Matteo Cagnoni trasferito a Ravenna. Raccolte più di 4.000 firme per chiedere il suo allontanamento

Matteo Cagnoni trasferito a Ravenna. Raccolte più di 4.000 firme per chiedere il suo allontanamento
Matteo Cagnoni durante il processo a Ravenna (foto d'archivio)

Diverse associazioni ravennati - Linea Rosa, Udi, Dalla Parte dei Minori, Casa delle Donne - impegnate contro la violenza di genere hanno lanciato, nei giorni scorsi, la petizione "Nè privilegi nè disparità. Per Giulia Ballestri" per chiedere al Dap (Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria), al Ministro della Giustizia e agli altri soggetti interessati di revocare l'autorizzazione concessa a Matteo Cagnoni, che gli ha permesso di far ritorno nella casa circondariale di Ravenna, affinchè sia ritrasferito in un altro carcere. Nel giro di quattro giorni, la petizione ha raccolto ben 4.069 (l'obiettivo è di arrrivare a 5.000).

"Il 25 novembre, Giornata mondiale contro la violenza maschile sulle donne, i media locali e nazionali - scrivono Linea Rosa, Udi, Dalla Parte dei Minori e Casa delle Donne - comunicano che Matteo Cagnoni, condannato all'ergastolo per il femminicidio della moglie Giulia Ballestri, è stato riportato dal carcere Dozza di Bologna al carcere più confortevole e domestico di Ravenna."

"La concomitanza dei due eventi - affermano - ha provocato prima sconcerto, poi indignazione, non solo nelle Associazioni da sempre impegnate nella lotta contro la violenza di genere, ma nella cittadinanza tutta. Il provvedimento davvero inusuale risulta ancor più inspiegabile se si considera da un lato, il suo stato di condannato in primo grado alla pena dell'ergastolo, dall'altro la peculiarità dell'istituto penitenziario di Ravenna che prevede la presenza di detenuti in attesa di giudizio o condannati ad una pena non superiore ai 5 anni o con un residuo di pena inferiore ai 5 anni."

"E allora perchè questo trasferimento? Non certo, come pare abbia affermato uno dei legali dell'insigne dermatologo, per l'aumento dei suoi attacchi di panico e per stare vicino ai propri familiari, nessuno dei quali, peraltro, risiede a Ravenna. A Ravenna - aggiungono le associazioni - risiedono invece i familiari e i tre figli minorenni di Giulia Ballestri, di cui lo stesso ha perso la potestà genitoriale. Possibile che nessuno di coloro che hanno autorizzato questo provvedimento si sia interrogato sulla ricaduta che questo può generare nella vita e nella crescita dei tre figli di Giulia che nella città di Ravenna crescono, vanno a scuola, fanno sport, crescono senza la madre, uccisa dal loro padre?"

"Troviamo profondamente ingiusto che sia stata accolta questa richiesta di trasferimento che porta un detenuto condannato ad un passo dai figli che lui ha reso orfani di madre, col rischio di accrescere il loro enorme dolore e quello di tutta la famiglia di Giulia. Attraverso le avvocate delle nostre associazioni abbiamo chiesto al Dap (Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria), al Ministro della Giustizia e agli altri soggetti interessati, di revocare questo provvedimento inspiegabile e di disporre il trasferimento del detenuto in altro carcere. Chiediamo alle cittadine e ai cittadini, non solo di Ravenna, di firmare questo appello, per Giulia e per una giustizia che sia uguale per tutte e per tutti" concludono Linea Rosa, Udi e Dalla Parte dei Minori.

Chi è interessato a firmare la petizione, può farlo su: https://www.change.org/p/facebook-nè-privilegi-nè-disparità-per-giulia-ballestri-383b3fb2-e2cb-463d-8d75-9a7113cf9dbe

05/12/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
il cattivismo si scaglia contro un CATTIVO??
05/12/2018 - batti
Ma perchè? Per finire sul giornale? Ma occupatevi dei fatti vostri, che è meglio.
05/12/2018 - Alessandro
La cattiveria della gente...............sarei curioso di sapere quanti uomini hanno firmato e quante donne,,, le firme non sarebbe meglio raccoglierle per iniziative di bene popolare?? perche la gente non si fa i C__zi Propri...........Cattiveria pura.
06/12/2018 - Angelo
Non mi sembra che il carcere di Ravenna sia confortevole, anzi viene considerato piuttosto decadente, poi non credo che lo si possa incontrare casualmente, in carcere non danno permessi di uscita agli ergastolani, per il momento. Piuttosto nell'affrontare gli altri gradi di giudizio sara' più semplice trasferirlo in tribunale per le udienze. Cmq chi vuol firmare lo faccia pure.
06/12/2018 - elio62
Scusate ma è stato condannato in primo grado la strada è lunga Comunque ravenna o altrove è sempre un carcere lasciate lavorare le autorita competenti eventualmente saranno i famigliari a chiedere il trasferimento in altra sede
06/12/2018 - Vanni
SIAMO tutti bravi a parlare e a scrivere quando le cose non ci toccano personalmente ehhhhh!!!!E a quelli che scrivono si vadano a rileggere quello che hanno scritto mesi fa!
06/12/2018 - Pensatona
non è questione di buoni o cattivi ma di regole...dozza è un carcere ravenna una casa circondariale e qui non possono soggiornare detenuti per reati come l'omicidio, C'è una regola che è stata infranta
06/12/2018 - v
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.