenze di casa nostra! Ancisi ha ragione.
13/02/2018 - Gattorosso
Bravo Ancisi, non mollare mai! La risposta degli esponenti del PD trasuda sempre quella velata boria da intoccabili e classica delega di responsabilità. Il 4 marzo prenderanno una storica batosta che gli regalerà un bel bagno di umiltà.
13/02/2018 - Flo
Marcello 1, ha preso male. Per legge, “l’affidamento di attività o servizi mediante convenzione” (art.42, comma 2, lettera e, del Testo Unico sugli enti locali”) è del consiglio comunale La convenzione tra il Comune ed ACER è del 2017, anche perché solo nel 2017 il Comune ha assunto in gestione l’accoglienza dei richiedenti asilo, fino a prima gestita dalla Prefettura. Ma l’ha deliberata la giunta e i consiglieri non l’hanno nemmeno saputo. Oltretutto il regolamento comunale per l’assegnazione degli alloggi di casa popolare non prevede che siano dati ad altri che alle famiglie ravennati bisognose di un tetto. Tutto fuori legge, dunque, ma ancora di più fuori di testa. Mai hanno detto che gli alloggi popolari presi a questo uso distorto li hanno concentrati 12 in zona Gulli, cuore dello spaccio, e 2 in via Vicoli, in altro punto del genere. Chieda a tutti gli altri consiglieri comunali, compresi i suoi compagni.
14/02/2018 - Alvaro Ancisi
Marcello 2: "accordo fra vari enti (Stato, Regione, Provincia, Comune) che prevedeva in alcune regioni fondi speciali da destinare ad alloggi popolari per i richiedenti asilo e che con questi fondi gli appartamenti ACER in questione sono stati opportunamente ristrutturati. Dunque, c'è un vincolo di destinazione e d'uso degli appartamenti stessi". Dovevano ristrutturare degli appartamenti di casa popolare che spetta ad ACER prima di tutto non mandare in malora e che comunque deve riassestare con i propri fondi per darli a chi dice il regolamento? Non ce n’erano altri a Ravenna? E con chi l’hanno discusso? I vincoli come vengono assunti d’accordo tra le parti, si rimuovono allo stesso modo, specialmente quando di quattro parti (Stato, Regione, Provincia, Comune) se ne fa una sola (politica).
14/02/2018 - a
@Marcello, se si fosse preso la briga di aver letto bene l' articolo, non avrebbe perso il passaggio in cui Ancisi lamenta che la questione del vincolo non è mai stata portata in consiglio comunale. A questo punto , anche se fosse stato alle Maldive nel 2011, come avrebbe potuto sollevare questioni si qualcosa di deciso con così scarsa trasparenza? Ravennati, Ancisi potrà pure essere un rompi ma il 90% delle volte lo fa a ragion veduta, ahimè.
14/02/2018 - Anna M
Il primo vincolo lo dovreste avere con chi grazie ai contributi versati ha permesso la costruzione di quegli alloggi...in secondo luogo queste persone sono "richiedenti" asilo e pertanto bisognerebbe sveltire le pratiche per capire se hanno diritto o no all'asilo politico. Più la burocrazia è lenta più queste persone si avvicinano alla delinquenza...
14/02/2018 - MAH
Io sono sempre dell idea che le case popolari sono per le famiglie italiane o straniere che siano in Italia da almeno (tot anni scegliete voi ma devono essere giusti non 2 o 3) e che abbiano lavorato con regolarità in maniera legale. Da ex abitante delle case popolari mi sono accorto anche per esperienze dirette che molti di loro prendono gli alloggi e poi non ci abitano ( lasciano le luci accese per far vedere dei consumi nell energia elettrica ) oppure li subaffittano e non pagano le spese condominiali con la motivazione che non lavorano .... Allora mi domando come fanno a campare !!!! Non penso che questi 4 rappresantuccioli del PD che governa questa città da oltre mezzo secolo possa cambiare le regole ma sicuramente stanno aumentando l'insofferenza fra molti cittadini ....
14/02/2018 - Cesare
Come spesso accade Ancisi mette nell'angolo la cricca che nell'ottica dell'accoglienza "totalitaristica" ci ha riempito di delinquenti peggiorando (di parecchio) le condizioni di vita di noi ravennati privandoci di diritti sacrosanti. Resta un mistero come questi soggetti ottengano ancora i numeri per governare.
14/02/2018 - giampaolo
Bravo dottor Ancisi!!!!!!! Ci aiuti lei a farci rispettare come Italiani
14/02/2018 - Susanna
Ancisi ha ragione da vendere.
14/02/2018 - MAURO
La convenzio è del 2011 come sostiene la Morigi o del 2017 come sostiene Ancisi? Perché se la risposta ad una domanda molto ben centrata parte da assunti falsi, la Morigi dovrebbe dare le dimissioni. Se poi è "tutto fuori legge" come sostiene Ancisi e come par di capire, la cosa è ancor più grave, quindi forse le sole dimissioni della Morigi non basterebbero.
14/02/2018 - Francesco Forte
Le priorità di questo intervento del sig. Ancisi sono le più giuste e dovrebbero essere le stesse di ogni rappresentante politico senza distinzioni di bandiera. Ma si continua a togliere qualcosa agli aventi diritto. Bravo sig Ancisi
14/02/2018 - Renzo
Che le case popolari debbano andare principalmente a chi ha la cittadinanza italiana, e solo marginalmente agli stranieri, è talmente ovvio che stupisce doverne ancora parlare. Vallo a spiegare però al PD (locale o nazionale che sia), che non fa differenze tra italiani e stranieri. Assurdo.
14/02/2018 - Roberto s.
Ormai da almeno 15 anni nel Comune di Ravenna ,per essere buona,,le politiche per assegnazione case popolari sono state poco trasparenti, poi pareva che si volesse rientrare un po' nel binario forse troppo tardi !!! i problemi se non si affrontano poi..... sinceramente non so' se riuscira' a cambiare quello che fa' anche molto male è una sinistra che non ammette mai i suoi errori esplicitamente e intanto si crea una forbice sempre piu' ampia tra chi ha veramente bisogno e chi no; infine per mia esperienza personale lavorativa penso che poco si faccia per i controlli si puo' fare meglio
14/02/2018 - donatella
Anna M. . a prescindere dall"appartenenza politica a me Il dottor Ancisi non da fastidio anzi, se ce ne fossero di piu' degli Ancisi, ci sarebbe piu' trasparenza e non ci tratterebbeRo come dei pecoroni, facendo quel che gli pare e non quello che vorremmo noi, loro elettori compresi. Ma quanto durera'? Batti e zoc duur, staisi' da' una bota.
14/02/2018 - angelo con nostalgia
Roberto s per la Coop i clienti sono tutti uguali, l'importante e' aumentare il fatturato.
14/02/2018 - angelo
non posso dare torto ad ancisi,,i richiadenti asilo ,e chi gestise cio anno una somma dallo stato,quindicon quello si affitono uno stabile a canone normale e lo pagano.
14/02/2018 - batti
Come sempre le sue argomentazioni sono precise e puntuali, complimenti sig. Ancisi, lei continua ad avere tutta la mia ammirazione ed il mio appoggio.
14/02/2018 - Mary
@angelo con nostalgia, mi pareva, ma devo essermi sbagliata, che fosse chiaro dal mio post , che son ben felice che ci siano dei " rompi" come il dott.Ancisi, sulla scena politica. A questo serve l ' opposizione.
15/02/2018 - Anna M
Anna M e' chiaro che il suo post e' a favore di Ancisi come il mio, ma a me non risulta che i ravennati ritengano Ancisi un 'rompi', come ha scritto lei.
15/02/2018 - angelo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.