Cultura. Una serata con la mostra del Mar "?War is Over" al Teatro Socjale di Piangipane

Cultura. Una serata con la mostra del Mar "?War is Over" al Teatro Socjale di Piangipane
"Parole in libertà di Marinetti", opera esposta al Mar

Martedì 4 dicembre alle 21 al Teatro Socjale di Piangipane si terrà l’incontro “?War is over, arte e conflitti tra mito e contemporaneità” in cui dialogheranno il direttore del MAR Maurizio Tarantino e il giornalista Matteo Cavezzali. L’iniziativa nel progetto Laboratorio Aperto Ravenna, toccherà i principali temi trattati nella mostra in corso al MAR. Dopo l’incontro sarà possibile mangiare i famosi cappelletti del Socjale. La conversazione verterà sul rapporto tra arte e guerra, che è al centro della mostra “?War is over”. L’esposizione si collega idealmente al centenario della conclusione della prima guerra mondiale, proponendo un percorso che, attraverso l’arte di due secoli, riflette sui conflitti non a livello puramente storico ma in maniera più ampia, artistica e poetica, personale e collettiva, estetica ed etica. 

Non si tratta infatti di una mostra storico-documentaria ma di un itinerario che suggerisce e testimonia letture molteplici sulla guerra: uno (e non l'unico) tra gli esiti possibili verso cui spinge la necessità antropologica della relazione tra diversi; il più crudele e distruttivo, ma anche il più potente creatore di mitologie. L’arte si è da sempre misurata col tema del conflitto - o ne è stata condizionata - non solo attraverso la sua rappresentazione ma, spesso, anche attraverso il rifiuto, la rimozione, l’introiezione. Le opere scelte per la mostra intendono illustrare, con media diversi, la tensione che esiste da sempre tra la creatività individuale e l'urgenza di misurarsi con un tema così pervasivo e onnipresente alle coscienze più vigili.

L’allestimento si avvale di installazioni di Studio Azzurro, che rappresentano un ideale trait-d’union tra i vari temi affrontati e contribuiscono a rendere più affascinante e articolato il percorso espositivo che si snoda attraverso opere e immagini di grande impatto visivo ed evocativo: dal monumento funebre di Guidarello Guidarelli, simbolo delle collezioni del MAR, a Picasso e Rubens, fino ad arrivare ad artisti tra cui spiccano, solo per dirne alcuni, Abramovic, Beuys, Boetti, Burri, Christo, De Chirico, Fabre, Kiefer, Kentridge, Kounellis, Rauschenberg, Warhol. Nell'ottica della valorizzazione delle collezioni permanenti, nel percorso espositivo della mostra sono presenti anche opere del patrimonio del Mar.

03/12/2018


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.