Droga. Operazione Amarcord: sei in arresto, sgominate due bande, una di albanesi l'altra di tunisini

Droga. Operazione Amarcord: sei in arresto, sgominate due bande, una di albanesi l'altra di tunisini

Sette sono i provvedimenti di arresto - di cui sei già eseguiti e uno no, poichè il soggetto colpito dal provvedimento non è più in Italia - nell'ambito dell'operazione antidroga denominata Amarcord condotta dal Nucleo Investigativo di Ravenna e conclusa la notte scorsa, domenica 8 luglio. Dell'operazione hanno parlato brevemente in conferenza stampa il Procuratore capo della Repubblica Alessandro Mancini e il Comandante dei Carabinieri Roberto De Cinti.

L'indagine ha preso avvio dopo un clamoroso fatto di cronaca che molti forse ricordano: la sparatoria avvenuta il 16 maggio 2015 nel parcheggio del Pronto soccorso dell'Ospedale di Ravenna. In quella occasione furono arrestati un tunisino - Abdessalem Aissaoui di 40 anni e un italiano Francesco Liuzzi di 37 anni - per tentato omicidio ai danni di un cittadino albanese di 32 anni: Xhevair Gjojdeshi. I due arrestati insieme a un terzo complice spararono ben 10 colpi contro l'albanese, senza colpirlo. 

Le successive indagini hanno chiarito che all'origine del conflitto c'erano dei dissidi fra due bande che collaboravano fra loro per il traffico e lo spaccio della droga a Ravenna: dissidi che riguardavano la divisione delle cifre pattuite per il traffico criminoso, che non sarebbe stata rispettata. 

Come hanno precisato oggi gli inquirenti le bande sono due, distinte fra loro. La prima è una banda di trafficanti di droga (cocaina e eroina) costituita da albanesi (in particolare, la cocaina arrivava dall'Albania): loro facevano arrivare la droga, la lavoravano e la rifornivano agli spacciatori. I carabinieri hanno sequestrato fra l'altro un laboratorio, trovandovi all'interno ben 20 kg di droga, ricavato all'interno di un appartamento a Lido di Classe.

La seconda banda, quella degli spacciatori, era costituita da tunisini. Questi ultimi spacciavano in città, soprattutto presso i Giardini Speyer e nella zona della stazione e poi lungo la Classicana, secondo modalità abbastanza particolari. Lasciavano pacchetti con la droga da 400, 500, 600 grammi nelle piazzole che poi dovevano a loro volta essere raccolti e smerciati con ulteriori passaggi. Gli spacciatori rifornivano persone residenti a Ravenna ma anche delle province limitrofe. 

L'attività delle due bande è andata avanti per circa tre anni, dal 2015 a tutto il 2017. Poi l'attività investigativa e il cerchio si sono chiusi e sono state tratte in arresto sei persone: 

  • R. I., 32 anni, di nazionalità tunisina
  • N. I., 37 anni, di nazionalità tunisina
  • K. V., 32 anni, di nazionalità italiana 
  • A. A., 42 anni, di nazionalità albanese
  • E. A., 47 anni, di nazionalità albanese
  • I. P. 38 anni, di nazionalità alabanese.

La settima persona - un albanese - non è in Italia e molto probabilmente si è rifugiata in Albania. I provvedimenti restrittivi sono stati eseguiti nella notte dalle Compagnie dei Carabinieri di Ravenna e di Rimini L'operazione nel complesso ha portato al sequestro di 26 kg di droga e 39.000 euro in contanti, considerati dagli inquirenti frutto dell'attività di spaccio e pronti per essere consegnati ai trafficanti albanesi. 

I due italiani implicati a vario titolo nelle vicende delle due bande, sarebbero solo personaggi di contorno o di appoggio. La donna arrestata è una tossicodipendente sposata con uno degli albanesi arrestati. Le due bande facevano capo una ad albanesi e l'altra a tunisini.

Secondo gli inquirenti si tratta di un colpo importante inferto al traffico di droga a Ravenna: le due bande avevano un profilo criminale di rilievo e un volume d'affari complessivo consistente, di milioni di euro. Queste bande non avrebbero collegamenti con altre due importanti operazioni messe a segno nei mesi scorsi: la scoperta di una base di raffinazione della droga a Ravenna e il sequestro di due tonnellate di droga che viaggiava su un furgone sulla Classicana.

 

A cura di P. G. C. 

09/07/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Albanesi e tunisini non credo siano in guerra e tanto meno in Europa perché non li rimandano a casa sua con il timbro di non ritorno.
09/07/2018 - Romagnolo do
Albanesi, albanesi, albanesi..accidenti hanno trovato buona base per delinquere, fuggiti da un Paese bellissimo, che ha le carceri piu dure che esistano!!! Si mettono in ginocchio a pregare purche' non li rimandino a casa!!!sarebbe per loro il periodo piu brutto della loro vita.- ma sono d'accordo con Romagnolo do
09/07/2018 - bilancia
Sarebbe giusto non sobbarcarci le spese per questi due "modelli" di onesta' ma il buonismo impera e i "bravini" restano qui.
09/07/2018 - Giovanna
Se gli italiani in percentuale dovessero delinquere come gli stranieri presenti in Italia sarebbe una guerra.
09/07/2018 - ALDO
Traffici a Ravenna: 1) Una base di raffinazione della droga. 2) Un sequestro di 2 tonnellate di droga. 3) Un profilo criminale di rilievo. 4) Un volume d'affari complessivo di milioni di euro. Capperi!!! e poi dicono che il commercio a Ravenna ė andato in crisi, ma con tutti quei milioni c'è la pagano almeno la pensione?
09/07/2018 - angelo
Ecco le nostre risorse per il futuro!!!!!cosa ci fanno qua dal momento che i loro paesi non sono in guerra???!!! s.m
10/07/2018 - s.m
Volevo aggiungere che a noi basta e avanza l'italiano!!! s.m
10/07/2018 - s.m
Quei ragazzi sono qui a soddisfare un fabbisogno sempre maggiore di eccessi ed ipocrisia di una città come Ravenna. Qualcuno si dovrà pur drogare se è pieno di spacciatori. O solo gli albanesi e i tunisini si drogano? Mandati via tutti, il problema droga-ravennati rimane lo stesso. Per cambiare le cose basterebbe non essere ottusi ,ma leggendo certi commenti mi rendo conto che siamo lontani anni luce.
10/07/2018 - Bilancino
Intanto che aspettiamo di cambiare le cose, si potrebbero ficcare in galera i mercanti di morte. Così, tanto per non annoiarsi...
11/07/2018 - Giovanni lo scettico
Non voglio entrare in polemica ....ma per i i bisogni dei Ravennati come dice il sig. o sig.ra bilancino credo che basti e avanzi lo spaccio di droghe da parte degli italiani! che credo non siano pochi!
12/07/2018 - s.m
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.