Furti in abitazione tra Ravenna, Forlì e Cesena. La Polizia risale a 3 uomini tramite un’auto rubata

Furti in abitazione tra Ravenna, Forlì e Cesena. La Polizia risale a 3 uomini tramite un’auto rubata
Parte del materiale rubato nelle abitazioni ritrovato nel "covo" dei tre malviventi

La Polizia di Ravenna ha sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria tre uomini - B.A., 23enne algerino e P.B. e X.A., due albanesi di 28 e 21 anni - per il reato di ricettazione in concorso. L’indagine lampo, che ha impegnato le Squadre Mobili di Ravenna e Forlì, è iniziata ieri, giovedì 6 dicembre a Punta Marina con il rinvenimento di un’auto rubata, risultata essere il provento di un furto in abitazione commesso a Forlì martedì 4 dicembre scorso. 

Nel pomeriggio di ieri, alcuni equipaggi formati dagli investigatori delle Squadre Mobili, si sono appostati nelle vicinanze dell’auto rubata. Verso le 18.30 è sopraggiunto un uomo, poi identificato per P.B., che mentre stava per salire a bordo è stato bloccato dai poliziotti. Alla scena hanno assistito altri due uomini, poi identificati per B.A. e X.A., i quali sono fuggiti a piedi all’interno della pineta abbandonando a terra alcuni oggetti risultati essere provento di furti commessi in abitazioni di Ravenna e Cesena. L’attività di indagine ha permesso agli investigatori di scoprire l’ubicazione del “covo” dei malviventi, individuato a poche centinaia di metri dal luogo del ritrovamento dell’ auto.

I poliziotti hanno fatto irruzione all’interno dell’abitazione, sorprendendo all’interno cinque persone tra le quali anche i due fuggitivi. All’interno della casa sono stati rinvenuti attrezzi da scasso, capi di abbigliamento, telefoni cellulari, tv al plasma, orologi, una macchina fotografica professionale e circa 2.000 euro in contanti, tutta merce verosimilmente provento di furti dal valore approssimativo di 10.000 euro.

Sono in corso gli accertamenti per identificare gli eventuali legittimi proprietari, vittime dei furti. P.B. e B.A. sono risultati gravati da precedenti penali per reati contro il patrimonio, mentre X.A. è risultato incensurato. P.B., non in regola con le norme sul soggiorno, è stato arrestato anche per aver fatto rientro in Italia in violazione al provvedimento di divieto di ingresso prima dell’anno 2023. Pertanto, i tre uomini sono stati sottoposti a fermo di Polizia Giudiziaria e su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ravenna, accompagnati in carcere a Ravenna.

07/12/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
....termino io l'articolo !!!!!!.......accompagnati in carcere a Ravenna, e dopo le formalita' di rito, il giudice li ha rimessi in liberta', con l'obbligo di non avvicinarsi piu' al comune di Ravenna.- (scommettiamo che c'azzecco ???)
07/12/2018 - bilancia
immagino che il ddl sicurezza dia la possibilità al giudice di incarcerare i malviventi e spedirli in patria loro
07/12/2018 - batti
bilancia,temo proprio di si!!!!
07/12/2018 - LORENZO
Speriamo di no ..!! Cmq complimenti alle forze dell'ordine .
07/12/2018 - Davide
Due albanesi e un algerino...poi qualcuno vorrebbe farci credere che gli italiani sono immotivamente prevenuti verso gli stranieri...
08/12/2018 - Franco
E' proprio vero Bilancia. E purtroppo per noi sanno gia' anche loro come finiscono gli articoli.
08/12/2018 - Urbano
Concordo con Bilancia bisogna rimettere mano alle leggi, ci vogliono pene più severe, e accordi con i paesi di origine di questi personaggi.
08/12/2018 - Nonno
sono convinto che il ddl sicurezza risolverà tutto,vedrete dove andranno ha finire i ladri
08/12/2018 - batti
Rientrato in Italia perché si sta bene e si può fare quel....... che vuole e tanto non c’è la certezza della pena!! Concordo con Bilancia!
08/12/2018 - Accio
Dai commenti tutti magistrati siete !
08/12/2018 - Sauro
@batti: i ladri andranno a finire un un luogo tremendo dove non esistono le “H” :-)
08/12/2018 - Alessandro
no sauro,la maggior parte è derubata
08/12/2018 - batti
Bravo Bilancia, ma i magistrati devono applicare le leggi che alcuni signori hanno voluto, a proposito, conosci qualcuno che questi signori li ha votati?
08/12/2018 - Ravèna
si si alessandro proprio li H 49 milioni
09/12/2018 - batti
si batti, andranno a finire dove sono Buzzi e Carminati... e non dimentichiamoci del caso Galletti Abbiosi, e ricordo la frase "abbiamo una banca", i vecchi partiti ormai sono merce avariata, ai nuovi diamo tempo, al peggio diventeranno come PD e FI.
09/12/2018 - agi62
agi 62,scordi belsito bossi e centemare
11/12/2018 - batti
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.