LA POSTA DEI LETTORI / Qualcuno può dirmi qual è il limite di velocità in via Canale Molinetto?

Spett.le Redazione, in via destra Canale Molinetto ad un certo punto c'è il macchinario, giustamente segnalato, per la rilevazione elettronica della velocità. Ma quale è il limite della velocità? Partendo dall'incrocio con via Piazza D'armi su via Canale Molinetto non c'è alcun cartello di limite di velocità (c'è quello del limite di 33 tonnellate!) .

Si presume, visto che siamo ancora in città, a rigor di logica che sia dei 50 Km orari, ma siccome fino a qualche tempo fa c'era il limite dei 30 km, a quasto punto può venire un dubbio ed in questo caso non resta altro che andare a 20 all'ora, quasi fermi, per non incorrere nella multa.

Riccardo Ravaglia

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
signor Ravaglia. Faccia il bravo dai. Questa è solo polemica. Con tanto affetto
09/07/2018 - Ruvido
Il Codice della Strada non è una opinione: 50 in città dove non scritto diversamente.
09/07/2018 - Emanuele
Fortuna che esistono FENOMENI COME IL SIG. RUVIDO
09/07/2018 - Stefano
Nei centri abitati il limite dovrebbe essere di 50km/h quindi, a rigor di logica, se non diversamente indicato, questo dovrebbe essere il limite.
09/07/2018 - Mary
Gentile Ruvido, a me questa non sembra una polemica. Se arriva una multa, tutti hanno piacere di conoscere il motivo.
09/07/2018 - Giovanni lo scettico
Ruvido, nome omen, la polemica l'hai montata tu! Rispondi e basta, se sai la risposta. Con veramente poco affetto.
09/07/2018 - Sylar Surfer
Sei serio?ahahahah
09/07/2018 - Derp
Ben vengano i controlli di velocità a patto che sia ben evidenziata la velocità massima da non superare. Antonio Brandi
10/07/2018 - Antonio Brandi
In tutti i paesi e città d'Italia il limite viene messo all'entrata dei suddetti agglomerati e non in ogni via all'interno . . . . . . . se qualcuno esce da Ravenna se ne accorge.!!!!!!
10/07/2018 - ori
Il limite è dei 50 kmh ed è ridicolo, come quasi tutti nella nostra città e in tutta Italia (all'estero non so). I limiti vanno ridiscussi e resi congrui ad una circolazione sicura e rispettosa dei deboli (bambini, veicoli lenti, ecc). Nelle circonvallazioni i 70 kmh sarebbero un limite più significativo, soprattutto quando la strada è libera, fermo restando che, quando c'è traffico, si deve andar piano (anche a meno di 50) a prescindere dal limite. Le multe vanno fatte più a chi guida male che a chi va ai 60.
10/07/2018 - Marco O.
Che domanda è? Se non ci sono cartelli che segnalano diversamente il limite è dei 50, tra l'altro essendo il velox poco dopo un'intersezione il cartello di un eventuale limite diverso dovrebbe essere riportato, quindi non c'è neanche bisogno di fare troppi giri...credo che l'ironia di ruvido sulla polemica si basasse esattamente su questo. Diversa sarebbe la questione se ci fossero testimonianze di sanzioni fatte tra i 30 e 50 kmh...
10/07/2018 - Giorgio
Il limite di 50 Km/h in città è più che congruo, inoltre in alcune zone del centro particolari è abbassato a 30. Andando ai 70 invece dei 50 per un tratto della circonvallazione si risparmiano ben 10 secondi... mentre si rischiano danni maggiori in caso di incidente. Perché è vero che le macchine moderne sono più efficienti in termini di sicurezza attiva e passiva, ma è l'uomo moderno che è meno attento quando è alla guida. I tanti incidenti di pedoni e ciclisti investiti devono fare riflettere. Caro Marco O. non pensi che tutti gli automobilisti siano attenti come lei alla guida....
10/07/2018 - Alessandro
Caro Sylar Surfer: la risposta è 50 (cinquanta), funfzig, fifty , cinque volte dieci. Comunque io ti rispetto.
10/07/2018 - Ruvido
Sig. Alessandro, la maggioranza degli incidenti a pedoni o ciclisti coinvolgono auto che vanno entro i limiti, ma i cui autisti sono distratti o aggressivi. Andare a 50, di notte, su una circonvallazione a 4 corsie non ha senso, è innaturale e paradossalmente più pericoloso che andare a 70.
11/07/2018 - Marco O.
L’automobilista medio italiano (e ravennate) non pensa a se stesso come ad un comune guidatore bensì come ad un eccezionale pilota di rally. Ritiene di avere capacità di gran lunga superiori alla media e in virtù di esse è sicuro di avere il diritto di condurre il suo mezzo come più gli aggrada. E’ altresì persuaso che le norme del codice stradale, in particolare i limiti di velocità, siano una grave violazione dei suoi diritti civili, una cospirazione ordita allo scopo di estorcergli danaro e pertanto è convinto che l’osservanza di tali limiti sia del tutto facoltativa e che sia tutt’al più riservata agli altri, ma certamente non a lui. (ci mancherebbe!) Quando viene multato per eccesso di velocità è certo di essere vittima di una vile imboscata. L’installazione di un autovelox è vissuta come l’installazione di una torretta di cecchini. Ma la remotissima idea di rallentare non balenerà mai negli oscuri meandri del suo cranio. Vuoto.
11/07/2018 - cif
Il dubbio e' di molti automobilisti, quando si avvicinano al "probabile" velox lo fanno a 40kmh ed in corrispondenza di esso frenano pure, creando rallentamenti a volte pericolosi. Forse un ripasso in scula guida non farebbe poi cosi' male.....
11/07/2018 - elio62
Grande cif! Ottima rasppresentazione dell'italico medio. Per chi se lo chiede, ci sono paesi all'estero per i quali i limiti nei centri abitati sono anche più bassi, con l'unica differenza che sono rispettati. Gli autovelox fissi sono la normalità e nessuno si lamenta.
11/07/2018 - Giulio
Sig cif mi appoggio alla sua ironia (bah) per dirle che se l'autovelox fotografa qualcuno che alle 2 di notte sta facendo i 65 in Via Randi, in Via Molinetto, in Via Zalamella o in certi tratti di Via Faentina non ha svolto una meritoria opera di tutela della pubblica sicurezza, ma ha solo vessato un automobilista con una guida del tutto congrua al contesto. Non sono quelli che vanno a 65 i nemici della sicurezza e della legalità. Insistendo a difendere questo concetto si crea scollamento fra la percezione media di sicurezza e la modalità sanzionatoria che nella maggior parte dei casi i cittadini trovano assurda, iniqua e diseducativa (i "furbi" che sanno dove hanno nascosto i velox se la cavano, mentre i "normali" pagano anche per loro. Diventa più importante sapere dove è il velox che andare piano)
11/07/2018 - Marco O.
Secondo me l'amministratore locale italiano medio ha le mani bucate, e quando si trova le casse vuote non gli passa neanche per la testa di risparmiare, amministrare meglio, rivedere le spese. Bisogna invece cercare di guadagnare in qualsiasi modo, possibilmente rapido. Il più facile è abbassare i limiti di velocità di una strada bella dritta dove ci sono pochi incidenti, e installare l'autovelox, poi se qualcuno protesta si tira fuori qualche vecchietta che lo ha chiesto perchè le auto gli spaventavano le galline. Al limite si citano anche le statistiche sugli incidenti, tanto nessuno riesce a interpretarle. Il gioco è fatto.
11/07/2018 - Giovanni lo scettico
Tu Giovanni lo scettico vivi in un mondo tutto tuo, probabilmente quello raffigurato dal grande cif.
11/07/2018 - Luca
L'autovelox non serve ad altro che a gonfiare le casse comunali, come i parcheggi a pagamento ed altri "pizzi" che i cittadini devono pagare ad un comune che poi spreca soldi in baggianate!
11/07/2018 - marco
Gentile Luca, a quanto pare non sono il solo.
11/07/2018 - Giovanni lo scettico
E basta, ma quanto la fate lunga
12/07/2018 - Anna
Grande Anna!
12/07/2018 - mg
E' anche ora di smettere di sbuffare e agitarsi quando si deve dare la precedenza alle rotonde ....non si arriva veloci e si viene avanti spaventando chi ha la precedenza ...si rallenta con prudenza fino a fermarsi correttamente.
12/07/2018 - mg
non entro nel merito di ciò che ha posto il sig, Ravaglia. Nel centro della località è implicito il limite dei 50 km/h previsto dal C.d S. Molto spesso quando è previsto il limite dei 70 km/h non esistono spazi liberi, pubblici per rilevare infrazioni con autovelox. Quando esistono i 30 km/h questi spazi esistono. Quindi le conclusioni ... a voi!
13/07/2018 - paola
A proposito delle rotonde, secondo me la cosa migliore è tenere strettamente la destra, nonostante la segnaletica orizzontale, così non si taglia la strada a nessuno.
13/07/2018 - paola
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.