Cultura. Palazzo Guiccioli a Ravenna diventerà la sede italiana della "Byron Society"

Cultura. Palazzo Guiccioli a Ravenna diventerà la sede italiana della "Byron Society"
Palazzo Guiccioli (foto di repertorio)

Si è conclusa a Ravenna l’annuale conferenza della Byron Society, Associazione internazionale, con sede in diversi paesi, volta a conoscere e promuovere lo studio della vita e delle opere del poeta George Gordon Byron. Alla fine, l’unanime decisione, in occasione della prossima apertura dei Musei di Palazzo Guiccioli a cura della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, di costituire a Ravenna, presso Palazzo Guiccioli, la sede italiana della Byron Society, destinata a divenire un laboratorio di studi e ricerche che permetterà di approfondire momenti e aspetti, anche inediti, della vita e delle opere di Byron in Italia.

Importante occasione, di rilievo internazionale, anche per promuovere nella nostra città un turismo anglosassone colto, attento e interessato alle numerose sfumature d’interesse culturale e sociale del territorio. Appassionati del poeta, scrittori, accademici, artisti provenienti da vari paesi partecipano alle Conferenze organizzate in ogni parte del mondo - da Boston a Londra, da Missolungi a Parigi, da Tiblisi a Yerevan, per ricordare i luoghi più recenti - a testimoniare le proporzioni dell'influenza che l'opera byroniana ha esercitato e continua ad esercitare sull'intera civiltà letteraria dell'Occidente.

Ravenna si è proposta quest’anno agli studiosi byroniani, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, in virtù del prossimo allestimento, presso Palazzo Guiccioli, della nuova realtà museale dedicata al poeta inglese e alla storia dell’Ottocento ravennate, delle lotte risorgimentali in particolare, che valorizzerà le collezioni byroniane e risorgimentali attualmente presenti presso la Biblioteca Classense.

Come è noto Byron fu a Ravenna, risiedendo a Palazzo Guiccioli, fra il 1819 e il 1821, quando dovette allontanarsi per motivi politici, assieme alla famiglia Gamba, per recarsi in Toscana, in Liguria e di seguito in Grecia, dove sostenne la lotta per l’indipendenza greca e dove morì nell’aprile 1824 a soli 36 anni.

Il suo soggiorno a Ravenna, in una stagione di grande significato sia letterario che civile, ha lasciato tracce e segni la cui eco continua ad avere per la nostra città un grande rilievo culturale. Oltre 45 relazioni sono state presentate, nella sede dei Chiostri danteschi francescani della Fondazione Cassa, attorno al tema generale Improvisation and mobility, Improvvisazione e mobilità, considerate dalla critica essenziali qualità della personalità, della poesia, e anche degli atteggiamenti civili byroniani.

Qualità che lo condussero, esule e viaggiatore, anche nella nostra Ravenna, partecipe delle vicende del nostro Risorgimento. Numerosi studi sono stati dedicati durante il convegno, proprio al soggiorno ravennate, a Teresa Gamba Guiccioli, alle numerose opere prodotte dal poeta a Ravenna.

 

11/07/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Ottima iniziativa, perfetta location!!
12/07/2018 - antonella
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.