Incidente stradale. Uomo investito e ucciso in Via Baiona nella serata di domenica

Incidente stradale. Uomo investito e ucciso in Via Baiona nella serata di domenica

Un gravissimo incidente si è verificato nella serata di domenica 13 maggio, poco prima delle 22, in Via Baiona 170 di fronte alla Evonik Degussa Italia S.p.A. dove - probabilmente a causa del buio - un'auto è piombata su tre persone a bordo carreggiata e ne ha ucciso una, un uomo di 33 anni. Il guidatore dell'auto ha dato quasi subito l'allarme. Sul luogo oltre al 118 sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco. Ma per l'uomo investito non c'era nulla da fare. Gli altri a quanto pare sono rimasti illesi.

I rilievi sono stati effettuati dalla Polizia Municipale. I tre uomini erano di nazionalità cinese. 

14/05/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Ieri tornando da marina romea direzione ravenna li ho visti che erano nel lato opposto ma si faceva fatica a veder camminavano insieme erano vestiti scuri .r.i.p
14/05/2018 - Carmela Giovenco
Gli incidenti stradali purtroppo sono realta' a cui siamo abituati, ma non per questo non possono essere eliminati o cmq diminuiti di numero. Vedo spesso persone a piedi su strade poco indicate, senza guibbotti ben visibili, anzi spesso vestiti di scuro e pure nella direzione di marcia (ricordo che a piedi si deve andare contromano). Inoltre vedo anche molte auto transitare con la ruota di dx molto vicino al ciglio, in quel punto oltre ai pedoni ci possono essere animali ed oggetti persi da qualche veicolo..... e' meglio transitare lasciando uno spazio adeguato ad un possibile ostacolo che ci potrebbe comparire all'improvviso.......
14/05/2018 - elio62
Sarebbe vitale che anche i pedoni dovessero rendersi visibili specie là dove l'illuminazione pubblica non c'è o è scarsa. Provo vero dispiacere per la vittima.Come automobilista auguro tanto, tanto coraggio all'investitore .
14/05/2018 - Giovanna
Percorro quella strada quasi quotidianamente da più di trent'anni, spesso di sera tardi o di mattina presto; capita di superare pedoni o biciclette mentre si incrociano altri veicoli i cui fanali impediscono di vedere bene, e anche andando ad andatura moderata, il rischio di metter sotto qualcuno è concreto. Con ogni probabilità i tre cinesi erano "al buio" come tanti che mi capita di vedere. Il peggio è sempre per le vittime, è ovvio; ma a chi ieri sera ha investito, cambia la vita, si troverà in un mare di guai; e se per caso a cena aveva bevuto due bicchieri di vino verrà considerato ubriaco, e questo mi pare se non assurdo, almeno esagerato. Il cronista ha usato il verbo "piombare". Credo che chi scrive dovrebbe usare termini più appropriati, senza cercare sempre il sensazionalismo a scapito delle disgrazie altrui.
14/05/2018 - NP
mi dispiace per il ragazzo morto ma è ora che si mettano leggi dove obbligano i pedoni a girare con casacche con catarinfrangenti e luci in strade non pedonabili come la baiona e con obbligo di camminare nella parte opposta in modo che anche il pedone veda con i suoi occhi e non solo fidandosi di chi guida. devo anche dire che le biciclette girano senza fanali di notte ed io che abito a godo ne incrocio spesso, ragazzi di colore con le loro biciclette senza illuminazione...basta
14/05/2018 - massimiliano
Concordo pienamente con massimiliano...pedoni e ciclisti quando fa buio obbligo di giacche catarinfrangenti e per le bici regolare illuminazione.- OK !!! d'accordo !!Poi. chi controlla ??? avete mai visto sera o notte macchine Vigili Urbani o Carabinieri in giro, che poi fermano questi non in regola.- Poi, anche le auto che girano a fanali spenti...LI VOGLIAMO MULTARE ??? di notte sembriamo un paese del terzo Mondo!!! Speriamo che i nuovi assunti nella Municipale, siano obbligati anche a girare di sera/notte, per evitare succedano simili disgrazie.-
14/05/2018 - bilancia
Concordo pienamente, dove sono i controlli? le leggi ci sono ma chi le deve fare rispettare dove sono? in ufficio? basta è ora di tornare in strada e controllare, da cittadina che paga le tasse lo pretendo! s.m
15/05/2018 - s.m
questi spiacevoli episodi continueranno a succede fintanto le forze dell'ordine non multeranno tutti i pedoni e ciclisti che non utilizzano giacche catarinfrangenti e dispositivi luminosi come prevede il codice. E' inutile piangere i morti quando non si fa nulla per evitarli
15/05/2018 - duke
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.