In manette. Torna in carcere il "magazziniere" della droga per ripetute violazioni dei domiciliari

In manette. Torna in carcere il "magazziniere" della droga per ripetute violazioni dei domiciliari
La droga sequestrata lo scorso 11 ottobre dai carabinieri

Nel corso dei consueti controlli che i carabinieri hanno effettuato, è emerso che l'abitazione del 29enne era frequentata da personaggi con precedenti per stupefacenti

Arrestato di nuovo, il 29ennne finito in manette l’11 ottobre dello scorso anno, dopo un blitz dei carabinieri che lo avevano sorpreso nel garage di un condominio nel centro di Faenza, da lui utilizzato come deposito di marijuana e cocaina. L'uomo, dopo quell'arresto, aveva beneficiato del regime degli arresti domiciliari, ma i carabinieri hanno accertato che non rispettava le “regole” fissate dal giudice e così è tornato in carcere.


Il 29enne
, ad ottobre dell’anno scorso, era finito nel mirino dei carabinieri di Granarolo faentino, dove all’epoca abitava. I militari dell’arma, dopo averlo tenuto sotto osservazione per alcuni giorni, un pomeriggio lo avevano pedinato fino ad arrivare a un garage in via Mameli, in pieno centro a Faenza. Il blitz aveva consentito il sequestro di quasi undici chili di marijuana e 120 grammi di cocaina, immagazzinati in quel locale che a tutti gli effetti era stato adibito a laboratorio per il confezionamento.

Il ragazzo, su disposizione del gip, era stato associato al carcere di Ravenna dove poi ha scontato alcuni mesi di detenzione. L’esito del giudizio abbreviato, come richiesto dal difensore, è stata una condanna a sei anni di reclusione per detenzione di stupefacenti. Dal 19 marzo di quest’anno, però, il giudice aveva accolto la richiesta del difensore ammettendolo alla misura cautelare dei domiciliari in un appartamento a Faenza. Il giudice, oltre al divieto di allontanamento dall’abitazione senza autorizzazione, gli aveva imposto di non incontrare nessuno, al di fuori dei propri familiari.

Nel corso dei consueti controlli che i carabinieri del Radiomobile hanno effettuato nei confronti del 29enne, è emerso che la sua abitazione era frequentata da personaggi con precedenti per stupefacenti. In un caso, uno degli “ospiti”, all'arrivo dei militari, aveva tentato di nascondersi in bagno mentre in altre due occasioni, nonostante Torrisi avesse garantito di trovarsi da solo, i militari lo avevano trovato in compagnia di una donna che aveva anche protestato quando i carabinieri avevano ricordato all’arrestato domiciliare che non poteva ricevere visite, salvo quelle dei parenti.

Un'altra volta, l'hanno beccato affacciato alla finestra che conversava con un conoscente. Infine, in occasione di un recente controllo, i carabinieri mentre ispezionavano le stanze del suo appartamento, si sono trovati di fronte un pitbull.

Negli ultimi tempi, i militari dell’arma avevano anche appurato che il 29enne aveva la disponibilità di un telefonino cellulare. Esaminando le sue telefonate erano risaliti a contatti con altri personaggi legati al mondo dello spaccio. Nella sua rubrica, ad esempio, aveva registrato sotto un nome di fantasia il numero di un noto pregiudicato per fatti di droga e poi, per giustificarsi aveva raccontato che si trattava di una pizzeria che faceva le consegne a domicilio.

A quel punto, viste le continue violazioni, i militari dell’arma hanno proposto al pubblico ministero, dott. Stefano stargiotti, l’aggravamento della misura cautelare.

Il gip Antonella Guidomei ha concordato con il pubblico ministero, osservando che Torrisi ha dimostrato con le sue violazioni di essere “privo di capacità di autocontrollo”, presupposto “imprescindibile” per poter beneficiare della misura domiciliare, così ha ordinato ai carabinieri di riaccompagnarlo in carcere a Ravenna, provvedimento che è stato eseguito nel pomeriggio di martedì.

 

16/05/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
La soluzione del problema?????una palla al piede da 50 kg, nel salotto di casa !!! vedrete che ci sta ai domiciliari !!!
16/05/2018 - bilancia
Questo dimostra che la pena dei domiciliari non è una pena deterrente per la delinquenza ...al genio che ha partorito questa pena bisogna comunicargli che in certi casi non funziona .. e che bisogna modificarla ...
16/05/2018 - S
Ci sono leggi che in certe nazioni per un quantitativo di droga così grande e forse anche meno , prevedono pene di 15 anni di carcere qui noi diamo i domiciliari boh !
17/05/2018 - Marc
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.