Piscina comunale di Ravenna. Il malcontento delle società sportive. Quale sorte per la struttura?

Piscina comunale di Ravenna. Il malcontento delle società sportive. Quale sorte per la struttura?
Piscina comunale di Ravenna

È noto ormai da mesi, come riportato dalla cronaca locale, che la gara di appalto sulla gestione della piscina comunale “Gianni Gambi” di Ravenna è in scadenza il prossimo 31 dicembre. Come è anche noto che l’amministrazione comunale, nella figura dell’assessore allo Sport Roberto Fagnani, ha in programma, come lui stesso ha affermato, “importanti novità per la struttura, che sarà protagonista di un grande progetto”.

Novità e progetto di cui però società sportive, atleti e utenti "non sanno ancora nulla". Ripetiamo, a sei mesi dalla scadenza dell’attuale gestione.

Un periodo di tempo che ad una prima analisi potrebbe apparire ancora lungo per ricevere una comunicazione ufficiale dal Comune e che quindi potrebbe invogliare tutti a “star tranquilli”, come riferito più volte dall’assessore Fagnani ai rappresentanti di società, enti e associazioni sportive.

Ma stare tranquilli non è poi così facile visto che la macchina che mette in moto corsi, allenamenti, meeting, partirà già da settembre e per l’intera stagione (non solo per qualche mese fino a dicembre) e visto che molte persone spendono gran parte del loro tempo in piscina vuoi per lavoro, passione o sport. Ed infatti quello che si respirare sul piano vasca, da qualche mese, non è tanto l’odore di cloro, bensì un malcontento generale.

Stando alle informazioni che abbiamo avuto modo di raccogliere in struttura, sembrerebbe che "l’attuale gestione non sarà prorogata e che sussistano forti dubbi – che il comune non ha ancora tolto - sull’avvio, da gennaio, della nuova stagione, in quanto molto probabilmente l’impianto resterà chiuso per lavori di manutenzione di cui non si conoscono tempistiche, durata e termini".

Quello che le società sportive sanno per certo e che più volte hanno ribadito nelle sedi appropriate all’amministrazione comunale è "che non vogliono sia modificata la tipologia di bando, per garantire sempre a tutti la possibilità di sostenere i costi degli spazi acqua, senza che siano favoriti alcuni privati a discapito di altri."

Ed il Comune avrebbe risposto a tali esigenze, assicurando che il regolamento resterà immutato anche se la piscina andrà in gestione ad un privato.

Altro problema, non meno rilevante, è che affidare la struttura al privato – dopo la gara di appalto ed aggiudicazione - sembrerebbe quasi impossibile, a causa degli elevati costi di manutenzione a cui è necessario sottoporre la struttura già dal prossimo anno (si tratterebbe di 7-8 milioni di euro). Un investimento effettivamente rischioso e soprattutto a lunghissimo termine (visto che le società sportive non possono sostenere spese tanto eccessive), che nessuno – ragionevolmente – potrebbe sentirsi di fare.

Ma, tralasciando per un momento la complessità del progetto, ciò che, ad oggi, ha generato grande delusione tra referenti e società sportive è l’atteggiamento dell’amministrazione comunale, che "continua - come ci spiegano - a ripetere di star tranquilli senza dare concrete risposte. Le società sportive non si sentono considerate e rese partecipi degli interventi che il comune ha intenzione di avviare, in quanto non hanno ancora ricevuto alcuna convocazione o atto ufficiale che annunci le sorti della struttura. Restiamo dunque in attesa".

Erika Digiacomo

12/06/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Non solo gli sportivi sono incavolati, ma anche le migliaia di utilizzatori singoli e i bimbi, ragazzi e adulti che frequentano gli affollatissimi corsi. Che a distanza di sei mesi non si sappia nulla, è davvero scandaloso. Il problema è annoso e da tempo si sapeva della scadenza della convenzione.
12/06/2018 - Emanuele
L'Assessore sta già tirando la volatona elettorale ... ma non è un po' presto ?
12/06/2018 - PV61
Quando c e qualcosa di utile e che funziona..la fanno andare in malora
12/06/2018 - Maria
Diventerá bellissima
12/06/2018 - Marianna
Pensa che mia figlia fa pattinaggio artistico il comune non ci vuole e non ci considera tanto che abbiamo perso tanti atleti arrivati anche ai campionati italiani tra un po saremo costretti a sparire ha ringrazio assesore dello sport che non ha mantenuto le sue promesse resto a disposizione...io e tutti i genitori dei atleti
15/06/2018 - Fulvio Lama
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.