Dopo il caso Abajur ora nasce un caso Strocchi: esposto dei residenti contro la sala di Via Maggiore

Dopo il caso Abajur ora nasce un caso Strocchi: esposto dei residenti contro la sala di Via Maggiore
La Sala Strocchi in Via Maggiore a Ravenna

Non si è ancora spenta l'eco del caso Abajur, il circolo di Via Ghibuzza che ha prima limitato e poi chiuso temporaneamente la propria attività per problemi di convivenza con il vicinato, che nasce un caso Strocchi. Come si legge sulla cronaca di oggi de Il Resto del Carlino, alcuni residenti di Via Chiesa, Via Maggiore e Via Vallona hanno inviato un esposto al Comune, alla Polizia Municipale e al Prefetto per protestare contro i rumori e gli schiamazzi che sono provocati dagli avventori nelle serate musicali organizzate.

La storia è sempre la stessa. I residenti lamentano che la musica è troppo alta fino a tardi e che in strada poi ci sono schiamazzi che rendono impossibile il riposo. Inoltre, sostengono che il locale non è una discoteca e non dovrebbe quindi ospitare tali eventi aperti al pubblico.

Di diverso avviso Raffaele Iosa, responsabile della sala di Via Maggiore 71, gestita dal circolo Pd D'Attorre. Intervistato dal giornale Iosa sostiene che "la Sala Strocchi è una discoteca e ha tutti i permessi per ospitare serate con la musica. Inoltre, è consentito anche organizzare eventi con ingresso a pagamento."

06/12/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
visto il successo ottenuto con l'abajur si moltiplicheranno i residenti che pretenderanno il silenzio, anche rispetto a locali dove si svolgono pochi eventi l'anno. poi toccherà alle feste private e ai parchetti (se ce ne sono ancora) dove giocano i bambini . non esiste il diritto alla pennichella pomeridiana? ravenna pochi anni fa era un dormitorio. con un po' di impegno da parte di tutti , compresa la stampa che dà grande visibilità a queste fondamentali notizie, possiamo ristabilire la situazione e tornare tutti a dormire .
06/12/2018 - alar
Fino a mezzanotte ci si può divertire senza tanto disturbo, è necessario fare le 2 - 3 e oltre per divertirsi? Questa gente non ci va a lavorare o a scuola? Sono tutti turnisti o disoccupati? Adesso deve essere capodanno tutto l'anno per divertirsi? Quando questi nottambuli vanno a casa trovano il silenzio però!!!
06/12/2018 - maria
E..... svegna!
06/12/2018 - sipi
Penso che i residenti avrebbero il diritto di dormire in pace , i locali che possono produrre rumori "molesti" li dovrebbero collocare altrove o dotarli di isolamento acustico."la mia libertà finisce quando inizia la tua"
06/12/2018 - maria teresa
la desertificazione socio-musico-culturale continua inesorabile. Ravenna capitale dei sepolcri imbiancati
06/12/2018 - V
Io silenzierei anche i campanili delle chiese, che ogni 30 minuti interferiscono con il sonno della gente.....Non siamo più nel Medioevo, ormai una sveglia ce l'hanno tutti, quantomeno nell'imprescindibile ed immancabile telefonino
06/12/2018 - Maurizio Ricci
...per non dire poi delle vie trafficate durante l'ora di punta, la stazione coi treni, le campane delle chiese, l'abbaiare dei cani, il vociare dei passanti il sabato pomeriggio in centro, il tirare lo sciacquone di notte, da non immaginare i festeggiamenti di capodanno: andran bene gli spumanti, purché abbiano il tappo col silenziatore; gli auguri si faranno con un cenno del capo o una stretta di mano, perché a mezzanotte é troppo tardi per parlare.
06/12/2018 - Lucio
@maria....ma vede signora, ormai l'abitudine è cominciare a divertirsi dopo le 23/24.- nelle discoteche si fanno prezzi diversi in base agli orari tardi !!! prima si beve, eccome !!!! e poi succede quello che succede.- Ma anche nostro piccolo...la RAI come tutte le tv private, a che ora comincia la serata??una volta alle 20.30..ora alle 21--21.30 e i programmi arrivano quasi tutti oltre le 24, con durata (vergognosa) oltre le 3 ore.- quindi, le abitudini poi si spostano anche nel divertimento personale.- !!
06/12/2018 - bilancia
moh noo!!! Anche la Strocchi...!!!!Chissà se chi si lamenta ha all'incirca la mia età ( più 70 che 60...)e da "giovane" andava a ballare alla Strocchi ?Un po' di musica e di risate, anche a tarda ora, fa solo bene , anche a noi anziani, se la memoria non ci ha abbandonato....
06/12/2018 - mcarla
non essendo cattolico ho il diritto di non venire disturbato dallo scampanare delle chiese o processioni con megafono ma evidentemente il metro cambia a seconda di chi lo utilizza
06/12/2018 - Nazareno
Daje rega! Partiamo con una nuova caccia alle streghe e chiudiamo ogni locale di Ravenna ! Per Lucio ... il tirare lo sciacquone di notte .. che fastidio ! :-)
06/12/2018 - Ilpoetadelleffimero
Alla Strocchi si tira tardi almeno da trent'anni a 'sta parte... Chi abita lì vicino da meno tempo... muto!
06/12/2018 - Ravennate24ore
Se si prendono certe iniziative il comune deve trovare un 'alternativa zone dove si possa fare musica concerti ecc. È impensabile dire a chi vuole guardarsi un concerto uscire alla sera dire a mezzanotte vai a letto.ma cosa abbiamo il coprifuoco. Poi i nostri giovani avanno bisogno di divertirsi.Pensavo che a riguardo l'attuale sindaco avesse una visione diversa da Matteucci ma se non trova alternative ed è solo per il no è sullo stesso livello.
07/12/2018 - Fabio
Se Ravenna vuole veramente diventare una città turistica oltre alle nostre bellezze e musei deve offrire anche un po' di vita ed intrattenimento serale altrimenti rimarrà sempre una città da visitare in giornata senza soggiornare neanche una notte.
07/12/2018 - Fabio
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.