Bagnacavallo. Presentato progetto interconnessione A14Dir - SP 253R San Vitale

Bagnacavallo. Presentato progetto interconnessione A14Dir - SP 253R San Vitale

Il progetto prevede la realizzazione di bretelle in entrata e in uscita dalla A14Dir, con due rotonde di un diametro di circa 50 metri. La spesa complessiva sarà di 5 milioni e 800mila euro

È stato presentato al Consiglio comunale di Bagnacavallo nella seduta del 3 dicembre il progetto stradale definitivo per la realizzazione dell'interconnessione della A14Dir con la SP 253R San Vitale in località Borgo Stecchi. Accanto al sindaco di Bagnacavallo Eleonora Proni è intervenuto il presidente della Provincia di Ravenna, Michele de Pascale.

A presentare il progetto sono stati i tecnici della Provincia, gli ingegneri Chiara Bentini e Paolo Nobile, affiancati dall’ingegner Stefano Cassarini della società Stigea di Bologna (incaricata della progettazione definitiva ed esecutiva dell’opera) e dall’ingegner Francesco Mazza della società Airis di Bologna (incaricata dello studio ambientale).


Il progetto prevede la realizzazione di bretelle in entrata e in uscita dalla A14Dir, con due rotonde di un diametro di circa 50 metri che le collegheranno alla provinciale San Vitale nei pressi dell’attuale cavalcavia, per una lunghezza totale dell’opera di circa 1,5 km. Accanto alla progettazione dell’intervento, particolarmente complessa visto il dislivello fra l’autostrada e la provinciale, è stato eseguito uno studio ambientale sia per l’analisi dei flussi di traffico sia per l’inquinamento acustico e atmosferico. In entrambi i casi l’opera porterà un significativo vantaggio.


«È stato un percorso lungo, il cui esito positivo è frutto di un lavoro congiunto fra gli enti coinvolti (Comune, Provincia e Regione) e la comunità e le imprese del nostro territorio – ha commentato il sindaco Eleonora Proni – tutti consapevoli che questo intervento è fondamentale per sostenere l’economia, garantire la sicurezza nella circolazione in particolare nel centro storico di Bagnacavallo e limitare significativamente l’inquinamento. La convenzione che abbiamo sottoscritto, e che vede la compartecipazione delle aziende bagnacavallesi, è un esempio pilota in regione di cui siamo orgogliosi.»


«Siamo di fronte a un intervento che sarà realizzato a Bagnacavallo, ma non soltanto per Bagnacavallo – ha aggiunto il presidente della Provincia Michele de Pascale. – Sul territorio comunale insistono imprese di primaria importanza, e Bagnacavallo rappresenta uno snodo di traffico fondamentale, che paga anche il prezzo di essere lungo una direttrice cruciale per la regione. L’Amministrazione comunale e le imprese hanno saputo fare una scelta condivisa e di concretezza, e Provincia e Regione hanno riconosciuto il valore di questo percorso e la necessità di un’opera che porterà benefici in un bacino molto più ampio di quello comunale.»


La spesa complessiva, di 5 milioni e 800mila euro, sarà finanziata per 3 milioni e 200mila euro tramite un contributo della Regione Emilia-Romagna, per 2 milioni e 500mila euro dalla Provincia stessa e per i restanti 100mila euro dalle imprese del territorio bagnacavallese. Per quanto riguarda i tempi, le previsioni sono di giungere all’approvazione del progetto definitivo entro giugno 2019, per poi procedere in autunno con il progetto esecutivo e il bando di gara e giungere all’affidamento dei lavori entro l’anno. L’avvio dei lavori, della durata complessiva di circa due anni, è previsto per l’inizio del 2020.

05/12/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Ora ditemi a che diavolo serve tale ingresso in tangenziale quando a 5 minuti si ha già lo svincolo di Bagnacavallo..quei soldi usateli per rimettere a posto le strade invece di pensare a ste cose poco utili
05/12/2018 - christian
Non è che c'è un errore nella grafica? Se le corone rotatorie non sono in cielo, la bretella che le congiunge passa sotto l'autostrada, non sopra.
05/12/2018 - cromwell
Ma a cosa serve una bretella in quel punto? Come al solito, perchè paga Pantalone buttiamo pure i soldi dalla finestra, ne abbiamo talmente tanti...
05/12/2018 - agi62
Esatto Cromwell, il raccordo è l'attuale San Vitale! speriamo che il progettista se ne accorga prima di far partire i lavori...
06/12/2018 - Giampaolo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.