LA POSTA DEI LETTORI / Sulla stretta del Vicesindaco su ciclisti indisciplinati e padroni di cani

Stretta del Vicesindaco su ciclisti indisciplinati e padroni sporcaccioni di cani... e perché sporcaccioni in generale no?! E quali ciclabili? Leggendo l’articolo comparso sugli organi di stampa non mi può che trovare d’accordo con dei distinguo; io stesso poco tempo fa ho presentato un ordine del giorno nel quale lamentavo che il divieto di transito, in sella alle bici, in via Cairoli veniva puntualmente ignorato! 

Capisco che sia diventata un’esigenza anche per via Cavour e via Diaz, magari si potrebbe regolamentare ad orari. Non credo che, ad esempio, dalle 21:00 alle 8:00 ci sia un gran passeggio ad eccezione di qualche giorno particolare. Trovo più problematica, perché più stretta, via IV Novembre. Si potrebbe concordare una soluzione che magari renda meno aspro il provvedimento. Ma la prima cosa che mi salta all’occhio è la totale mancanza di riferimento a chi getta mozziconi di sigarette e piccoli rifiuti al suolo! Basta fare pochi passi sguardo a terra per vedere che è ora d’intervenire!

Sapete quante multe ha elevato la Polizia Municipale a pedoni e ciclisti dal 1° gennaio 2017 al 31 luglio 2018 (mare e lidi compresi, dove giugno e luglio erano presidiati da un imponente spiegamento di forze)? Zero! Giusto due sanzioni ad automobilisti... a cui andrebbe spiegato che è molto pericoloso oltre che incivile). Spero sia una svista da parte di Fusignani e non un motivo a sfondo politico!

Veniamo alle pseudo ciclabili... A Ravenna ne ho viste dei brevi tratti, certo non siamo ad Amsterdam ma così non va bene. Ho già presentato un ordine del giorno a riguardo. Viale Galilei, Viale Saragat, Viale Allende, Viale Berlinguer e Via Maggiore, sono idoneamente larghe ma di fatto impraticabili a causa delle radici! Non vorrei che con la scusa che essendo cronicamente dissestate il comune eviti di sistemarle! Tra l’altro non ho capito perché a Forlì diverse vie, marciapiedi e ciclabili costeggiate da grandi alberi non hanno lo stesso problema! Sarà lo iodio!?

Via Trieste è pericolosissima! Oltre a essere stretta presenta innumerevoli attraversamenti ciechi per le auto. È un miracolo che non sia ancora successo un incidente grave! Io ci lavoravo e per immettermi in via Trieste dovevo attraversare la ciclabile. Tutte le volte mi facevo il segno della croce.

Emanuele Panizza - Consigliere Gruppo Misto

13/09/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Vanno sanzionati tutti quelli sanzionabili. Chi sporca in generale e chi non rispetta il CDS. Non deve fare notizia se si inizia, meglio tardi che mai.......
13/09/2018 - elio62
certo, sono pienamente in accordo! Inoltre manca ancora il tratto di 1 km su via fiume montone abbandonato per collegare il nuovo quartiere di borgo nuovo e il parco del bosco baronio al centro. Ed è assurdo notare che lo spazio della ciclabile viene comodamente utilizzato come pericoloso parcheggio lungo tutta la strada.
14/09/2018 - sole
Concordo su tutto, soprattutto cul completamento di alcune ciclabili che ad un certo punto spariscono, sul tipo via Galilei/Viale Europa/Pala De Andrè
14/09/2018 - PV61
Giusto sanzionare chi sbaglia anche in bicicletta ma vogliamo parlare della ciclabile di via Maggiore? tra auto parcheggiate dissesto del manto stradale dovuto alle radici dei pini non è praticabile, parliamo anche della poca chiarezza nei passaggi pedonali ciclabili .Comunque in altre cittàle ciclabili sono più sicure e le biciclette possono circolare ovunque Cordialità
14/09/2018 - lilli
è impossibile pensare che Via Cavour e via diaz non possano essere attraversate dalle bici. Come ci arrivano i ragazzi a scuola? Percorrendo in mezzo alle macchine via sangaetanino? Sapete quanti incidenti ci saranno? Prima di tagliare le bici, che si facciano piste ciclabili degne di una città vivibile, sicura ed ecosostenibile...
16/09/2018 - Cristiana
Delle biciclette in via Cairoli ne passerà una all'ora (non c'è neppure lo spazio ed in termini temporali non si risparmierebbe praticamente niente...) ma di ciclisti "di serie A", colorati e mascherati da novelli Saronni e Moser con regolamentare occhiale a specchio giallissimo, che ignorano bellamente le piste ciclabili sentendosi superiore a chi le percorre, ce ne sono a bizzeffe! Un ciclista che "scollina" il perennemente trafficato Ponte Nuovo è un pericolo per sé e per gli altri, ma usufruire del dedicato (e costoso, immagino) ponte ciclopedonale sarebbe degradante...
18/09/2018 - Maurizio Ricci
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.