Truffati on line acquirenti anche di Cesena e Ravenna: denunciati madre e figlio a Sansepolcro

Truffati on line acquirenti anche di Cesena e Ravenna: denunciati madre e figlio a Sansepolcro
Foto di repertorio

Avevano messo a segno diverse transazioni in pochi giorni, ognuna di circa 600 euro: scoperti dagli agenti di polizia

Truffavano acquirenti on line: identificati e denunciati dalla polizia di Sansepolcro (Arezzo) madre (52 anni) e figlio 27enne che avevano messo a segno diverse transazioni in pochi giorni, ognuna di circa 600 euro, truffando cittadini di Arezzo, Ravenna, Bologna, Ancona e Cesena.

Truffavano utenti della rete desiderosi di fare acquisti a buon mercato la madre e il figlio residenti nell'immediato confine umbro toscano, in provincia di Perugia, a ridosso della città di Sansepolcro. È proprio da un cittadino biturgense caduto nella trappola che sono scattate le indagini degli agenti dell'ufficio anticrimine del commissariato di polizia di Sansepolcro.

L'uomo nel mese di gennaio, attratto da un annuncio su un noto sito, aveva deciso di acquistare l'ultimo modello di una nota marca di cellulari ad un prezzo vantaggioso e dopo una trattativa su una piattaforma di messaggistica istantanea di un noto social ed alcune telefonate si lasciava convincere ad effettuare un versamento di 600 euro su una carta poste pay.

L'ignaro acquirente ha pagato quindi il prezzo pattuito, senza però mai ricevere il telefono acquistato, perdendo poi ogni contatto con il venditore che non rispondeva più alle sue chiamate. Con il passare dei giorni la vittima ha realizzato di essere stata truffata e si è decisa così a presentarsi al commissariato di pubblica sicurezza di Sansepolcro. 

Le indagini hanno consentito di appurare quasi subito che l'uomo era purtroppo solo una delle innumerevoli vittime del disegno criminoso che madre e figlio avevano messo in atto. Dall'esame dei movimenti della sola carta di credito indicata dalla vittima, è risultato che negli ultimi giorni erano state almeno altre cinque le persone cadute nella rete dei truffatori, con una media di 600 euro di guadagno illecito ogni due giorni. I malcapitati sono residenti nelle città di Arezzo, Ravenna, Bologna, Ancona e Cesena.

In considerazione della portata dell'azione criminosa, gli agenti della Polizia hanno deciso di accelerare l'attività investigativa e hanno contattato tutte le altre vittime della coppia; hanno poi acquisito tutti gli elementi di prova utili ad incastrare i due truffatori, dalle utenze di cellulare utilizzate, ai collegamenti alla rete informatica, ed infine i filmati delle telecamere di videosorveglianza posti in prossimità dei bancomat dove risultavano essere state prelevate le somme di denaro.

Dall'incrocio dei dati in possesso e la visione dei filmati delle telecamere di sicurezza, gli agenti hanno individuato con certezza i due truffatori e nella giornata di ieri si sono presentati presso la loro abitazione dove hanno rinvenuto e sequestrato la carta di credito e tutto il materiale utilizzato per porre in atto le truffe.

Da un primo esame del materiale sequestrato è emerso che i finti annunci di cellulari in vendita sono solo la minima parte dell'attività della coppia di truffatori: infatti in altri siti risultano innumerevoli annunci di vendita di scarpe, materiale informatico, vestiti ed altro, per un giro di affari ancora da quantificare. Il figlio, B.N., 27 anni, e la madre, P.S., 52 anni, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso Tribunale di Perugia per il reato di truffa aggravata in concorso.

13/02/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
grazie dio consumismo (venuto dopo ciò che possiamo ottenere togliendo una 's' e invertendo 'n' e 'm') e relativa globalizzazione -_-
13/02/2018 - D.M.
Ah, quindi dici che il comunismo era meglio? Nutro fortissimi dubbi.
13/02/2018 - Filippo
commento inutile, come dire colpa dello Stato ... vorrei ricordare che non si è obbligati a commentare
13/02/2018 - eddaie
ovviamente si viene fraintesi perché si cita 'globalizzazione' come brutta e cattiva (lo è...per come è stata implementata e su come ci tocca subirne gli effetti) e allora subito etichettati come "comunisti" a causa del gioco di parole.... ...ma visto che ci tenete vi offro un "era meglio, ma nel controllo demografico" (mentre oggi la cina "deborda" di gente) 3:) :P
14/02/2018 - D.M.
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.