Gruppi whatsapp per controllo del territorio: in cantiere la Seconda Marcia Silenziosa per Legalità

Gruppi whatsapp per controllo del territorio: in cantiere la Seconda Marcia Silenziosa per Legalità

Ravenna è la prima provincia in Italia dotata di una rete capillare di chat per la sicurezza, con la piattaforma WHATSAPP (gruppi whatsapp per il controllo del territorio). Ad oggi è quasi impossibile definirne i confini tra comune e provincia, i gruppi sono cresciuti di numero e così le persone che collaborano fra loro. "Abbiamo creato chat sia in città (Ravenna Sos Chat) che nel forese (Sos Forese Sud), aggregato gruppi, conosciuto persone, partecipato a numerose riunioni, sia dell’Amministrazione con la presenza delle forze dell’ordine, che delle associazioni di categoria sul territorio" dicono gli animatori delle chat. 

"A tutte quelle riunioni dove il tema della sicurezza era al primo posto noi eravamo presenti, con domande puntuali abbiamo fatto capire che volevamo andare in fondo al tema della sicurezza e poter dare una mano a tutti gli attori sul campo. Per farci conoscere abbiamo fatto volantinaggio informativo. Tutte le idee che ci passavano per la mente le mettevamo in atto, chiaramente dopo una discussione al nostro interno. - continuano a raccontare - Ravenna Sos Chat è una realtà ormai consolidata e radicata sul territorio e le chat di quartiere ormai diventate di uso quotidiano. (ravennasoschat@gmail.com) Da tempo Ravenna Sos Chat si è unita a Sos Forese Sud collaborando per le segnalazioni anomali che vanno verso la città e viceversa. Le notizie riguardanti la sicurezza non transitano soltanto in rete (http://www.facebook.com/ravennasoschat) ma arrivano direttamente alle Forze dell'Ordine e nello specifico alla Centrale Operativa della Polizia Municipale che coordina e sviluppa gli interventi."

Infatti come prima cosa gli aderenti hanno il compito di avvisare immediatamente le Forze dell'Ordine e successivamente attivare le chat.

"A tal proposito abbiamo in programma molti eventi che ci permetteranno ancor di più di farci conoscere ai cittadini ignari di tale iniziativa. - continuano - Partiamo con sabato 19 e domenica 20 maggio in Piazza Kennedy dove con un punto informativo daremo opuscoli e consigli pratici riguardanti la sicurezza attiva e passiva. Continueremo con la nostra riunione ufficiale a Classe il 23 maggio, presso la Festa dello Sport, in cui sarà ospite e relatore il Comandante della Polizia municipale Andrea Giacomini. Finiremo questo mese di maggio con la seconda passeggiata silenziosa dal titolo “MARCIA SILENZIOSA PER LA LEGALITÀ E A SOSTEGNO DELLE FF.OO. senza nessuna connotazione politica, religiosa o razziale organizzata da Ravenna Sos Chat che partirà da piazza del Popolo e terminerà in piazza San Francesco, dove si trova l'omonima chiesa, purtroppo violata con il furto della corona della Immacolata Concezione."

 

LE ORIGINI

Quartiere Alberti, due uomini si incontrano, un terzo si aggiunge, e così ha inizio nel quartiere la prima chat di 11 persone. Da quella sera di febbraio del 2016 tantissime cose sono state fatte, sulla sicurezza e sul sociale. "Abbiamo soprannominato il quartiere Alberti “LABORATORIO”, perché tutte le idee che nascevano qui e qui testate le portavamo altrove, e ancora oggi l’impronta si vede! Si sente l’esigenza di avere in quartiere una seconda chat per le chiacchiere, per poter liberamente commentare o segnalare quelle cose che non riguardano la sicurezza. - aggiungono - Ad oggi questa chat ha toccato diversi temi interessanti per il benessere del quartiere e la serenità delle persone. Con l’aiuto delle segnalazioni direttamente all’Amministrazione abbiamo risolto diversi problemi quali spazzatura, segnali stradali divelti, giochi nei parchi e manutenzione, sfalci dell’erba, tombini rotti diventati pericolosi per il passaggio, degrado urbanistico, cassonetti rotti, materiali pericolosi abbandonati. Abbiamo suggerito alle persone di utilizzare piattaforme gratuite per fare le segnalazioni. Tutto ciò muove la gente a incontrarsi, a discutere, parlarsi, partecipare attivamente alla vita del quartiere."

"Abbiamo pensato di inserire nella chat delle discussioni anche i commercianti, che sono quelli che stanno tanto tempo in quartiere e in caso di pericolo possono essere i primi ad avvisare le forze dell’ordine, e successivamente attivare la chat. Le persone che abitano il quartiere hanno capito l’importanza di questa iniziativa, ce ne accorgiamo dai commenti che in forma privata arrivano. Speriamo col tempo di aumentare ancora di più, si cerca di creare chat sociali anche da altre parti, il dialogo smuove la conoscenza, la conoscenza smussa la diffidenza" concludono.

16/05/2018

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.