Sport. Ravenna, al via "Judo al parco": i giardini diventano palestre per abbattere le differenze

Sport. Ravenna, al via "Judo al parco": i giardini diventano palestre per abbattere le differenze
Atleti e tecnici di Team Romagna Judo

Il comune di Ravenna informa che i parchi cittadini diventeranno palestre a cielo aperto, dove bambini normodotati e non potranno imparare e praticare il Judo nel corso di dodici pomeriggi, tra il 14 giugno e il 30 agosto, dalle 17.30 alle 19.30.

Succederà grazie al progetto “Judo nel parco” - il cui obiettivo è quello di eliminare il divario che troppo spesso si è posto per ignoranza o non curanza fra due mondi che non sono altro che parti dello stesso - organizzato dall’associazione sportiva dilettantistica Team Romagna Judo in collaborazione con Anmic (Associazione nazionale mutilati e invalidi civili), Aid (Associazione italiana dislessia), Avis (Associazione volontari italiani sangue) e AeER (Associazione epilessia Emilia Romagna) e con il patrocinio di Comune, Provincia, Regione e Servizio sanitario regionale Emilia Romagna – Azienda unità sanitaria locale della Romagna.

“Lo sport è importante per costruire un percorso di autonomia per coloro che sono affetti da disabilità - afferma l’assessore allo sport Roberto Fagnani nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’evento - un percorso che riesce a produrre anche importanti risultati sull’autostima. Sono diversi gli studi a testimoniarlo e per questo motivo il diritto allo sport deve essere sempre più al centro della politica.
In quest’ occasione parliamo del judo, uno sport che rispetto agli altri ha forse meno i riflettori puntati e per questo motivo sono molto felice, perché si tratta di una disciplina che è strumento di trasmissione di valori significativi”.

"La volontà di realizzare questo progetto - scrive il Comune - nasce dal desiderio del Team Romagna Judo Ravenna, associazione sportiva dilettantistica operativa da oltre quaranta anni nel settore del Judo amatoriale ed agonistico nel comune e nella provincia di Ravenna, di fare uscire dal proprio dojo (palestra) un’esperienza che fino ad oggi è rimasta all’interno di una realtà circoscritta."

"Il Team Romagna Judo - aggiunge - ha infatti accolto al suo interno numerosi bambini e ragazzi con problematiche disadattive diagnosticate e non, integrandoli a tutti gli effetti nel contesto della squadra di apprendimento con coetanei normodotati. Essendo alcuni di questi bambini diventati adulti e tuttora presenti all’interno della realtà sportiva della società, non vi è ombra di dubbio che l’esperienza abbia avuto un riscontro assolutamente positivo."

"Per la grande attenzione - conclude - che questo sport pone all’equilibrio fisico e mentale, viene considerato un’ottima disciplina per ragazzi con disabilità sia fisiche che mentali come ipovedenti, autistici, affetti da sindrome di Down, dislessia, cosiddetti DOP (disturbi oppositivi provocatori) e altri ancora. Essendo quindi oramai il Judo riconosciuto anche dalla odierna pedagogia come un valido strumento educativo estremamente prezioso per l’evoluzione psicofisica del bambino, perché non sensibilizzare ulteriormente l’opinione pubblica attraverso la diffusione del Judo nei giardini e parchi pubblici della nostra città? Con l’attuazione di questo progetto si vuole proporre un modello di judo didattico educativo del corpo e della mente rivolto a fanciulli, bambini e ragazzi aventi bisogni educativi speciali (BES) e normodotati."

Gli appuntamenti saranno promossi comunicandoli anticipatamente tramite social network, volantinaggio e appelli radiofonici. Agli incontri saranno sempre presenti contemporaneamente tre istruttori qualificati FIJLKAM, CSI, un operatore sportivo per disabilità e personale professionale specializzato nelle dinamiche infantili. Sul posto verranno utilizzati alcuni tatami, ossia tappetini anti trauma assemblabili facilmente fra loro, onde evitare che i bimbi possano percepire il terreno come troppo duro e traumatico per i loro esercizi.

Il progetto è indirizzato a tutti coloro che in età prescolastica e scolastica vorranno avvicinarsi a questa disciplina ed ai judoka della medesima fascia di età che già conoscono e praticano questa disciplina e che saranno ben lieti di aiutare i nuovi amici nell’ apprendimento di questa arte; sì, perché la parola giapponese Judo significa arte della cedevolezza. Al termine della stagione estiva, coloro che lo desiderassero potranno continuare questa emozionante esperienza didattica presso il dojo (palestra) del Team Romagna Judo Ravenna.

Il calendario degli incontri:
- 14 giugno giardini pubblici di viale Santi Baldini, nei pressi dello Chalet, Ravenna;
- 21 giugno giardino Teresa di Calcutta di via Trasimeno, Borgo Montone;
- 28 giugno parco pubblico di via Teresa Noce, Porto Fuori;
- 2 luglio giardino 9 novembre 1989 di via Cusano / via Keplero, Ravenna;
- 12 luglio giardino Giovanni Marcora di via Fratelli Chiari, Madonna dell’Albero; 
- 19 luglio giardino Patrizia Angiolini Martinelli di via Classense, Classe;
- 26 luglio giardini Speyer di viale Farini, Ravenna;
- 2 agosto giardino della Fratellanza di via Cilla, Ravenna;
- 9 agosto parco Carlo Urbani di via della Lirica, Ravenna;
- 16 agosto parco Fagiolo di via Cavina, Ravenna;
- 23 agosto giardino pubblico di via Ancona, adiacenze campo Low Ponte, Ponte Nuovo;
- 30 agosto giardino pubblico adiacenze campo sportivo, Fornace Zarattini.

La partecipazione all’evento è gratuita per i ragazzi. Per avere maggiori informazioni si può scrivere all’email polidorimarina@libero.it oppure telefonare al 3451215375.

È attiva inoltre la pagina ufficiale facebook @teamromagnajudo per restare aggiornati su tutte le attività relative all’evento.

11/06/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
complimenti
12/06/2018 - donatella
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.