Sicurezza. Andrea Maestri (Possibile): "Il Pd di Ravenna va nella direzione di Salvini?"

"Squola, con la “q”, sì perché l’emendamento del governo alla legge di conversione del decreto Salvini ricalca l’esperienza ravennate che a buon diritto il Comandante della Polizia Municipale di Ravenna esibiva ieri sulla stampa come 'prima applicazione in Italia' del nuovo potere di ordinanza dei Sindaci ed è una potente sgrammaticatura delle regole basilari di uno stato di diritto". Lo dichiara Andrea Maestri della segreteria nazionale di Possibile, tracciando un parallelo tra le politiche seguite a Ravenna e quelle del governo nazionale.

"I negozi etnici e i kebab - aggiunge Maestri - che Salvini chiama in burocratese 'esercizi del settore alimentare o misto e attività artigianali di produzione e vendita di prodotti di gastronomia pronti per il consumo immediato' non sono sottoposti alla legge nazionale vigente per tutti gli esercizi pubblici ma sono, e sempre più saranno, soggetti ad un regime di apartheid giuridica costruita città per città, contea per contea verrebbe da dire, perché ormai i sindaci sono trasformati in sceriffi, con ordinanze comunali identiche a se stesse reiterate nel tempo che limitano orari di apertura e chiusura e tipologia di prodotti vendibili".

"Mi sono sgolato inutilmente a spiegare - prosegue l'ex deputato di Possibile - che per combattere la piaga dei disturbatori ubriachi o molesti basta vietare il consumo in strada di alcolici, e punire severamente i trasgressori, senza massacrare piccoli imprenditori e commercianti di origine straniera chiudendo i negozietti che in alcuni quartieri sono preziose luci accese la sera e un servizio di vicinato prezioso per molte categorie di cittadini (turnisti, studenti, anziani ...)".

"Questo accade a Udine - aggiunge Maestri -, come racconta un quotidiano locale: “Stretta sugli orari di Borgo Stazione, la disperazione di un gestore: «Ho pensato al suicidio. Non ho dormito tutta la notte, ho anche fatto brutti pensieri. Sì, non le nascondo di aver pensato al suicidio». A parlare è il 36enne Hayat Irfan, titolare dell'attività "House of Pizza e Kebab" di via Teobaldo Ciconi, uno dei tanti locali del quartiere delle Magnolie che da lunedì prossimo sarà colpito dall'ordinanza del Comune di Udine che impone una stretta sugli orari di apertura delle attività commerciali della zona".

"È un’idea di 'sicurezza urbana' che mi fa orrore. E - conclude Maestri - continuerò a battermi con tutte le mie forze contro questa deriva fintamente securitaria che sta indebolendo il tessuto connettivo delle nostre comunità, già duramente provate da crisi economica e diseguaglianze sociali sempre più gravi. Ma mi chiedo e vi chiedo: a Ravenna la giunta a guida Pd vuole andare in questa direzione? O ha messo il pilota automatico e tira dritto? In fondo c’è un muro: quello che divide la sinistra cosiddetta di governo dal suo popolo".

08/11/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Il Kebab sarebbe il tessuto connettivo della nostra società ? A se’ a post...
08/11/2018 - Ruvido
una volta nei paesini tutti tenevano la porta aperta o con la chiave infilata provate adesso che mi scappa da ridere
08/11/2018 - pièfretta
Caro Andrea il tessuto connettivo delle nostre comunità è in indebolito dalla insicurezza...... Allora ben vengano decisioni per il rispetto delle regole... delle Istituzioni e della LIBERTÀ CHE OGGI È MINATA DALLA PROFONDA INSICUREZZA DEI CITTADINI!!!!! BENE FA IL SINDACO E LA POLIZIA MUNICIPALE AD AGIRE E REPRIMERE CHI NON RISPETTA LE REGOLE... QUESTO NON È RAZZISMO..... È SE IL PD A RAVENNA PORTA AVANTI QUESTA LINEA NE SONO ORGOGLIOSO.....
09/11/2018 - Colombo
La propaganda di Maestri non sembra funzionare molto bene.
09/11/2018 - Giovanni lo scettico
maestri dire che il pd vada nelle direzione di salvini è un azzardo!!!non sanno neanche loro dove vanno!!!!
10/11/2018 - batti
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.