Donazioni. Una nuova e attrezzatissima ambulanza arriva al 118 di Ravenna

Donazioni. Una nuova e attrezzatissima ambulanza arriva al 118 di Ravenna

E’ stata inaugurata questa mattina, presso la sede del 118 Romagna a Ravenna, una nuova autoambulanza in dotazione al servizio. Il nuovo mezzo di soccorso è stato donato dalla Cooperativa Lavoratori Trasporto Ravenna CLT, presente, questa mattina coi propri vertici, al simbolico taglio del nastro, insieme al sindaco di Ravenna Michele De Pascale e ai vertici sanitari dell’Ausl Romagna e del 118 Romagna, diretto dal dottor Claudio Begliardi.

L’ambulanza donata è completa di attrezzatura sanitaria ed ha un valore di oltre 115mila euro. Dimensioni di cinque metri e mezzo per due, e altezza di oltre due metri e mezzo, il mezzo è dotato di tutte le più moderne apparecchiature per facilitazione della guida nell’ottica di perseguire la massima sicurezza stradale (ad esempio con dispositivi per segnalazioni luminose e sonore d’avanguardia). Estremamente curate le misure per il confort dei pazienti e degli operatori grazie ad approcci e innovativi ad esempio per le pedane di accesso, le modalità costruttive (con limitazione massima delle giunture), la coibentazione, il riscaldamento e la ventilazione di tutti gli spazi interni e in particolare della “cella sanitaria”.

L’ambulanza dispone di tre barelle: una a cucchiaio, una spinale e, la principale, autocaricante, predisposta anche per pazienti bariatrici (fino a 280 chili), cui si aggiunge una “sedia a portantina”. Quindi monitor per rilevazione parametri e trasmissione dati all’ospedale, defibrillatore, apparecchiature e bombole per gas medicali, aspiratori, presa per termoculla, un set di attrezzi per primo intervento in caso di incidenti stradali (ascia, piede di porco e altro).

Tutte le attrezzature di bordo sono comandate da un sistema integrato per la gestione, composto da un pannello di comandi sulla plancia della cabina, un pannello comando nel vano sanitario, ed una unità accessibile dallo sportello esterno. Il mezzo, infine, è dotato di portellone laterale realizzato in modo da consentire il taglio dei tempi di fermo macchina per riparazioni o tagliandi e i relativi costi.

L’attività del 118 Romagna

Nel territorio romagnolo sono operative, nel periodo invernale, 45 ambulanze per l’emergenza, 10 automediche ed un elicottero, cui vanno aggiunte 10 ambulanze nel periodo estivo e circa 35 mezzi per il trasporto secondario, che variano nel numero a seconda dei trasporti richiesti. Nel 2017 sono state filtrate 123.990 richieste di soccorso, esitate in 113.828 interventi per 114.452 utenti trasportati nei vari Ospedali. I mezzi in emergenza svolgono una percorrenza media di 55.000/70.000 chilometri l’anno a seconda dell’ambito territoriale di utilizzo.

In particolare per l’ambito territoriale di Ravenna, i mezzi sono 14 in servizio tutti i giorni in inverno e 17 in estate, cui si aggiunge ora quello donato, e gli interventi effettuati 47.577.

I donatori

La Cooperativa Lavoratori Trasporto Ravenna CLT è un’azienda leader nel settore dei trasporti nazionali e internazionali di carbon black, carboni attivi e merci varie, con un parco mezzi di oltre 500 unità. Costituita nel 1983 da 26 soci,  ad oggi è presente in vari Paesi in territorio europeo con succursali e società partecipate. Il Gruppo di Imprese occupa circa 270 persone.

“Per festeggiare i 35 anni di attività i soci hanno scelto di compiere un gesto di responsabilità sociale a  sostegno della comunità locale donando un’autoambulanza attrezzata al centro Operativo 118 di Ravenna” ha detto il presidente Enrico Giacomoni, che ha partecipato alla sobria cerimonia insieme al vice Guido Ravaldini, ai membri del cda Cristina Perlini, Francesco Bambi e Demetrio Naso, al socio Romeo Giacomoni, già presidente di CLT dal 1988 al 2012; al presidente del Collegio Sindacale Enrico Montanari e al vicepresidente di Federcoop Romagna Rudy Gatta.

“Ringrazio a nome di tutta la città i soci della Cooperativa Lavoratori Trasporto Ravenna CLT, che per festeggiare un traguardo fondamentale come i 35 anni di attività, hanno voluto fare un dono di importantissimo valore a tutta la comunità ravennate – ha a sua volta detto il sindaco Michele De Pascale - . Lo trovo un gesto non solo di grande generosità e responsabilità sociale, prevista peraltro dalla Costituzione, ma anche un esempio virtuoso in un momento storico in cui spesso l’individualismo prende il posto del bene comune. Ravenna dimostra ancora una volta di avere un grande cuore. Come sindaco della città sono orgoglioso dei miei cittadini sempre pronti a gesti di solidarietà. Inoltre ringrazio il personale del 118 per la sua grande professionalità: con questa donazione avete messo benzina in una macchina da Formula 1”.

Il direttore Sanitario Stefano Busetti, che ha rappresentato l’azienda insieme al dottor Giorgio Randi e a vari altri medici ed infermieri del servizio, ha concluso evidenziando la fortissima gratitudine dell’Azienda nei confronti della Clt: “così come di tutta la società civile che evidenzia il proprio apprezzamento rispetto al nostro lavoro, anche con donazioni. Gesti che ci aiutano a svolgere meglio il nostro lavoro, con un approccio sempre più proattivo nei confronti dei residenti e dei turisti che vengono nel Ravennate. Per di più le ambulanze sono strumenti sottoposti ad un fortissimo utilizzo e ad innovazioni tecnologiche rapidissime, per cui un mezzo nuovo in più ci consente di lavorare con maggior serenità”.

12/05/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Grazie ai soci della CLT!!! Un gesto da sottolineare e non da tutti, né da tutti i giorni
12/05/2018 - Riccardo
Un plauso per l ambulanza. , Ma Ravenna non sono quelle in sofferenza PIUTTISTO UN CAMION PER I POMPIERI ,,. ECCO QUI. È NOTO DA DECENNI CHE NON ARRIVA NIENTE ,,. MEDITATE
12/05/2018 - Moreno
@Moreno.- sto con Lei.- c'è qualcuno che ha voglia di aprire una sottoscrizione pubblica per un mezzo a favore dei Vigili del Fuoco??? che bello sarebbe veder girare un mezzo con la scritta...DONAZIONE DEI RAVENNATI !!!!!!!
13/05/2018 - armando
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.