Quartiere Gulli. Maestri: l'ordinanza contro quel negozio è discriminatoria e va subito ritirata

Quartiere Gulli. Maestri: l'ordinanza contro quel negozio è discriminatoria e va subito ritirata
Andrea Maestri

L'avvocato Andrea Maestri non ci sta. E come patrocinante del negoziante interviene in merito all'ordinanza sindacale che ha colpito l'esercizio commerciale Khan Alimentari in Via Tommaso Gulli 122 a Ravenna. Il Sindaco di Ravenna ha imposto infatti con l'ordinanza di ieri l'apertura del negozio dalle 8 alle 20 da oggi e per 30 giorni, anzichè dalle 10 alle 24 come era in precedenza.

Maestri lamenta il fatto che il Comune abbia poi diffuso il nome dell'esercizio - riportato dalla stampa - "cagionando un obiettivo e grave danno reputazionale, suscettibile di risarcimento."

Secondo Maestri l'ordinanza "merita di essere immediatamente revocata e/o annullata" poichè non esisterebbero i presupposti giuridici del provvedimento. Secondo Maestri l'ordinanza è “una misura discriminatoria su base etnica (come tale vietata dalla legge) e arbitrariamente limitativa delle prerogative connesse al regolare esercizio del commercio."

Non solo. L'avvocato Maestri riferisce anche che il titolare del negozio è stato oggetto di insulti razzisti e che nei giorni scorsi "una signora italiana ha addirittura scagliato un sasso dal proprio balcone colpendo un minore (nipote del titolare, ndr) su una mano, sicché il bambino e i suoi parenti, di origine straniera, sono ovviamente terrorizzati: per questi e altri episodi sarà depositata a breve una denuncia."

Maestri infine, nella sua nota, parla di atto di gravissima superficialità (l'ordinanza), definisce inaccettabile il clima di discrimazione e di caccia alle streghe che si sta instaurando e confida che il Sindaco ritiri immediamente l'ordinanza in questione.

11/07/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
E' così difficile attenersi alle regole? Se si disattendono creano non solo problemi (ampiamente documentati dai residenti) ma viene fuori un'anarchia poco edificante per una società che segue le regole. Ci sono si dei pregiudizi, spesso per evidenziare un falso razzismo che non giovano all'integrazione e al vivere comune.
11/07/2018 - Nicola Tritto
Io non ho parole..... caro Signor.Maestri, si faccia un giro ogni tanto dalle nostre parti, mi faccia questo favore prima di parlare. Su una cosa ha ragione, tutti e tre gli esercizi devono chiudere non solo quello, poi per il resto 'provare per credere', prima di sentenziare
11/07/2018 - grazia
Cara Signora Grazia, proprio ieri sera sono venuto con mio figlio piccolo di 4 anni in Via Tommaso Gulli per verificare di persona la situazione, mi sono trattenuto circa 1 h dalle 21.30 alle 22.30 ed ho riscontrato un quartiere tranquillo: le assicuro che non porterei in giro mio figlio a quell'ora se avessi il minimo sentore di pericolo. Ho diversi amici che abitano nel quartiere Darsena, sia italiani che stranieri ed è un quartiere popolare con cui ho una bella connessione sentimentale. Un conto sono i reati, che vanno perseguiti e per i quali vanno puniti i responsabili (la responsabilità penale è personale), un conto sono i problemi di cd degrado, per i quali non si spara nel mucchio e non si spengono le luci di negozi e attività. Siccome sono una persona seria, parlo solo di ciò che ho visto e studiato bene, prima di parlare, si fidi! Molte cordialità Avv. Andrea Maestri
11/07/2018 - Andrea Maestri
L'avvocato difensore deve stare dalla parte del cliente anche se questi ha torto.
11/07/2018 - maria
Se il dott. Maestri abitasse in via Tommaso Gulli forse i negozi li farebbe chiudere prima e poi mi spieghi perché devono stare aperti fino a tarda ora. Le regole devono valere per tutti, secondo me c'è razzismo al contrario.
11/07/2018 - Acquario
Vorrei ricordare che il problema principale non arriva da persone o attività commerciali che creano problemi di vario genere, ma da chi deve garantire una puntuale ed efficace prevenzione dei reati, senza buonismo.
11/07/2018 - Luca Rosetti
che piaccia o meno, il dott. maestri sta facendo il suo lavoro......speriamo facciano lo stesso tutte le istituzioni preposte alla prevenzione dei reati, al rispetto di tutte le leggi a garanzia di tranquillità e incolumità delle nostre comunità. i cittadini, non mancheranno si seguire l'evoluzione degli eventi e nel caso, di fare valere ulteriormente anche le loro ragioni e diritti nelle sedi opportune....
11/07/2018 - luca rosetti
E’ incredibile che il sig.Maestri possa scendere in difesa di un esercizio che per mesi e mesi ci ha creato tanto disagio e paure.fatti gravi dovuti all’apertura serale dove regolarmente intervenivano le forze dell’ordine per sedare risse e lancio di bottiglie appena bevute ai condomini che si lamentavano!!!! Non facciamo passare discorsi di discriminazione razziale e neppure del colore politico ....interessa solo ristabilire un po’ di rispetto di convivenza che è un diritto di ogni cittadino .
11/07/2018 - Marina
Scusi tanto lei è un Avvocato prima di tutto o un rappresentante di un gruppo politico; ha due ruoli , difensore e politico contemporaneamente attenzione è a rschio doppia personalita' notte
11/07/2018 - donatella
Ma scusate io forse abito in un'altra gulli....ma tutto questo far west non lo vedo molto diverso ad anni passati...e noi "civili"tiriamo sassi dal balcone colpendo un bimbo?sarei curiosa di sapere chi è la "signora "
12/07/2018 - Federica
Facile parlare dalla propria scrivania! Sig.Maestri venga ad abitare per qualche giorno qui in zona e vedrà con i suoi occhi.Qua non si tratta di razzismo,si tratta di rispetto di regole,di sicurezza,di degrado,di fatti che avvengono alla luce del sole sotto gli occhi della gente onesta che ha paura ad uscire di casa perché la situazione degenera ogni giorno.
12/07/2018 - M
Ma L'Avv, Maestri dove abita?? Provi a trasferirsi in Via Gulli ( non all'inizio ma verso la fine)
12/07/2018 - giorgio
Perfettamente d'accordo con il Sig.Tritto. scandalose le motivazioni dell'avvocato Maestri strumentalizzate a sostenere quel razzismo che non esiste affatto.
12/07/2018 - Gabriella
Maestri che dà del razzista a De Pascale, la sinistra è proprio in corto circuito. Per fortuna si stanno estinguendo.
12/07/2018 - Annarita
La solita propaganda di Maestri.
12/07/2018 - Giovanni lo scettico
Anche gli altri avvocati, patrocinanti contro il comune, avranno lo stesso spazio per controdedurre ordinanze avverse ai loro clienti?
12/07/2018 - cromwell
Il Sig. Maestri può provare a difendere i suoi clienti ma nn può offendere l’intelligenza dei residenti affermando che e’ venuto con suo figlio (a convincimento usare la propria famiglia mi sembra poco carino) e nella Gulli era tutto tranquillo.....certo dopo infiniti interventi da parte delle forze dell’ordine ....e la foto postata oggi nel Carlino parla da se’con il gestore fotografato insieme ad una parete di bottiglie di alcolici...
12/07/2018 - Marina
Caro avvocato lei è venuto a farsi un giro dopo che gli ultimi fatti eclatanti successi hanno portato tante ‘brave persone’ che frequentano queste tre attività a starsene ben alla larga. Avrei avuto piacere che lei si trovasse in zona quando volarono bottigliate e bidoni dell’immondizia.Capisco che lei sta’facendo il suo lavoro, ma per favore non si permetta di dire ne’che siamo esagerati e tantomeno razzisti visto che la nostra lamentela é rivolta ad altre due attività gestite da italiani
12/07/2018 - Grazia
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.