LA POSTA DEI LETTORI / Tutti questi autovelox considerano l'automobilista quasi un delinquente

Sono propenso a credere che l’abuso degli autovelox sia un poco civile escamotage di cui Ravenna, ‘ovviamente’, si sta servendo a spregio di una corretta convivenza con gli automobilisti – che sono la maggioranza dei cittadini -, senza preoccuparsi, oltre tutto, del danno che arreca al turismo. Da parte della pubblica amministrazione c’è, evidentemente, l’obiettivo di sostanziosi introiti, salvo poi a confessare che un’altissima percentuale maggioritaria dei presunti incassi se ne va in spese e mancate riscossioni.

L’autovelox, inoltre, segnala pure i lievissimi superamenti di velocità, a prescindere dalle condizioni di reale pericolo, sempre con frustranti procedure che considerano l’automobilista quasi un delinquente. E a me sembra anche che nella ripetuta installazione di autovelox ci sia la manifesta volontà di continuare a voler impiegare i Vigili in attività puramente amministrative, quando un loro diretto impiego, anche a turni, nella sorveglianza dei nodi stradali di maggior pericolo, con appropriati controlli volanti, e non solo di giorno, servirebbe pure a raggiungere migliori risultati riguardo la sicurezza: Ravenna è una città da record per i furti nelle abitazioni e nei locali pubblici.
Gianni Celletti

17/04/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Il problema non sono gli autovelox, che sono anzi uno strumento prezioso e utile!!! Il vero problema sono i limiti, che, nell'80% dei casi non hanno senso, sono incongrui con una circolazione fluida e sicura. Il risultato è che l'autovelox, anziché penalizzare qualcuno che sta guidando in modo pericoloso, penalizza un poverocristo che procede ad una velocità del tutto rispettosa alle condizioni del traffico e della strada in quel tratto. I limiti andrebbero tutti ridiscussi e resi congrui. Poi autovelox a stangare! A quel punto i multati non mi farebbero più pena e anzi sarebbero tutti pericoli in meno per la strada. Ma uno che va a 60 alle due di notte in via Faentina NON E' un trasgressore da perseguitare!
17/04/2018 - Marco O.
Non tutti sono "quasi delinquenti" ma, e' innegabile che di delinquenti patentati..abbondano le strade!
17/04/2018 - italio
L' esatto contrario di Forli dove gli autovelx comunali sono stati disattivati ma i vigili sono spesso sulle strade con quello mobile e comunque sempre presenti in centro
17/04/2018 - artemio
Marco O., sintesi perfetta senza confusione tra causa ed effetto. Finalmente una persona di buon senso. Alle prossime comunali proponi la tua candidatura, un voto lo prendi sicuro!
17/04/2018 - E.S.
Marco O.: Perfetta sintesi della situazione. Il limite posto a 70km/h sul tratto di Via San Vitale, un rettilineo con carreggiata particolarmente ampia, in cui sono presenti i due ormai famigerati autovelox fissi ne è solo un esempio.
17/04/2018 - Dragone Guerriero
....hanno sbagliato i calcoli.....hanno messo gli autovelox per far rispettare i limiti (giusto ! ) poi hanno visto che si poteva fare cassa e sono stati contenti..... ma gli automobilisti hanno accettato di andare più piano e di conseguenza gli introiti sono calati ! Invece di essere contenti si sono spaventati per il calo degli incassi e allora dai con altri autovelox per fare cassa !!! La domanda nasce spontanea : "Interessa la sicurezza stradale o fare cassa ?" Visti poi i risultati dell'investimento dei proventi delle multe per riparare le strade.....non ci sono parole !!!
17/04/2018 - Rx
Mah... parole parole parole
17/04/2018 - Emanuele
Chi supera i limiti in centro urbano va multato sia per superamento e quindi rischio che per rumore causato a chi abita nei pressi di quelle strade.ben venga autovelox in città!!!
17/04/2018 - E
Condivido il pensiero di Marco O. sulle strade ci sono ancora limiti di velocità che appartengono all’epoca delle bianchine e 500, da allora l’industria delle automobili ha fatto passi da gigante e i sistemi di sicurezza sono più che adeguati ad alzare un pochino i limiti, certo però che se le strade in cui circoliamo sono ridotte peggio delle mulattiere al punto da essere pericolose per la circolazione dei mezzi, soprattutto a due ruote...e vogliamo mettere delle pattuglie in borghese a dare un giro di vite a quelli che usano il cellulare in auto? Son più pericolosi quelli che un’auto ai 60/70...
18/04/2018 - Hypersthene
L'autovelox è il bancomat dei comuni sciuponi.
18/04/2018 - Giovanni lo scettico
Facciamo come i patrioti risorgimentali che a Milano nel 1848 smisero di comprare sigari per privare l'amministrazione austriaca di quell'introito !! Oltretutto rispettare i limiti di velocità non fa venire crisi di astinenza.
19/04/2018 - porter
Gentile Porter, mi complimento con lei. E mi spiace che i suoi messaggi cadano spesso sotto le forbici della redazione.
19/04/2018 - Giovanni lo scettico
Condivido al 100% il pensiero di Marco O.. Il vero problema sono i limiti di velocita’, 90 km/h non si trova piu’, e’ sempre ridotto a 70, limite assurdo anche rispetto ai 50, molto piu’ pericolosi, dei centri abitati. Ho preso una multa negli ormai famosi autovelox di Via San Vitale (allora non lo erano) tornando da Russi alla folle velocita’ di circa 90 km/h, la velocita’ permessa nelle strade extraurbane. 224 euro perche’ dopo le 22 la multa viene aumentata di un terzo. Sicuramente ero pericoloso per le 4 macchine che ho incrociato. Un’altra sull’adriatica mentre sfrecciavo ai 78 in un tratto con limite a 70. Ormai sono piu’ impegnato a controllare il contachilometri che a guardare la strada.
20/04/2018 - tagio
io piu che delinquente mi sento una mucca da MUNGERE,poi bisogna anche conoscere bene i posti dove sino situati ,li succede di piu e di tutto,inchiodate sterzate strzate brusche
22/04/2018 - batti
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.