Università. Torna un'eccellenza del Campus di Ravenna: il master in Diritti umani

Università. Torna un'eccellenza del Campus di Ravenna: il master in Diritti umani
Foto di repertorio

Torna un'eccellenza del Campus di Ravenna, il master in Diritti umani, migrazioni, percorsi di inclusione interculturale, riproposto in questa ultima edizione con una veste rinnovata per rispondere meglio alle esigenze che emergono all’interno dei cambiamenti socio-economici del mondo globalizzato. Il master continua una tradizione decennale di specializzazione nel campo dei diritti umani, unica nell’Ateneo di Bologna, che si è realizzata nel Campus universitario di Ravenna. Obiettivo del percorso di studi, diretto dal prof. Giorgio Bongiovanni, è formare allievi altamente specializzati per progettare, promuovere e gestire interventi volti a prevenire e arrestare violazioni dei migranti. 

“La storia, ormai quasi ventennale di questo master, - sottolinea il prof. Gustavo Gozzi, padre storico del percorso -, la sua lunga esperienza e i numerosi contatti nazionali e internazionali che ha saputo costruire, rappresentano la sicura garanzia di una formazione adeguata per comprendere ed operare all’interno della società italiana nel quadro della complessità degli attuali rapporti internazionali”.

“La città di Ravennaspiega OuidadBakkali, assessora all’Università del Comune di Ravenna -, con la sua storia e il suo presente improntato ad una vocazione cosmopolitica e interculturale, così come il suo campus universitario, sono la sede ideale per la realizzazione di questo progetto formativo. In una realtà italiana ed europea in profonda trasformazione, questo master ambisce a fornire conoscenze che consentano di costruire una società e un mondo in cui sia possibile convivere senza discriminazioni”.

IL MASTER

Il master si propone di accrescere e approfondire la conoscenza delle cause delle migrazioni e delle possibili modalità di realizzazione di una effettiva inclusione dei migranti. A questo fine sono previste lezioni specifiche di materie giuridiche e di materie economiche, di etno-psichiatria, antropologia culturale, storia e filosofia del diritto, per accrescere la comprensione delle forme dell’accoglienza e dell’inclusione, anche attraverso l’approccio dello ‘sviluppo umano’, estremamente rilevante per contrastare la discriminazione e l’inclusione economica, politica, sociale, psicologica dei migranti. Rispetto alle precedenti edizioni, l’attuale proposta formativa si è arricchita del contributo di esperti nell’area della psicologia transculturale, in grado di fornire le competenze necessarie per affrontare le condizionidi vulnerabilità e il trauma migratorio, la complessità delle relazioni transculturali, la condizione dei minori.

Il master si avvale della collaborazione di ‘Diversa/mente’, associazione culturale e di promozione sociale che dal 2000 opera nell’ambito del sostegno e della cura psicologica di persone di differenti origini linguistiche e culturali, immigrati e figli di immigrati. L’eccellenza del master consiste nel dare una risposta all’esigenza sempre più sentita di acquisire una formazione interculturale da parte di operatori, laureati, professionisti, amministratori che si rendono conto che le trasformazioni della società italiana, sempre più caratterizzata dalla presenza di molte e diverse realtà di cittadini stranieri, richiedono conoscenze in grado di interagire costruttivamente con un’ampia pluralità di comunità culturali. Il master gode del patrocinio del Comune di Ravenna. Sarà possibile iscriversi fino al 28 novembre.

INFO: https://master.unibo.it/diritti-umani-migrazioni-percorsi-inclusione/it 

14/11/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Una "eccellenza"...? l'accoglienza migranti? Mai momento storico-politico fu meno propizio di oggi.
15/11/2018 - Giorgio
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.