Sicurezza&Decoro a Ravenna. Fusignani prepara la stretta su illegalità, bici e cani "indisciplinati"

Sicurezza&Decoro a Ravenna. Fusignani prepara la stretta su illegalità, bici e cani "indisciplinati"

Il Vice Sindaco con delega alla sicurezza Eugenio Fusignani come già anno scorso ha deciso di concentrarsi dopo l'estate - quando lo sforzo della Municipale è focalizzato soprattutto sui lidi - sulla città per garantire più sicurezza e più decoro. Tre i problemi da aggredire: contrasto all'illegalità in tutte le sue forme, cioè degrado, abusivismo, questuanti, e poi multe ai ciclisti e ai padroni di cani indisciplinati. Anche loro dovranno cominciare a stare più attenti.

Sarà possibile anche perchè la Municipale nel frattempo ha aumentato il suo organico dopo le nuove assunzioni (a novembre arriverà a 200 agenti). Questo consentirà un presidio migliore del territorio, della città e del forese.

Al telefono è chiaro il Vice Sindaco. Al primo posto c'è il contrasto a ogni forma di illegalità. Ma subito dopo bisogna anche cominciare a rispettare tutti di più le regole, dice Fusignani. Lo devono fare anche i ciclisti e i proprietari di cani, per i quali dunque pare destinata a finire quella specie di extraterritorialità o, se volete, quel permissivismo fin qui tollerato. 

Quindi i ciclisti non devono più sbucare contro mano, andare in sella sulle strisce o nelle zone pedonali, né potranno sfrecciare in bicicletta con il cellulare in mano. Mentre i proprietari di cani dovranno munire i loro amici a quattro zampe di museruola quando è necessario e soprattutto dovranno avere tutto l'occorrente per pulire le strade in caso di bisogno.

Il vice Sindaco dice che la stretta sulle regole sarà accompagnata da un'azione di informazione e di sensibilizzazione. Poi ci saranno le  sanzioni per chi sgarra, come è normale. Non ce ne sono di nuove, le sanzioni sono quelle già previste dalla legge e in particolare dal Codice della strada.

Per esempio andare in bici usando il telefonino costerà 161 euro di multa, andare contromano 41 euro. E così via. Ovviamente multe più salate per chi va in bici ubriaco: può costare fino a oltre 500 euro. L'unica differenza fra ciclisti e gli altri guidatori in strada è questa: per tutti scatta la detrazione sui punti della patente, per i ciclisti ovviamente no, perchè la patente non serve.

12/09/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Meglio tardi che mai, il tutto che sia dovuto allo sfacelo del 4/3/18 ? Meglio non fare domande e godere il presente.... Probabile che se tirate la carretta per il verso giusto recuperate terreno!!!
12/09/2018 - Filo
Congratulazioni Fusignani,apprezzo la sua attenzione al senso civico
12/09/2018 - Francesco
PM , fate il favore anche di sanzionare le cicche di sigaretta per strada e soprattutto in spiaggia , grazie
12/09/2018 - Simona
Più sicurezza e decoro ?? Voglio vedere i nostri prodi in azione in viale Pallavicini e zona stazione, Via Gulli, ecc ecc o tutto si limiterà ai ciclisti e proprietari di cani, contro i quali ultimamente è di moda prendersela ?? Ai posteri l'ardua sentenza
12/09/2018 - PV61
Per i cani possono iniziare dal Polisportivo Darsena, è un bancomat garantito (oltre che un'indecenza).
12/09/2018 - D.
Da quando in qua andare in sella alla bicicletta sulle strisce pedonali è reato? Ovviamente non ci si può aspettare di avere la precedenza da parte delle auto ( perdono troppo tempo a fermarsi per un ciclista in sella alla sua bici sulle strisce). ma non mi sembra che sia reato. Caro vicesindaco, iniziamo anche a guardare alla regolarità delle piste ciclabili? A Ravenna ne esiste solo una a norma europea! Qualcuno sa per caso quale sia? tutte le altre presenti sono pericolose e non a norma. Come la mettiamo? Idea! Multiamo il comune per non aver osservato le norme sulla sicurezza stradale in fase di costruzione delle ciclabili!
12/09/2018 - pi
Ok, ma l'importante è che il personale preposto sia in giro!! Cani con museruola, attrezzatura adeguata per i proprietari di cani.... Va tutto bene, benissimo! Ne va del ripartito Delle regole e di intelligenza, per nn parlare di senso civico! Ed inoltre di coloro che frequentano luoghi pubblici e dell'economia. Io per esempio non sono più andata e forse mai ci andrò più, in un noto bar pasticceria del centro dopo che un cane taglia piccola(quanto un gatto) colore champagne mi ha urinato sulle scarpe! La padrona, signora firmata da cima a fondo alle mie rimostranze ha esclamato che lui fa così! Alla pipì è bpoi seguito altro!! La signora alto locata se ne è uscita senza nemmeno chiedere scusa ... Risultato oltre alla palese ignoranza è che l' esercizio ha perso sicuro un cliente che nn ha bevuto il caffè, ma lo ha pagato!! E che non consiglierà certo quel locale... Non si sa mai incontri poco graditi ed un paio di scarpe da buttare!!!!
12/09/2018 - Rita
Speriamo sia la volta buona x vedere in giro qualche pattuglia.
12/09/2018 - zan
Son curioso di verificare dopo 12 mesi le sanzioni ai ciclisti: ne prevederei decine/giorno, me ne aspetto decine/anno
12/09/2018 - Ed
Chi va in bicicletta è tenuto a conformarsi alle regole del codice della strada, al pari di chi sta su uno skateboard o sui pattini a rotelle. Ad esempio, il ciclista non può salire sul marciapiede, salvo si tratti di spazio ciclabile, non può passare col semaforo rosso, deve dare la precedenza a chi viene da destra, non può superare la corsia di marcia in presenza di una striscia continua di mezzeria, deve far passare i pedoni sulle strisce pedonali (per cui è responsabile nel caso in cui li investa), non può superare i limiti di velocità imposti sulle strade urbane, deve avere il giubbotto luminoso fuori dai centri urbani negli orari notturni. Dovrà segnalare l’intenzione di girare a destra o sinistra con le braccia a quanti stanno dietro o davanti a lui. Insomma, è vero che il ciclista è «l’utente debole della strada», ma non per questo gli sono consentite prepotenze. Segue...
12/09/2018 - Sylar Surfer
...Continua. In generale, le biciclette devono procedere nel senso di marcia stabilito anche per le auto e non possono quindi percorrere una strada controsenso, a pena di sanzione. Tuttavia il Comune può prevedere delle eccezioni e autorizzare, su alcuni tratti di strada a senso unico, la circolazione a doppio senso solo per le biciclette. Ma ciò a condizione che vi siano rispettate tutte le seguenti condizioni: la strada deve essere larga almeno 4,25 metri: sulle strade più strette il Comune non può autorizzare il doppio senso di marcia per le bici ; si deve trattare di una strada a Ztl (zona a traffico limitato) il limite di velocità del tratto di strada in questione non deve essere superiore a 30km/h; non deve essere presente traffico pensate; deve essere apposta una apposita segnaletica in cui viene indicato il doppio senso di circolazione consentito solo alle biciclette.
12/09/2018 - Sylar Surfer
Il buon Fusignani dimentica il problema dell'uso del cellulare alla guida, vera piaga dei nostril giorni e delle nostre strade in particolare - anche ma misura minore e con conseguenze enormemente minori quando chi telefona guida una bicicletta.
12/09/2018 - E_S_
era ora! Purtroppo la gente si eleva civilmente solo quando è costretta a mettere mano al portafoglio
12/09/2018 - xxx
Buona notizia se confermata la giunta avrà il mio voto alle prossime elezioni. Vorrei suggerire x le bici l'uso dei fanali, poi con l'abbondanza di vigili qualche pattuglia in via Doberdo, consiglio l'uso di stivali x gli agenti .
12/09/2018 - Francesco
E sarebbe ben ora di istituirlo questo patentino.
12/09/2018 - Cinzia Corte
Bene! Vedremo se a queste belle parole il caro fusignani farà seguire fatti concreti.
12/09/2018 - Nicola
SANZIONARE ANCHE CHI USA LA BICICLETTA SOPRA I MARCIAPIEDI...NON MALE,GRAZIE !
12/09/2018 - Danilo
Praticamente i problemi di Ravenna si riducono ai ciclisti indisciplinati e ai cani con la museruola. Da elettore del Pd credo che sia il caso di concentrarsi su problemi più importanti per la collettività. Immobilismo della politica ravennate sui temi economici e di rilancio della Città, ad esempio sul turismo e sulla sicurezza, è disarmante.
12/09/2018 - Nick
Caro Pi, le ciclabili e dove è possibile attraversare in sella sono evidenziati dai cartelli. In tutti gli altri casi, il ciclista è invitato a scendere ed attraversare a piedi per vari motivi, Io che esco da Via Gradisca verso via canale molinetto, più volte ho richiato di colpire ciclisti spericolati e meno perchè non c'è visibilità, oltretutto con un bel cartello prima e dopo che indica chiaramente che i ciclisti DEVONO ATTRAVERSARE A PIEDI. Non è possibile vedere dietro i muri.Comunque ben vengano questi controlli e sanzioni anche per le auto parcheggiate dove non consentito arrecando pericolo. vedi i soliti furbetti di VIA ANTICO squero difronte al bar......MULTE
12/09/2018 - fra
Vorrei sapere quando si inizierà a fare le multe per la guida col cellulare..tanti proclami nulla di fatto ..solo oggi ne avrò visti 5
12/09/2018 - stefano
X pi. : perdonami la puntualizzazione, ma la maggior parte di strisce si chiamano pedonali perché le si attraversa a piedi !! Forse a te non è mai capitato di vederti all'improvviso sbucare un ciclista che senza neanche rallentare si fionda sulle suddette strisce !! Eppoi vogliamo parlare pure di tutti quei ciclisti adulti e non che girano con le cuffiette ??
12/09/2018 - Serena
questuanti? PERCHE'? NON SI PUO'..in un articolo qui pubblicato qualche giorno fa ..un giudice ha sentenziato che si possono chiedere danari alla gente:-)) :-))))
12/09/2018 - alberto
Piuttosto che multare le persone che girano in bicicletta, perche' non multare chi parcheggia in divieto di sosta, sopra i marciapiedi, al di fuori dei stalli segnalati, in rotonda, etc, etc? unico esempio necessario: Piazza Caduti, ho visto pure i vigili parcheggiare illegalmente per poi andare da Ramiro per il caffe'. Le macchine sono un problema molto piu' grave delle biciclette...
12/09/2018 - asdf
Attraversare una strada in sella alla bici non è reato né sulle strisce né dove non ci sono, basta dare la precedenza ai mezzi che si vanno ad incrociare. Detto questo, sarebbero da sanzionare i comportamenti di qualunque autista, pedone, ciclista che crea una situazione di insicurezza con arroganza di essere nel giusto. Se mi beccano contromano in bici in via Marani (sfido chiunque a fare 2 volte al giorno la "ciclabile" di via Circ. Piazza d'Armi) non la pago finché non vedo multare gli automobilisti in via Molinetto che vanno ai 100 o oltre.
12/09/2018 - Pedocicloautista
@Sylar..certo che i ciclisti devono mettere la manina per girare a destra o sin, ma anche i signori automobilisti dovrebbero mettere la freccia quando girano ANCHE NELLE ROTONDE !!!! perche', signori, quando si esce dalla rotonda, si deve andare a destra, quindi freccia.- Vi costa cosi tanto ??? è gratis e l'avete a portata di mano.- Finalmente qualcuno si fara vivo in via Castel San Pietro...solo che, purtroppo, quando vedono uno in divisa, scendono dal senso vietato.- ci vorrebbero pattuglia in borghese
12/09/2018 - bilancia
Apprezzo queste iniziative che condivido e da tanto speravo sono anche proprietaria di cani perché non li teniamo anche a guinzaglio? Sarebbe una buona idea. Isotta
12/09/2018 - Scapini marilena
I CANI NON SONO INDISCIPLINATI. LO SONO SICURAMENTE I LORO PADRONI. ATTENTI A QUELLO CHE SI SCRIVE. GRAZIE.
12/09/2018 - marco migani
Nei pali della luce nei pali dei cartelli stradali nei cancelli vicino alle scuole vi sono incollatti tantissimi annunci che col tempo si rompono sopra ne vengono incollati altri e cosi via. Trovo questo veramente indecoroso È facile trovare i responsabili perché su questi annunci C'è sempre numero cellulare . Quindi ...multarli perché finiscano di imbrattare la città
12/09/2018 - Carla 2
rendere obbligatoria la museruola per i padroni dei cani!
12/09/2018 - ivano
Allora da oggi lascerò a casa la bicicletta e girerò anch'io in macchina ai 30 all'ora anche dove ci sono i 50. E non mi tirerò da una parte se qualcuno vuole sorpassarmi. Grazie a questa giunta di favorire chi gira in bici.
12/09/2018 - B.delgas
per far si che tutte queste dichiarazioni altisonanti non restino solo proclami elettorali, fateci vedere i fatti, intanto non basta multare 1/2 automobilisti al giorno intenti al cellulare mentre guidano perché sono veramente un'inezia, girando per le strade se ne vedono a centinaia, e allo stesso modo si vedono centinaia di ciclisti circolare in mezzo alle carreggiate anche quando hanno le ciclabili al loro fianco, o cosa ancor peggiore girano con le cuffie o col cellulare in mano senza guardare dove vanno....dimostrateci che fate sul serio e pubblicate i numeri, in questo paese l'educazione si insegna solo con la linea dura, allora fatelo!
12/09/2018 - Hypersthene
Vorrei sapere se sono multabili anche i pedoni, le mamme con la carrozzina dei bambini, gli anziani con il deambulatore che circolano in mezzo alla strada perchè i marciapiedi sono occupati dalle macchine in sosta. Girare nelle immediate periferie per rendersene conto.
12/09/2018 - Roberto
Fra il dire e il fare...
12/09/2018 - Emanuele
Chissà quale sarà stata la causa scatenante a illuminare la mente di Fusignani al punto da enunciare questo provvedimento. È da una vita che gli stessi questuanti inportunano i turisti perfino quando pranzano. Sono talmente specializzati e conoscitori degli orari in cui si può 'lavorare' tranquillamente e quando invece é opportuno cambiare zona. E quelli che stanno davanti ai centri commerciali? Mi chiedo come sia stato possibile all'Iper e al parcheggio del mercato riportare la situazione nella norma, a volte volere è potere.
12/09/2018 - angelo
Se devo seguire i sensi unici e fare anche in bicicletta gli stessi giri stupidi che devo fare in macchina, tanto vale andare in macchina. Ovviamente col climatizzatore a palla.
12/09/2018 - Giovanni lo scettico
Ok...perfetto però perché non incominciamo prima a multare le auto che parcheggiano l’auto direttamente sul marciapiede?!??!
12/09/2018 - Ros
Spero che nessuno dimentichi quelle orde di ciclisti da corsa che viaggiano in gruppo occupando praticamente tutta la corsia di marcia! Li voglio proprio vedere a multare l'intero "gruppone"!! Awa
12/09/2018 - Awa
Tutto ciò denota politiche ormai obsolete e non al passo con quanto succede in Europa. Intanto ricordo che la città è piena di ciclopedonali, che sono marciapiedi dove è consentito il transito delle biciclette (un obbrobrio). Per chi va in bicicletta (non Fusignani), si sa cosa significhi. In Europa si tende a penalizzare il traffico automobilistico rispetto a quello su due ruote, dando la precedenza a chi va in bicicletta, senza dover scendere ogni 50 metri. Piste ciclabili colorate, segnaletica ben fatta, ecc. A Ravenna si è pensato di asfaltare anche strade come il Viale Randi e intanto, le ciclabili su Viale Galilei e Viale Pertini sono dimenticate. A proposito, dov'è la ciclabile Madonna dell'Albero-Ponte Nuovo? Fusignani non parla della strage di motociclisti sulle nostre strade. E' vero che il codice della strada è un optional per tutti, ma questi motociclisti sono mine vaganti, soprattutto per loro stessi. Il sistema per guarire è fare delle multe!!!
12/09/2018 - Petar
Ohh un po di multine ai cagnetti. Un po' di introiti dai proprietari di cani era ora, Loro ne hanno sicuramente da buttare................................... Il giacchettino, l'ossicino al sapore di, il cibo bio per animali. Vai mo !!
13/09/2018 - Gabriele
Posso essere anche d'accordo, ma quando si estenderà lo stesso rigore anche agli automobilisti? Vedi parcheggi selvaggi al mercato di sabato e nelle vicinanze dei bar quotidianamente per non parlare dell'uso del cellulare.
13/09/2018 - giuditta
E' il re delle sciocchezze, guardate come è ridotto il suo paese Castiglione, un vero dormitorio senza negozi nemmeno quelli alimentari, ha chiuso i battenti perfino il circolo del PD. Purtroppo Ravenna ha intrapreso quella strada non c'è niente d'affare!
13/09/2018 - giacomo
e perché come decoro non aggiungiamo anche la sistemazioni di muri dei palazzi disabitati dei quali il centro è pieno????o di saracinesche di negozi già chiusi le cui inferiate sono piene di ruggine(vedasi garage mariani o chi per loro!!!) e la impalcatura che sorregge il moncone della ormai ex torre civica ne vogliamo parlare... oppure quel finto "camminatoio" di plastica ormai sfatta che si trova sotto ai portici di via di Roma o in Via De Gasperi e che sa tanto di terzo mondo???perché quando si parla di una cosa bisogna mettere dentro tutto..... no?????
13/09/2018 - simo
Multa, multa, multa, a chi va in sella alla bicicletta in via Cairoli.
13/09/2018 - Saverio
Spero sia vero e non un proclama, chi va in bici va o andra' anche in auto, l'educazione ed il rispetto si insegna da piccoli. Reato e' una parola grossa, ma il CDS detta delle regole che tutti noi dobbiamo rispettare chi non lo fa deve essere sanzionato. Aver assunto degli agenti significa doverli stipendiare coi ns soldi, speriamo che facciano cio' per cui vengono pagati. Grazie.
13/09/2018 - elio62
Buongiorno, concordo le iniziative del Comune, ma vorrei far notare la maleducazione, inciviltà e il non rispetto del codice della strada da parte di tutti gli automobilisti quando guidano con il cellulare (per telefonare e per SCRIVERE MESSAGGI) oppure quando NON ti fanno mai attraversare in sicurezza sulle strisce pedonali, al massimo rallentano un poco e i più cercano di schivarti....Abito lungo una famosa circonvallazione iper-trafficata e queste son cose sotto i miei occhi ogni giorno, anzi purtroppo ne subisco e ne sento ogni giorno. Se il Comune vuole fare "cassa" potrebbe semplicemente essere più attento e noi cittadini/automobisti/ciclisti potremmo essere semplicemente più onesti e corretti.
13/09/2018 - erossi77
Perfetto ma che il comune si assuma le responsabilità dei danni causati dalle buche stradali e i danni causati dalle varie radici degli alberi che rompono le strade (via Maggiore ad esempio... la sottostrada che alcuni vigili considerano pista ciclabile ma che di fatto non lo è perché è parcheggio per auto e le auto vi circolano, é invasa dalle radici e quindi pericolosissima per le biciclette) e si assuma la responsabilità di Via Enrico Pazzi Nella quale le biciclette se non circolano sul marciapiede (rischiando a questo punto una multa) intralciano il traffico delle auto e se circolano in strada vengono sicuramente investite perché la strada è troppo stretta... vogliamo parlare anche di quelle strade nelle quali non Esistono i marciapiedi e i pedoni sono costretti a circolare in mezzo alla strada ad esempio via Portone via rampina via ghibuzza? È giusto pretendere delle regole ma è altrettanto giusto dare prima il buon esempio rispettandole!!!!
13/09/2018 - Luf
MA ANDATE A VIGILARE SULLA SICUREZZA!! VIGILATE SUI FURTI NELLE CASE, SUGLI SCIPPI AL MERCATO, SULLE AUTO CHE CI RUBANO SOTTO CASA, NON SUI POVERI CICLISTI!!!!
13/09/2018 - sole
INVECE CHE MULTARE LE BICICLETTE..... ANDARE A MULTARE LE PROSTITUTE IN ADRIATICA!!! QUELLA SI CHE è UNA VERA VERGOGNA!!!
13/09/2018 - sole
... e vogliamo parlare delle auto che parcheggiano in via Zalamella di fronte al circolo tennis ??..in alcuni giorni è una fila infinita di auto parcheggiate tra la strada e il marciapiede e nessun vigile che passa interviene anche se in quel tratto c'è il divieto di sosta in quanto pericolosa....
13/09/2018 - antony
il blocco delle biciclette in via Cavour e via diaz è una vergogna! Non bastava togliere i parcheggi. E' proprio l'ultima mossa per far morire il centro storico definitivamente. Personalmente non andrò più in centro.
13/09/2018 - Alessia70
A quando anche multe ai veicoli che non si fermano per dare la precedenza ai pedoni sulle strisce?? Se ne fermeranno uno su dieci, e tra quelli che non si fermano ho notato che eccellono gli autisti degli autobus... Ricordo che questa sanzione prevede la decurtazione di 8 punti sulla patente, quindi viene considerata una violazione abbastanza grave. Sarei curioso di vedere i dati relativi alle sanzioni elevate per questa violazione...
13/09/2018 - P.S.
finalmente si mette mano alla piaga Ravennate e cioè i ciclisti indisciplinati (contro mano ovunque ecc) ma il problema più grosso è che non si vede ma in la polizia municipale in giro per la città
13/09/2018 - Super Pippo
Tre incidenti auto/moto solo negli ultimi tre giorni, per esempio, e il problema adesso sono le bici? Mah! Vabbè voler cercare di distogliere l'attenzione dai veri problemi, ma così si esagera.
13/09/2018 - Massimo Bacilieri
E bravo il nuovo paladino della legalità. Sicuramente sono problemi di enorme interesse pubblico, tanto da fare nuove assunzioni per riportare la situazione sotto controllo. Vorrei che stesso zelo venisse applicato ad altre questioni, dal mio punto di vista molto, ma molto, più importanti. Sono uno che percorre la via Classicana, da Fosso Ghiaia a Fornace Zarattini, da moltissimi anni. Una strada con limiti di velocità stabiliti di 50 KM e che invece è una pista da corsa dove vedi sfrecciare auto e camion a velocità folli, non ho mai e dico mai visto un controllo da parte di tutte le autorità preposte, vigili urbani, polizia di stato, carabinieri, polizia provinciale, guardia di finanza, esercito, marina, e chi ne ha più ne metta. Se provi ad andare alla velocità consentita ti ritrovi gli autoarticolati che ti suonano, quando ti va bene, oppure cercano di spingerti se non riescono a sorpassarti. Caro vice sindaco si prenda a cuore anche questo di problema, che ritengo più importante.
13/09/2018 - Gerry
ho letto l articolo, i commenti,ho una bici un cane,adesso mi domando ma queste regole sono sempre esistite,PERCHè C è BISOGNO della stetta?mi sfugge qualcosa??
13/09/2018 - batti
Eeeehhh! questi sono furbi e hanno l'intenzione di fare cassa anche sui cani! Però li avete votati li tenete fino 2021!!
13/09/2018 - Sara
Chi viaggia in sella a una bicicletta sta a tutti gli effetti guidando un veicolo: e un veicolo non solo non ha la precedenza sul un passaggio pedonale ma neppure può transitarvi. L'unica soluzione è scendere di sella e spingere la bicicletta a mano. In quel momento torniamo ad essere pedoni, e quindi la precedenza è nostra. Se transitiamo in sella alla bici su un passaggio pedonale, anche dopo aver dato la precedenza alle auto che sopraggiungono, commettiamo comunque un reato (articolo 143 del Codice della strada) e siamo passibili di un'ammenda da 41 euro.
13/09/2018 - susy
I lettori di Ravenna Notizie sono fantastici. Vogliono multare cani, biciclette, prostitute, auto, pedoni, carrozzine... e i canguri niente?
13/09/2018 - Giovanni lo scettico
Semplicemente bisogna sanzionare tutti coloro che non rispettano le regole.
13/09/2018 - Flavio
é già colui che inondato il comune di Autovelox che tra l'altro hanno creato più danni : fuga dei turisti dalle strade Ravennati,maggio incidenti in approssimitò delle stesse el' impoverimento della popolazione del forese dove sono installate in quanto sono i primo a beccarli queste multe!! Ma chi vi hanno consigliato di fare la politica, topo Gigio?
13/09/2018 - Katia
@susy..se la bici e' un veicolo mi spiegate xke' la sorpassate quando dalla parte opposta sopraggiunge un altro veicolo? e nella fretta del rientro..rischiate di spingerla nel fosso..avete dimenticato sempre che lo abbiate studiato che bisogna mantenere la distanza di un metro e piu'?...siete patetici...
13/09/2018 - ivano
@giacomo Speriamo che succeda anche a quello del PRI cosi ci sbarazziamo definitivamente di questi circoli di partito, vecchi e chiusi come delle sette di creduloni che hanno contribuito al risultato in cui versa Castiglione!
13/09/2018 - maria
Sta a vedere adesso che il problema di Ravenna è quello delle bici! Ma si, disincetiviamo il loro uso. A noi ravennati fa sempre piacere un po' di smog in più...Ma va là Fusignani..
13/09/2018 - CRISTINA S.
questa cosidetta strette non la vedo un azione contro i ciclisti, anzi a FAVORE,credetemi un auto sul COPPINO non fa niente bene
13/09/2018 - batti
Se siamo al controllo di bici e cani significa che il problema di chi gira senza assicurazione senza patente e simile e' stato risolto! Ottimo!
14/09/2018 - artemio
Facciamo cosi. Tutti i ciclisti smettano di andare in bici e prendano la macchina. Oppure continuiamo ad andare in bici rischiando la vita sulle strade ma non in centro perché non si può. Mi dispiace per i commercianti che già sono in difficoltà. Altra possibilità: andiamo solo nei centri commerciali naturalmente in macchina. E poi i vigili saranno tutti in centro e nessuno multerà la moltitudine di guidatori con il cell in mano. Andiamo avanti così. Facciamoci del male...
16/09/2018 - Annalisa
Mi piace l’atteggiamento del vice sindaco: fa la multa alle biciclette ma sa benissimo che la gente fa infrazioni in bici perché non ci sono piste ciclabili. Se, come nelle città più vivibili, fai le piste ciclabili, la gente incentiva l’uso della bici e viaggia in sicurezza e senza inquinare. Caro Fusignani,fatti un esame di coscienza prima di fare lo sceriffo e fai le piste ciclabili se vuoi fare un goal. Per ora hai fatto una autorete
18/09/2018 - Bici
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.