Sanità. Ginecologia in affanno in tutta la provincia. Ancarani e Tardi: "de Pascale batta un colpo"

Sanità. Ginecologia in affanno in tutta la provincia. Ancarani e Tardi: "de Pascale batta un colpo"

I consiglieri comunali Alberto Ancarani di Forza Italia e Samantha Tardi di CambieRà firmano un documento congiunto per sottolineare il quadro di sofferenza delle strutture di Ostetricia e Ginecologia della provincia di Ravenna. I due consiglieri riportano anche una lettera di operatori sanitari (che alleghiamo) che lancia un grido di allarme. 

"Come si evince da una delle due missive, inviate tra gli altri al Sindaco De Pascale, il personale medico addetto ai reparti nei due presidi di Lugo e di Faenza scrive chiaramente di non sentirsi sicuro proprio nella delicata fase finale delle gestazioni, a causa della elevata diminuzione dei parti in quei presìdi, mentre il reparto di Ravenna è oberato dal numero dei parti che in numero crescente vi vengono inviati da Faenza e Lugo. - scrivono Ancarani e Tardi - La situazione sembra il risultato di inappropriate decisioni di politica sanitaria: si è favorito il lento declino dei punti nascita di Lugo e Faenza volto a far scendere sotto i 500 parti i due nosocomi, al fine di perdere il requisito che la legge prevede affinché un punto nascita possa rimanere aperto. Pertanto è stato scientemente disposto che, sin dalle fasi iniziali delle gestazioni, non soltanto i casi complessi, ma il maggior numero possibile di parti venisse inviato a Ravenna. Grazie a questo “gioco” la Direzione Generale della ASL avrebbe potuto tentare di raccontare che, essendo scesi sotto i 500 parti, i punti nascita di Lugo e Faenza si sarebbero dovuti chiudere."

"Con tali infelici scelte si è ottenuto un duplice risultato negativo: ridurre la “clinical competence” degli operatori di Lugo e Faenza ad un potenzialmente grave livello di insicurezza – ovvero ci si ritrova con un sempre maggior numero di operatori non più abituato a livello pratico ad effettuare “manovre” ed “operazioni” tecniche o chirurgiche sulle pazienti, mettendo a serio rischio loro stessi, ma soprattutto la vita di gestanti e nascituri - e sovraccaricare inopinatamente i ritmi di lavoro dei professionisti di Ravenna, non solo da un punto di vista meramente clinico, ma a causa altresì delle richieste di sostegno formativo nei confronti dei colleghi di Lugo e Faenza, senza tener conto che essi non sono titolati per ottemperare alla formazione professionale altrui, aumentando quindi di non poco il livello di stress fisico e mentale di tutto il comparto medico in questione. Va da sé - continuano Ancarani e Tardi - che il non aver chiuso i punti nascita di Lugo e Faenza, e l’aver però assicurato una guardia pediatrica notturna in entrambi i presidi, non può avvenire con un semplice atto amministrativo, ma impone di garantire tutti i livelli di sicurezza che un reparto operativo di Ostetricia e Ginecologia richiede. Se questo non viene realizzato l’alternativa è solo chiudere i due punti nascita in questione come stabilito dagli accordi sanciti dalla Conferenza Stato/Regioni. Continuare con l’attuale organizzazione comporterà uno stato di insicurezza clinica sia per il personale addetto che per le pazienti."

"Questo può spiegare in gran parte perché non si riesca a reperire medici per Ravenna-Faenza-Lugo: lavorare in tali condizioni è come giocare alla roulette e non è concepibile dover confidare quotidianamente nella dea bendata. Quello che andrebbe fatto invece, come è intuibile, è rilanciare i reparti avendo ripristinato la guardia pediatrica. - concludono i due consiglieri - Con ciò anche l’ospedale principale, quello di Ravenna, tornerebbe a trattare un numero di pazienti gestibile; nello stesso tempo il personale medico di Lugo e Faenza riacquisterebbe quella “expertise” di cui oggi lamenta il venir meno. Lugo, in particolare, potrebbe anche diventare centro di riferimento della fisiopatologia della riproduzione, che caratterizzerebbe, con un’eccellenza, il reparto di ginecologia di quella città rendendo più equilibrata anche la gestione dei parti su tutto il territorio provinciale. Ma per fare questo serve una politica in grado di prendere decisioni e interessarsi del territorio e delle persone come utenti e non ossessionata solo dal numero di “pedine in quota” collocate nei reparti di questo o quel nosocomio."

 

LA LETTERA

11/07/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
E colpa del governo che non stanzia i soldi.... Ahahaha
11/07/2018 - Massimiliano
I dirigenti devono risolvere il problema che c'entra il sindaco?
11/07/2018 - Maria
io ho partorito a Lugo a maggio 2017, le osteriche sono meravigliose oltre ad essere professionali e preparatissime sono umanamente uniche, ti chiamano per nome, ti coccolano, ti fanno sentire come a casa, ti soreggono e consolano, ti danno forza nei momenti difficili. Io non avrei voluto fare un cesario e loro sempre monitorandomi e controllando la situazione mi hanno lasciato tutto il tempo di cui avevo bisogno per metabolizzare. L'unico rammarico che ho é proprio che con le assurde restrizioni che gli hanno imposto io non potrei più partorire lì e solo il pensiero di non avere più accanto quel personale unico mi rattrista.
15/07/2018 - Laura
Poco più di un anno fa ho partorito a Lugo e ho trovato una famiglia.è un punto nascita che non merita di chiudere anzi,andrebbe valorizzato.se avrò un secondo bimbo sono certa che vorrebbe nascere a Lugo❤
15/07/2018 - Livia Tabanelli
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.