LA POSTA DEI LETTORI / Nuovi orari dei treni: i pendolari stanchi di pagare per scelte assurde

LA POSTA DEI LETTORI / Nuovi orari dei treni: i pendolari stanchi di pagare per scelte assurde
Immagine di repertorio

Buongiorno, mi chiamo Beatrice Guerrini, abito ad Alfonsine e sono una di quei tantissimi pendolari che saranno fortemente penalizzati dai nuovi orari Trenitalia; orari decisi a tavolino senza interfacciarsi minimamente con chi deve usare il trasporto su rotaia per motivi di lavoro o di studio, utenti casualmente dimenticati che comunque con i loro abbonamenti mensili e regionali garantiscono introiti importanti e sicuri alla società. 

Com'è noto, Trenitalia ha deciso di modificare completamente gli orari aumentando il numero dei convogli circolanti per rendere più vicina la linea di Ravenna al polo di Bologna, ma questo a discapito di migliaia di persone che si vedono soppressi treni che prima garantivano un rientro dal lavoro ad orari "umani". Tutte queste modifiche hanno toccato pesantemente anche la linea Ferrara- Ravenna (la linea che utilizzo ogni giorno per recarmi al lavoro), stravolgendo orari tutto sommato adatti alle esigenze di studenti e lavoratori.

Per fare un esempio lampante, Trenitalia ha soppresso il treno (sempre pieno di pendolari) in partenza da Ravenna alle 18.24 (utilissimo per chi esce dal lavoro alle 18.00), anticipando quello delle 17.35 alle 17.12 e inserendone uno alle 19.12. Non credo sia necessaria una laurea con master per comprendere che tutti coloro che escono dal lavoro alle 17.30 o alle 18.00 ora si vedranno costretti ad attendere anche quasi due ore per avere un treno per tornare a casa. In base a quale astruso calcolo i dirigenti di Trenitalia hanno considerato "inutile" un treno sempre pieno di pendolari?

Pensare di affidarsi al trasporto con autobus è quasi un suicidio per alcuni motivi: 1. il servizio autobus copre solo la tratta Alfonsine-Ravenna e quindi una buona parte di utenti che ora usano il treno si trova tagliati fuori, 2. gli autobus in periodo estivo vengono soppressi e ne rimane uno solo per il ritorno in partenza da Ravenna alle 17.00, orario di certo non favorevole a chi lavora, 3. gli autobus per Alfonsine partono da Via De Gasperi (l'ultimo utile parte alle 18.15 da settembre a giugno) e tutti coloro che lavorano dalla parte opposta della città (come me ad esempio), non riescono in alcun modo a prenderlo. Senza contare che quei pochi eletti che riusciranno a prendere il bus delle 18.15 dovranno aggiungere all'abbonamento del treno l'abbonamento per l'autobus per poter tornare a casa.

E a proposito di abbonamenti, chi ha fatto quello mensile e ancor più chi ha pagato quello annuale, se dovesse trovarsi nell'impossibilità di poter continuare ad usufruire del servizio su rotaia in quanto gli orari sono veramente assurdi, non si vedrà risarcito nemmeno un centesimo. E' questo il metodo Trenitalia per incrementare il fatturato? Obbligare gli utenti ad utilizzare altri mezzi di trasporto? Sarebbe comunque bello se Trenitalia almeno ci dicesse in base a quali criteri ha deciso la soppressione di alcuni treni necessari, lo slittamento importante degli orari di tutti gli altri e la creazione di treni totalmente inutili (vedasi quello in partenza alle 16.16 da Ravenna, utilizzato da chi? Dagli studenti? A quell'ora sono già a casa. Dai lavoratori? A quell'ora sono ancora al lavoro). Non di certo per favorire il trasporto su rotaia. Di questo siamo consapevoli tutti.

Si parla tanto di emissioni di polveri sottili e di inquinamento: se anche solo la metà dei pendolari che utilizza i treni nelle fasce "calde" (dalle 7.00 alle 9.00 e dalle 18.00 alle 20.00) si vedesse costretto a causa, lo ribadisco, di questi assurdi nuovi orari decisi contro ogni logica, a dover prendere l'auto, quanto inquinamento in più si creerebbe? Abbiamo un mezzo poco inquinante come il treno e ci viene reso impossibile l'utilizzo perché dirigenti ben poco lungimiranti "tagliano" letteralmente le gambe agli utenti. Paghiamo per avere disservizi, paghiamo per non avere treni (se si aprisse la parentesi dei treni soppressi per 2 cm di neve staremmo qui a discutere per ore), paghiamo per convogli sempre sporchi, maleodoranti ed in cronico ritardo. Tocca sempre a noi pagare per l'incompetenza di chi gestisce le ferrovie?

In molti, che come me si trovano in questa situazione di disagio, abbiamo scritto diverse e-mail di protesta alla regione, a Trenitalia, al sindaco di Ravenna, ma sono tutte cadute nel vuoto e siamo passati sotto il più completo silenzio. Spero solo che questo mio "grido di aiuto" possa, tramite Voi, far puntare i riflettori sui pesanti disagi che migliaia di lavoratori e di studenti si vedranno costretti a dover affrontare a partire da lunedì prossimo. Siamo stanchi di essere sempre noi, ultima ruota del carro, a dover pagare per scelte assurde che vanno contro ogni più elementare logica, anche di mercato. Grazie per l'attenzione.

 

Beatrice Guerrini - Alfonsine

06/12/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
... senza contare che il traffico stradale aggiuntivo, causato dal maggior numero di lavoratori costretti ad utilizzare l'auto al posto del treno, si riverserebbe sulla Strada Statale 16 ovvero la famigerata Reale nel tratto Ravenna/Alfonsine, che di problemi di congestione, inadeguatezza e conseguenti incidenti ne ha già parecchi ... invece di tentare di risolverli, Trenitalia & seguaci fanno sì che aumentino ... complimenti!
06/12/2018 - BEATRICE CASALI
Ravenna ormai è allo sbando, vendete casa e cambiate città
06/12/2018 - Marco
Il PD è al potere dal dopoguerra nella nostra regione, e a quanto pare non riesce a ottenere trasporti decenti da Trenitalia. Mi chiedo cosa facciano tutto il giorno.
06/12/2018 - Giovanni lo scettico
....facciamo un'azione di forza , tutti sui binari e impediamo le partenze dei treni. io ci sono
06/12/2018 - santa
Carissima Beatrice, applausi per te, non cambierei una virgola del tuo discorso! Purtroppo tocca sempre a noi poveracci pagare lo 'scotto' delle scelte di chi sta ai piani alti! che cosa gliene importa di noi? Nonm contiamo nulla per loro, è questa la realtà! Basta che sganciamo i soldi e possiamo pure tribolare! dobbiamo protestare, se ci fermiamo al primo 'No' le cose non cambieranno mai! Continuiamo a protestare...non diamogli tregua, inondiamoli di lettere e quant'altro
06/12/2018 - Vale
Condivido a pieno e innalzo lo stesso grido anche per la linea Ravenna-Ozzano, dove i pendolari per raggiungere Ozzano alla mattina dovranno prendere 3 treni, ed al ritorno 2 con un ritardo di mezzora rispetto i vecchi orari. Spero che qualcuno prenda in considerazione tutti questi commenti e articoli
07/12/2018 - sole
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.