Rapinatore seriale semina il panico tra via Cesarea e Via Castel San Pietro. Arrestato

Rapinatore seriale semina il panico tra via Cesarea e Via Castel San Pietro. Arrestato
Immagine di repertorio

La Polizia di Stato ha arrestato T.A., 24enne italiano senza fissa dimora, per il reato di rapina aggravata, tentata rapina aggravata continuata, lesioni personali

 

Tutto ha avuto inizio ieri sera, alle ore 22.20, quando un equipaggio delle Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Ravenna è intervenuto in via Renato Serra per una tentata rapina ai danni di un 19enne ravennate.

Il giovane ha raccontato agli agenti di essersi affacciato alla finestra di casa dopo aver sentito suonare il campanello e di essersi trovato di fronte un giovane, che prima gli ha chiesto di entrare in casa, e poi ha allungato una mano cercando di strappargli la catenina dal collo, senza riuscirvi.
Il 19enne si è rifugiato all’interno della propria abitazione e ha visto allontanarsi il 24enne in sella ad una bicicletta di colore nero.

Mentre i poliziotti stavano acquisendo le informazioni, è giunta al 112 N.U.E. una richiesta di intervento da parte di un altro cittadino ravennate per segnalare, all’interno di un esercizio pubblico di via Cesarea, la presenza di un giovane che verso le ore 20.00 aveva rapinato, in via Candiano, due adolescenti ravennati ai quali aveva rubato, complessivamente, la somma di circa 20€. Dalla descrizione fatta, gli agenti hanno capito che si trattava dello stesso rapinatore di Via Renato Serra.

Raggiunto il locale di via Cesarea i poliziotti hanno individuato e bloccato il giovane segnalato, T.A. 24enne, già noto agli agenti per i suoi trascorsi giudiziari, che è stato condotto in Questura per gli approfondimenti del caso.

Mentre erano in corso gli accertamenti sull’identità del giovane perchè sprovvisto di documenti di identificazione, si è presentato in Questura un'altra persona per denunciare un tentativo di rapina, avvenuta verso le 21.30 in via Castel San Pietro ad opera di un ragazzo la cui descrizione corrispondeva, ancora un volta, a quella del 24enne.

Il giovane è stato quindi arrestato per rapina aggravata, tentata rapina aggravata continuata, lesioni personali e poi condotto alla Casa Circondariale di Ravenna a disposizione della Procura della Repubblica.

05/11/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Sicuri che fosse italiano ? Nemmeno un parente extracomunitario ? Ed ora chi glielo dice a Salvini ?
05/11/2018 - Tristano Onofri
Questo è una mina vagante, non c'è più sicurezza se gente simile viene continuamente lasciata libera purtroppo!!!!
05/11/2018 - maria
Già noto x i suoi precedenti scorazza x la città tentando di rapinare uno o l'altro tranquillamente e la Polizia disperde energie x recuperarlo...,ebbene deve stare in galera e scontare una giusta pena nel rispetto dei cittadini e delle Forze dell'ordine.
05/11/2018 - Valeria
Uno così andrebbe recuperato, ma come?
06/11/2018 - elio62
tutta colpa dei di quelli che non vogliono pene severe e rispetto delle regole..!!! e sappiamo chi sono!!
06/11/2018 - alberto
ad uno così, che commette tre o quattro rapine una dietro all'altra, in bicicletta, per quanto, venti euro, allo stesso modo come potrebbe fare la bravata di andare a suonare i campanelli e scappare, a che servirebbe la prigione? quale effetto potrebbe avere? io penso nessuno. Non risolverebbe il problema. Scarcerato inizierebbe ancora con le sue scorribande. Non viene da pensare che abbia qualche problema ? che andrebbe in qualche modo seguito e curato.
06/11/2018 - c.c.
Gentile CC, secondo me la prigione servirebbe moltissimo. Finchè resta dentro non fa danni ai cittadini onesti.
06/11/2018 - Giovanni lo scettico
La legge del taglione dovrebbe tornare… per me gli passa la voglia...
06/11/2018 - Matteo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.