Decreto Sicurezza. Assessora Morigi: l'unico effetto sarà l'aumento degli stranieri irregolari

Decreto Sicurezza. Assessora Morigi: l'unico effetto sarà l'aumento degli stranieri irregolari
Immagine di repertorio

Venerdì prossimo 7 dicembre, l'assessora all'immigrazione del Comune di Ravenna, Valentina Morigi incontrerà i gestori dei Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS) e i soggetti titolari dello SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati), per fare con loro il punto della situazione, in seguito alle novità legate al Decreto Sicurezza, il cosiddetto Decreto Salvini. 

Sarà sicuramente un incontro molto "delicato" durante il quale la Morigi cercherà di fare chiarezza sulle conseguenze legate all'articolo n.1 del Decreto Sicurezza, che prevede l'abolizione dei permessi di soggiorno temporanei per esigenze di carattere umanitario, cioè di una delle tre tipologie di assistenza che lo Stato italiano riconosceva ai richiedenti asilo (oltre allo status di rifugiato e alla protezione sussidiaria).

"Nel nostro Comune, a più della metà dei titolari dello Sprar è stata riconosciuta la protezione umanitaria. Parliano di poche decine di persone (che ricevevano una forma di accoglienza che prevedeva anche l'alloggio in strutture, percorsi di inserimento, ecc... per la durata di due anni). Ora, allo scadere del permesso, ogni caso dovrà essere preso in esame singolarmente, da apposite commissioni territoriali che valureanno se convertirlo negli unici due casi previsti dalla legge: "protezione speciale" o "casi speciali"- spiega la Morigi. 

L'Assessora sottolinea la preoccupazione e l'allarme che da giorni stanno lanciando molti sindaci di tutta Italia: allo scadere del permesso di soggiorno temporaneo per esigenze di carattere umanitario, gli ex beneficiari potrebbero trovarsi letteralmente "per strada". 

"
Questa preoccupazione c'è anche a Ravenna. Una parte di coloro che finora era in possesso di quel permesso, potrebbe ritrovarsi ad essere "irregolare", per la cessazione dell'assistenza umanitaria che gli era stata riconosciuta. È una situazione di una gravità e delicatezza incredibile" conclude l'assessora. 
 

04/12/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
In troppi si sono approfittati di questi permessi "umanitari", era ora che qualcuno ci desse una stretta...gli italiani sono esasperati, Ass. Morigi, quando lo capirete?
04/12/2018 - Federica
Tutti questi immigrati sono arrivati in Italia grazie all'inefficienza del PD, avete accolto tutti senza sapere dove metterli e cosa avrebbero dovuto fare per sopravvivere e ora è colpa di questo governo se in tanti andranno per strada?????? in strada ci sono già da anni. Ma siete dei folli o fate solo finta?
04/12/2018 - agi62
Ass. Morigi, il vostro unico effetto invece, é stato cambiarci la vita e crearci solo guai, basta confrontare quella di prima con quella di oggi..
04/12/2018 - Ravèna
Federica ti invito a LEGGERE un ottimo articolo scritto da Andrea Palladio e Raphael Zanotti su La Stampa del 01/10/'18 '' Le mani delle coop nere sul businness dei migranti '' , poi quando finalmente lo capirai (con lo studio e la lettura) forse smetterai di dire assurdità!!! Studia!
04/12/2018 - mirko
Trovarsi per strada già ci sono per strada e fanno quello che vogliono o devo dire glielo fanno fare,scade il permesso e quale' il problema a casa e risparmiamo
04/12/2018 - Giovanni
non credo sia corretto dire che si dovrebbero trovare per strada, dovrebbero in realtà essere rimpatriati in quanto, se non ne viene riconosciuto lo status di rifugiato o non vi sono altre ragioni legali per cui il soggetto ha diritto al permesso di soggiorno, allora deve tornare nel suo paese... Poi, ovviamente, se qualcuno li vuole ospitare a casa sua e a proprie spese è sempre libero di farlo.
05/12/2018 - P.S.
Gli Italiani quando emigravano si portavano dietro moglie e figli guardate le foto degli emiranti in America, ci troviamo con immigrati prevalentemente maschi, abbagliati da un sogno che non esiste perche noi stessi non abbiamo lavoro e il benestare sta calando di anno in anno....... posso sembrare cinico ma il governo precedente li ha fatti entrare, senza poi avere la possibilita' di inserirli nella societa. un errore che ora sta pagando il paese e non i politici che allora fecero l errore, il problema che in Italia i politici prendono buoni stipendi decidono per noi e non sono responsabili di niente finito il mandato quello che hanno fatto sono cavoli nostri, a questo punto meglio la democrazia diretta, con i referendum per le cose importanti che toccano i cittadini.
05/12/2018 - ANGELO
Troppe cooperative e onlus stanno lucrando sull’accoglienza, è giusto che si dia una bella stretta, tenevamo queste persone un paio d’anni con permessi umanitari per poi verificare caso per caso, ma non vi sembra assurdo? Va valutato caso per caso subito, chi ha diritto resta, chi non ce l’ha deve tornare da dove è venuto....ci sono centinaia di migliaia di italiani che prendono meno di 600€ al mese di pensione e noi stanziamo oltre 1200€ al mese per profugo....basta!
05/12/2018 - Hypersthene
Quindi Angelo sarebbe stato il PD a fare entrare queste persone??? A me risulta che l'allora Ministro dell'interno Minniti (PD) siglò un'accordo col raiss Faiez Al Sarraj per la gestione dei flussi migratori che oltretutto fu giudicato diusmano dall'Alto commissario delle Nazioni unite per i diritti umani. Inoltre dire 1200 euro a profugo è una falsità che non può essere pubblicata!!!
05/12/2018 - mirko
Aggiungo che Renzi è stato presidente per sei mesi del consiglio ue e NON HA FATTO NULLA nè per l'Italia nè per la questione migranti e il prossimo semestre italiano sarà fra 15 anni.
05/12/2018 - agi62
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.