LA POSTA DEI LETTORI / Via Bastione. Residenti lamentano continui schiamazzi notturni per l'Enoteca

LA POSTA DEI LETTORI / Via Bastione. Residenti lamentano continui schiamazzi notturni per l'Enoteca
Enoteca Bastione

Da alcuni anni gli abitanti del contesto abitativo di Via Bastione lamentano la perdita di tranquillità dovuta dai continui schiamazzi notturni e dalla musica a un volume inaccettabile proveniente dal locale sito nella suddetta via: l’Enoteca Bastione.

Con molta cautela, e con risultati poco entusiasmanti, si sono cercate soluzioni che riuscissero a garantire un compromesso fra la gestione e le famiglie che denunciano tutto questo. A nulla sono valsi i richiami dell’amministratore condominiale e le ripetute lamentele dei condomini, sopratutto nel periodo primaverile-estivo, per la mancanza di riposo. A tutto questo oggi si ripropone una nuova e inopportuna novità: il gestore dopo aver acquisito nel retro del condominio, pubblica via, un permesso per l’utilizzo del suolo pubblico si accinge a costruire una pedana di legno di alcuni metri che oltre a coprire i punti luce delle cantine del palazzo adiacente, aumenterà il disagio e il conseguente inquinamento acustico con la relativa insicurezza dovuta anche alle presenze esterne.
E’ inopinabile che la posizione, ricordo Borgo S. Rocco, pieno centro storico, è poco appropriata per questo genere di locali, non è una piazza piuttosto che un centro commerciale senza abitazioni nelle vicinanze, e quindi è inevitabile che si creino dissapori e frizioni.
Ci sono famiglie e anziani che hanno diritto alla tranquillità e la possibilità di riposare durante le ore notturne. I condomini e gli abitanti della zona si chiedono come mai si continua nella distribuzione di permessi senza verifiche, senza un minimo di controllo da parte dei preposti, inoltre chiedono di annullare il lavoro per la costruzione del manufatto descritto nell’oggetto, si chiede un ripristino dell’area per riportare decoro e serenità.

Nicola Tritto Coord. Comunale Forza Italia

13/12/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
ma chiudiamoli tutti 'sti locali, spegniamo le luci alle 20,00 smettiamo di circolare in auto alle 20.30 e tutti a casa davanti a "Carosello"...Non se ne può più di schiamazzi, locali, giovani per strada, musica e "divertentismo"; occhio che le aziende sono in crisi, le cooperative tagliano e rischiano di chiudere, se zavorriamo anche questo aspetto dell'economia resta davvero poco. Ma chi è in pensione, può preoccuparsi di questi dettagliucci??
13/12/2018 - Daddo
Facciamo una cosa, sbarre a tutte le entrate di Ravenna, navette elettriche che ti portano dentro alla città ma solo fino alle ore 22.00, dopo tale ora coprifuoco totale, bar, pub, e locali di ogni genere (a Ravenna pochissimi) tutti chiusi, tutti a casa e a nanna che vi fa bene alla salute, il centro storico? si potrà osservare solo con i droni silenziati da un altezza che non disturbi l'etere, e finalmente si sarà raggiunta la pace e il silenzio cosmico assoluto, il centro storico cambierà nome, si chiamerà centro mortorico. Saluti e baci.
13/12/2018 - Il passatore
esiste anche il diritto di porter dormire. Oppure svuotiamo le abitazioni intorno a questi esercizi così potranno fare ciò che più gli aggrada
13/12/2018 - Stefano
Io capisco anche la gente che vuole riposare ma se avete tutti questi problemi con la vita cittadina potevate anche comprare casa in piena campagna... vi lamentate per ogni fruscio in una città morta come Ravenna, ma non viviamo in una casa di riposo, mettetevelo in testa, poi vi lamentate se i vostri figli devono fare chilometri per trovare un locale?? Piano piano li state facendo chiudere tutti, ci credo!
13/12/2018 - Carlo
l'agenda per una città dormitorio è inesorabile, tutti a casa davanti alla tv e per le strade solo gli amici delinquenti che ci hanno portato all'ambito 7° posto della classifica nazionale per crimininalità
13/12/2018 - enki
Evvai! Chiudiamo anche il Bastione!
13/12/2018 - Fazio
Addirittura Forza Italia. Sono d’accordo che tutte le attivita’ devono essere controllate, devono rispettare gli orari, devono dare mano fastidio possibile, e bisogna cercare un compromesso tra le parti, ma non si possono chiudere tutti i locali e qualunque altro esercizio rumoroso. Prima l’Abajur, poi la Strocchi, adesso l’Enoteca Bastione.
13/12/2018 - tagio
Concordo con Daddo!
13/12/2018 - Anna
Daddo..chi puo´permettersi di andare a letto tardi la sera non credo faccia parte di quel tessuto produttivo per l economia
13/12/2018 - artemio
Cosi' come esistono le zone industriali lontano dai centri abitati , si potrebbe pensare a zone predisposte solo per gli esercizi commerciali anch'esse lontano dall'abitato!!:-))) In paese o in citta'..si dorme a basta!!:-)))) P.S.: gli schiamazzi notturni disturbano di piu' chi lavora, (mica sono tutti disoccupati o pensionati) perché non permette di riposare ed essere in forma al mattino sul luogo di lavoro.!!! I pensionati possono recuperare il sonno perduto anche di giorno!!!
13/12/2018 - italo
Dopo sessanta anni vi accorgete che esiste l'Enoteca Bastione ?
13/12/2018 - Oifla
Ma non e' in faccia alla piazzetta l'enoteca? E se il locale fa una pedana immagino la illuminerà meglio di quei lampioncini.. poi se ha avuto il permesso vuol dire che può avviare un investimento imprenditoriale in tranquillità o deve restare ostaggio e pensieroso sempre.. l'enoteca in questione poi non ha aperto ieri ormai e' storica uno se vuole la pace prende casa in campagna in una zona tranquilla.. se ci sono schiamazzi il titolare sarà il primo a cercare soluzione ma queste persone perché non fanno un giro la sera per il centro di Firenze i altre città dove cmq esistono oltre che pub anche molte discoteche in centro e si rendono conto della differenza tra il mondo e Ravenna
13/12/2018 - Daniele
...ma dai!!! e' un onesto e pulito locale che cerca semplicemente di sopravvivere alla crisi compattando gioventù che comunque si sposterebbe altrove, creando (altrove) gli stessi fastidi lamentati davanti alla Enoteca. Se i residenti di una certa fascia anagrafica si coricassero soltanto un'ora dopo, sposterebbero in avanti la fase NREM del loro sonno e dormirebbero contenti lo stesso. In definitiva questo è un locale che lavora di sera fino a tardi e offre ai clienti un servizio "richiesto" da questi. Io sono, con amici, un frequentatore del locale dalla precedente gestione e non ritengo quella attuale, conoscendola, sorda a queste critiche.
13/12/2018 - pippo
Andateci voi in campagna! La gente ha diritto di avere una qualità di vita decente paga le tasse quindi poche storie. I locali come nelle grandi città vanno prima di tutto insonorizzate poi devono rispettare gli orari e le regole. Spendete quello che c'è da spendere senza improvvisare come fanno in Germania . Questa è civiltà.
13/12/2018 - elisa
..shhh...commentate sotto voce, altrimenti i residenti del dormitorio centro storico si svegliano e poi non sono in forma smagliante per andare a lavorare la mattina dopo. Chi ha sempre vissuto e vive a Ravenna, purtroppo, non ha la minima idea di come vanno le cose nel resto del mondo civilizzato ed anche attento alle esigenze sacrosante di chi si vuole divertire in maniera sana.
13/12/2018 - gianluca rispoli
Mi sembra che siamo allo sbando più totale , una delle citta ( a parità di dimensioni) con meno attrattive per i giovani e si ha anche il coraggio di lamentarsi del poco che c'è. Ma siete mai stati in centro a Forli/Cesena/Ferrara/Bologna/Rimini nelle ore notturne? O parlate solo perchè conoscete solo il vostro orticello? Non sono i locali a doversi trasferire ma siete voi in quanto di nessuna utilità al tessuto economico del centro città. Ale
13/12/2018 - ALE
Musica ad alto volume ? Andrò a controllare l'udito, dato che sono un assiduo cliente dell enoteca e la musica è ad un volume ragionevole,anzi quando ce molta clientela , viene appositamente abbassata per riuscire a parlare tranquillamente, stessa cosa per gli schiamazzi, e infine per la pedana, se ha i permessi e i soldi per farlo , non vedo quale sia il problema, anzi se installa una illuminazione migliore di quelle che ce , è una buona cosa dato che quel pezzo è poco illuminato.
13/12/2018 - Ebby
a chi parla di diritto di poter dormire . i locali ora nel mirino (Bastone, aurora, strocchi) ci sono da decenni. in passato c'era più tolleranza, ora tutti sono sempre arrabbiati. poi certo, come era prevedibile, i comitati dei dormienti si sono entusiasmati per aver vinto la partita dell'abajur. ora, grazie ad Arpa e alle sue misurazioni,con le quali sarebbe sanzionata anche una chiacchierata ad alta voce, si può sperare nel coprifuoco.
13/12/2018 - alberto A.
Le voci a favore dell'enoteca provengono da abitanti della zona o da avventori che poi se ne tornano a casa propria a dormire lontani dai rumori che tanto inneggiano ?
13/12/2018 - maria teresa
Disturbo alla quiete pubblica : ne avete mai sentito parlare ? bisogna rispettare i diritti delle persone. e il poter riposare di notte è un sacro diritto. ci sono regole e vanno osservate. n.b. non sono un pensionato, sono un over 50 a cui piace andare per locali, nelle curve degli stadi o in giro per concerti. ma i miei genitori mi hanno insegnato a non calpestare i diritti altrui e quindi.....le cose si fanno quando si puo.
13/12/2018 - mauro
Cmq ragazzi state esagerando! Io sono anni che vado al bastione vecchia e nuova gestione e l'unica problematica audio lo vista con i deficienti in auto che vengono su a canna... Fatevi curare da uno bravo
13/12/2018 - Massimiliano
Dai chiudiamo pure la mitica Enoteca Bastione, posto come sempre ben accogliente e ben gestito, ormai uno dei pochi locali rimasti a Ravenna con apertura anche a tarda sera. In tanti anni di frequentazione non mi è mai capitato di assistere ad un episodio "scomodo" o a qualche gesto goliardico, questo anche grazie all'Ottima gestione di Beppe. Toglieteci anche questo dai. Poi ve ne accorgerete, gente che non gira e di conseguenza non spende più a Ravenna città, locali in crisi che di conseguenza cessano "improvvisamente " l attività, mal contento generale. Prima di sparare sentenze, prima di colpire questi locali, iniziamo a ragionare un po' su tutti i fronti, e non solo.su quello che ci conviene a noi. Magari si può trovare un punto di comune accordo fra gestore e comunità anttguo al locale. ????
13/12/2018 - Pep
Ravenna città bella ma con un difetto enorme non vuole che le persone si divertivo. In questo caso il bastione è un locale piacevole dove trovarsi in compagnia per bere qualcosa fare quattro chiacchiere, da cliente affezionato non credo che il locale faccia così tanto casino anzi forse è uno dei pochi locali in centro dove le persone rispettano le persone che abitano sopra io in primis. Altri locali senza fare nome è un delirio quindi diamoci un taglio con queste lamentele continue sui pub e zone di divertimento. L'enoteca bastione ha il mio supporto e lo avrà sempre avanti con la pedana
13/12/2018 - Riccardo Vinci
Credo che le lamentele di pochi non possono condizionare molti. La vita dei locali cittadini c'e sempre stata a faceva anche n della vicina via manetta con due locali 'schierati' dove anche 25 anni fa si faceva baldoria anc g e fino a tardi. Io credo che ci siano problemi più importanti da risolvere come alcune aree non proprio frequentate da elementi caffè disturbano e danneggiano l'immagine di Ravenna. Dove dovrebbero stesse ubicati i locali distorsivo e non di Ravenna??? Al porto?? In campagna???? In aree delimitate e ben distanti dal passeggio dei residenti e dei turisti???? Se volete una città morta.... siete sulla strada giusta. Più non vi lamentate che di sera non si può girare perché avete paura di essere aggrediti o fare incontri spiacevoli. A voi la scelta!!!!
13/12/2018 - Luca
Ma che mente può partorire il concetto che un centro storico non dovrebbe essere adatto ad ospitare locali? Credo che solo a Ravenna si possa partorire una genialata simils
13/12/2018 - Francesco
Quando si agisce nella legalità e nel rispetto delle norme, in.teoria tutto dovrebbe filare liscio. Purtroppo, però non è così. Nonostante non ci sia mancanza di rispetto delle regole, ci si ritrova a ricevere valanghe di polemiche. Mi chiedo: perché? Che senso ha? ,un'attività come l'Enoteca ( tra l'altro che esiste da una vita) è normale che causi un via vai di gente, ma questo non va di certo ad intaccare la quiete in maniera terribile!!! Abito nei pressi dell' Enoteca e non ho problemi con la pedana.. anzi.. rende tutto più vivo, pulito e gradevole! ????
13/12/2018 - Ery
Credo chi ha scritto l articolo non sia mai stato all enoteca. Ci vado spesso e posso dire che il gestore è sempre molto attento fin troppo direi... al fatto che i clienti mantengano un tono di voce adeguato all orario quando sono all esterno del locale. Mi sorprende un po' quest articolo non ho mai riscontrato quello che ho letto. Poi è pur sempre un locale pubblico aperto di notte credo sia impossibile tenere tutti a bocca chiusa. Credo ci siano situazioni ben peggiori a Ravenna. Ah dimenticavo abito lì vicino e non ho mai riscontrato tutti questi problemi...
13/12/2018 - Filippo
Mi piace l'enoteca Bastione come mi piaceva molto il Circolo Aurora. E mi spiace che sia stato costretto alla chiusura. Allora che dire della birreria/pub in Via Renato Serra! Almeno l'enoteca Bastione paga per l'occupazione del suolo pubblico.Non credo che il pub paghi per occupare tutta la strada........... pubblica......aperta al traffico......con tanto di auto che devono passare cercando di evitare le persone in mezzo alla strada. Ma dove è la sicurezza in questa ben strana situazione. E' l'autista che deve stare molto attento a non salire sui piedi dei ragazzi che occupano interamente la strada. Prendendosi pure qualche accidente se per caso sfiori qualcuno con l'auto. Poi la legge non vieta di servire bevande nel vetro? I ragazzi si portano forse i bicchieri e le bottiglie di birra da casa? Dai.... su..... mi auguro che non succeda mai nulla. Altrimenti ... tutti a dire.... poi..... a posteriori...."e l'avevamo detto"!
13/12/2018 - Benedetta
l'enoteca Bastione è aperta da quasi 60 anni se non erro, o le persone sono diventate più intolleranti ai rumori, o, cosa più facile, gli avventori sono molto meno educati di una volta, perché spesso non è colpa dei locali in sé ma dei clienti che si sentono il diritto di uscire in strada a urlare, cantare, orinare sui muri delle abitazioni, fino a tarda notte, vi faccio un esempio: a volte mi capita di passare in auto da Via R.Serra dove c'è il Mac Gowan, è pieno di ragazzi seduti o in piedi in mezzo alla strada che fumano e bevono e schiamazzano, non si spostano neanche a morire e ti guardano pure male a te che passi per strada, vi sembra educazione? Ecco in questi casi si dovrebbero multare gli avventori non i pub, così forse si insegnerebbero le regole della civile convivenza, di notte la gente ha il diritto di dormire, chi frequenta i pub ha il diritto di divertirsi ma senza ledere i diritti altrui!
13/12/2018 - Hypersthene
@artemio E chi lo dice? L'equazione andare a letto presto = vuol dire che lavoro dove gliel'hanno insegnata? Questa città è in mano ad un oligarchia stantìa, si sente puzza di naftalina dalla Diramazione A14; speriamo in un ricambio generazionale, sempre che le nuove generazioni ci vogliano restare in questo mortorio
13/12/2018 - Daddo
io vivo nell'appartamento esattamente al piano di sopra dell'enoteca. vi assicuro che è molto più molesto e invadente il rumore causato dalle auto in continuo viavai e dai negozianti che già alle prime ore dell'alba scaricano camion di merce. fino ad oggi il locale ha sempre fatto rispettare l'orario di silenzio all'una di notte. se poi in giro dopo quell'ora ci sono maleducati e malintenzionati non mi sembra certo di dovergliene addossare la responsabilità
13/12/2018 - barbara
Io mi domando in un Milano o in una Roma come fanno a dormire... ci si lamemta che non cè lavoro e sti lamentoni hanno già fatto rimanere a casa decine di persone...ci si lamemta che ravenna è morta e ogni locale lo fanno chiudere...ma perchè ste persone non vanno ad abitare in campagna ?
13/12/2018 - Maura
Partendo dal fatto che l estate il titolare fa entrare ttt attorno alla mezzanotte e che nn fa musica almeno che nn ci sia qualche festa cittadina se per la pedana ci sono i permessi nn vedo il problema...cmq io abito li affianco
13/12/2018 - Eddy
Sono un residente di via molino e smentisco quanto riportato dalla lettera. Abito a 20 metri dal bastione dal 2010 e non ho mai avuto occasione di lamentarmi. Se la gente è maleducata non è colpa del gestore.
13/12/2018 - Matteo
Abito vicino all'enoteca da anni e devi dire che i propietari oltre adcessere persone squisite e bravi gestori non hanno mai permesso che come ha detto il consigliere,si ferivficassero episodi di disturbo della quiete pubblica. L'enoteca fa parte ormai della storia del Borgo quindi w l'enoteca
13/12/2018 - Enrico
I pub in centro non vanno bene, la discoteca a Porto Fuori non va bene, i bar che fanno musica non vanno bene, non va va bene nulla. se non siete contenti di Ravenna potete benissimo vendere la vostra casina e andare a vivere in campagna o in montagna, oppure in quartiere dove non ci sono bar e pub... Lasciate divertire i giovani e soprattutto fate lavorare questa gente in santa pace.
13/12/2018 - Raffaele
Purtroppo l'invidia è una brutta bestia, x ogni persona che lavora onestamente ce ne sono 10 pronte a Criticare e intralciare. Io da cliente e frequentatore posso assicurarvi che sto pandemonio descritto non è mai capitato. Cmq se di giorno andreste a lavorare la notte dormireste invece di origliare dietro le finestre.a buon intenditore poche parole
13/12/2018 - Sghe
Non è certo una pedana,che tra l'altro potrebbe evitare il problema dei ragazzi che si piazzano in mezzo alla strada, il problema. E non credo nemmeno che siano le poche serate con musica che organizzano durante l'estate. Il problema vero non è l'enoteca,ma la mancanza di educazione dei ragazzi che frequentano i locali. E questo non é certo da imputare al proprietario del bastione. Occorrerebbe anche maggior controllo da parte delle forze dell'ordine.
13/12/2018 - Sandra
Premetto che non sono un'avventore di detta Enoteca che conosco da quando bambino, ma ho 70 anni e non mi piace fare il morto prima di esserlo, quindi viva un po' di vita.
13/12/2018 - bruno
Io mi faccio solo una domanda..perché a Ravenna ogni volta che si vuole migliorare o fare qualcosa di nuovo ci sono sempre critiche??poi ci lamentiamo che non c è mai niente..è ovvio..mah..
13/12/2018 - Daniele
Ogni centro storico è caratterizzato da locali pubblici fin da sempre partendo dalle osterie, non solo cattedrali e chiese.... E chi gira di notte non sono solo disgraziati e nullafacenti o spacciatori ma ci sono anche tantissimi turnisti che finiscono di lavorare a qualsiasi ora della notte e si fermano nei locali per mangiare qualcosa. Ci sono tantissimi universitari che la mattina vanno a lezione o studiano e lavoratori e lavoratrici di tutte le età che chiaramente non hanno 80 anni e alla sera dopo una giornata di lavoro magari hanno voglia di farsi una serata fuori in compagnia. Il Borgo San Rocco è uno dei quartieri più animati della città da un punto di vista dei locali... Chiudiamo tutti i locali nel Borgo San Rocco anche il Cervo e i Mulner che esistono dalla metà del 1800....e che il comune si faccia carico di spostare tutti i locali a spese proprie nella pialassa piomboni...
13/12/2018 - Lu
Guarda uno di forza Italia per fare vedere che esiste cosa è costretto ad inventarsi
13/12/2018 - Alessandro
propongo il coprifuoco alle 21
13/12/2018 - batti
Per queste cose esiste l’Arpa, se i rumori sono sopra i limiti di legge il locale deve provvedere, stop. A chi dice che la gente si lamenta troppo: forse se aprissero un locale sotto casa vostra cambiereste idea.
13/12/2018 - Filo
Hanno ragione!!!!! Non si può più andare avanti così. Basta Bastione. Ho comprato un nuovo rosario, le pantofole ce le ho e con la borsa d'acqua calda sulle ginocchia finalmente potrò sfrenarmi bene come piace a me...
13/12/2018 - michele
Come volevasi dimostrare.
13/12/2018 - Lucio
Vivo sopra al locale, 4 metri in linea d'aria. La mia cucina è sul bar e la camera è sulla saletta interna. La finestra della cucina dà proprio sulla piazzetta, sulla porta d'ingresso del locale. Io, non sento niente, quasi mai. Sì, a volte c'è un po' di confusione, specialmente nel w,e… ma se si chiudono le finestre non si sente nulla. D'accordo tutti hanno bisogno di tranquillità e il diritto a non essere infastiditi. Giusto e d'accordo. Ma davvero vogliamo una città spenta, addormentata e quasi malata? Perché se limitiamo o chiudiamo i locali, questa è la conseguenza: la fine.
13/12/2018 - MicheOsca
Un locale che è lì da 50 anni, che da sempre è rimasto aperto fino a tarda notte ci si accorge solo ora che da fastidio? Che cos'è questa caccia alle streghe delle ultime settimane?
13/12/2018 - Davide
Come frequentatore abituale ed ex-dipendente non ho sentito spesso musica ad alto volume, che urtasse il riposo dei vicini, anche perché il proprietario è umano anche lui, e capisce che magari ce gente che sta cercando di dormire di sopra e tiene la musica bassa; e anche per quanto riguarda gli schiamazzi, molte volte è lo stesso proprietario a riprendere i ragazzi e a placare i toni di voce. Non vedo la necessità di mettere in cattiva luce il locale con ste cavolate, anche perché è pieno di persone che direbbero il contrario.
13/12/2018 - Ruslan
Cara Benedetta non e' il caso vista l'aria che tira limitarsi a difendere unicamente i locali che frequenti e attaccare quelli che disprezzi...credo sia piuttosto sia meglio difendere il duro lavoro di chi fino a tarda notte cerca di offrire un po' di svago per chi esce di casa...credimi che spesso la maleducazione di pochi compromette la gestione di attivita' come queste. Essendo un frequentatore del locale da te criticato ti informo che al Mac Gowan non si vende una sola bottiglia di birra ne altre di alcun genere...ma dal momento che si deve da solamente tredici anni fumare fuori dai locali e' inevitabile che di conseguenza questo tipo di clienti esca...Domani chi fara' notizia ??? Il Fargo il Moog il Fresco ???...dal momento che ci sono cosi poche attivita' in citta' penso che in una settimana ci liberiamo...
13/12/2018 - crostaceo rosso
In una città che vuole fare turismo, sono importanti anche i locali serali, in un periodo dove l' economia dei piccoli imprenditori è instabile e richiede sforzi e sacrifici, non mi sembra corretto mettere i bastoni tra le ruote. D'altronde, a tutti, quando si va in vacanza o no, piace trovare accoglienza nei locali per bere un buon bicchiere di vino e scambiare due chiacchiere.
13/12/2018 - matteo
qualche regola ci vuole ma smettiamola di bloccare ogni attività che piace ai giovani. A Ravenna non è rimasto più nulla a parte il cinema city
13/12/2018 - Andrea
Mi sembra impossibile leggere di continui schiamazzi notturni e di musica che turba la quiete del borgo proprio per un locale come il Bastione
13/12/2018 - Marica
mi pare che il problema non sia l enoteca o i suoi gestori, quanto piuttosto la presenza di parte della clientela poco educata. Basterebbe un po di buon senso.....
13/12/2018 - ANNA M
Ma come ci preoccupiamo di rilanciare una economia che in questo paese o città che sia non riesce a ripartire, poi ci lamentiamo di qualche "schiamazzo" notturno che mi risulta debba essere appurato visto che io sono un frequentatore di quel locale e personalmente non ho mai riscontrato comportamenti maleducati da chi lo frequenta, aggiungo che oltre all'impegno di qualsiasi gestore atto a sostenere un attività c'è anche l'impegno culturale che promuove quel locale per far suonare giovani band emergenti il tutto ovviamente monitorato da regolamenti ben precisi. Cosa puo fare un gestore piu di cosi !!! Io abito in aperta campagna e nonostante questo non vivo certo nell'assoluto silenzio. Auguri Giuseppe e tieni duro. Giorgio Leandri
13/12/2018 - Giorgio Leandri
Mi stupisco nel leggere di continui schiamazzi e fastidiosa musica che turberberebbe la quiete del Borgo, proprio perché l'enoteca Bastione è uno dei locali più tranquilli che io conosca, perlopiù frequentato da gente abitudinaria solita a riunirsi per 4 chiacchiere in compagnia e una bevuta. Tra l'altro musica non ne viene trasmessa se non raramente per qualche festa particolare a cui partecipano tutte le attività nel Borgo e comunque Beppe, il proprietario, è sempre attento a ricordare a noi clienti (qualora ritenesse che alziamo leggermente i toni della voce), di fare piano proprio perché ci tiene a non disturbare il vicinato, forse un po' troppo sensibile....Io personalmente vado in questo locale proprio perché sembra un po' di stare in famiglia, senza rumore e in tranquillità.
13/12/2018 - Marica
Grande Tritto... trasformiamo definitivamente Ravenna in una casa di riposo per anziani!
13/12/2018 - Pando
Il bier haus il ben votato matteucci lo ha chiuso per 9 mesi etc etc, casinò chiacchiericci musica alta ok vero, ma chiudere un locale per 9 mesi, ma io ho il dono della compassione e li perdono
13/12/2018 - Luigi
roba da pazzi.di questo passo la città implode.gia ravenna di per se non gode di grande vitalità se poi cominciamo a mettere i bastoni tra le ruote a quei pochi locali nei quali fare aggregazione cosa pensiamo di ottenere?i giovani poi dove si incontrano cosa fanno la sera?devono per forza uscire dal centro dovendo quindi prendere la macchina consumando ,inquinando, spendendo e rischiando di piu?meditate di piu e polemizzate meno.
14/12/2018 - Simone
Ma solo io mi sento molto piu` sicura a camminare da sola la sera di fianco ai pub pieni di gente e di illuminazioni piuttosto che a pubblici esercizi chiusi e tetri? Se parliamo di sicurezza per favore diciamo le cose come stanno..I luoghi dii aggregazione sono l abc per le citta` sicure. Chiaro che piu sicuro è il focolare domestico. Ma se parliam di sicurezza al 100% cosa lo è davvero lo sappiamo tutti..
14/12/2018 - ani
Ravennati brontoloni e chiusi cosi foa li Racconta e cosi scrivono per lamentarsi di chi si diverte. se c'e rumore e disturba la procedura e' quella di chiamare i vicili quando c'e lo schiamazzo. tutto il resto e' chiacchericcio.
14/12/2018 - Angelo
Se chi si lamenta (a torto o a ragione) dei rumori frequentasse un pò l'enoteca, magari cambirebbe opinione
14/12/2018 - AGO
Ma si! facciamo chiudere anche il Bastione! per chiacchierare tutti al cinema city!
14/12/2018 - Babbeo
In questo locale ci sono stata diverse volte e in diversi periodi dell anno. Che dire? Accoglienza familiare. Cibo buonissimo. Pulizia eccellente. Un ambiente dove si può trascorrere del tempo in compagnia. Per la pedana sono stati autorizzati. Chi gestisce questo locale ha migliorato senza dubbio quello che esisteva da diversi anni. Per il rumore sono sicura che non vanno oltre il concesso per legge. Il proprietario ci tiene a rispettare le esigenze dei cittadini.
14/12/2018 - Nina
Quelle case non sono male, vendetele a un buon prezzo, alzate il culo e andate a vivere in una cella dell'Eremo di Gamogna.
14/12/2018 - Gianni Alemanno
Ma dopo una certa età non dovrebbero diventare tutti un po' più sordi? Consiglio allo scrittore di puntare su altro perché quelli per cui parteggia adesso tra qualche anno non voteranno più
14/12/2018 - Daddo
Conosco bene il locale, ci sono stata diverse volte e non mi sembra proprio che la musica era ad alto volume. Se ci sono degli schiamazzi è perché la gente è al di fuori del locale non è mica colpa del proprietario. Ci vuole un può di buon senso da parte dai giovani!! Non credo che una pedana dia così fastidio a coloro che vivono li vicino, mi sembra più un pretesto. Poi perché non dovrebbero esserci dei locali nei centri storici come L'enoteca? Anzi sono grazie a questi posti che magari attirano i turisti, giovani a fare attenzione alla bellezza di certi borghi di Ravenna.
14/12/2018 - Angela
L'articolo è palesemente schierato da una parte e contro l'altra. Addirittura "inopportuna novità" una pedana che a quanto pare in un futuro incerto "aumenterà il disagio e il conseguente inquinamento acustico".
14/12/2018 - Irene
Bisogna guardare anche i lati positivi , in tanto questi locali mettono allegria , fanno girare l'economia ma sopratutto i vostri figli non si fanno i km per una birretta. Insomma non si posso chiudere tutti i locali per un po di rumore e dove le persone si svagano.
14/12/2018 - Salvatore
Secondo qualcuno quindi il lavoro diurno ha maggiore dignità del lavoro notturno. Al di là dei posti di lavoro nei locali stessi (certo i figli della borghesia ravennate non vanno a fare i baristi o i camerieri) ci sono anche i lavoratori di alcune fabbriche e del porto che spesso, come me, sono turnisti. Quindi quando smonto dal lavoro alle 6,00 e prendo sonno alle 7,00 se qualcuno fa rumore e non mi consente di dormire ho il diritto di chiamare i vigili? Ma i bar diurni allora non dovrebbero essere anch'essi insonorizzati? E l'appartamento del mio vicino di sotto il cui cane abbaia di mattina mentre io dormo? Leggo ragionamenti aberranti che denotano solo egoismo e chiusura mentale...questa città vedrà in tempi brevi una notevole diminuzione di popolazione, la si smetta di costruire qualunque cosa perché sarà tutto inutile consumo di suolo.
14/12/2018 - aureliano71
È vergognoso che un personaggio pubblico usi il suo ruolo per questioni personali. Si dovrebbe dimettere subito. Ma poi è anche poco furbo, falla fare a un collega o alleato sta battaglia che sarebbe più credibile.
14/12/2018 - Cristian
Io ci lavoro al Bastione e tutto ciò che c'è scritto in questo articolo non solo non è vero ma è anche diffamatorio. Non c'è mai stato nessun esposto da parte del vicinato anzi, c'è un ottimo rapporto con tutti. La pedana che adesso si sta costruendo è perfettamente in regola come qualsiasi cosa che fino ad oggi si è fatta al bastione. La saletta esterna aperta d'estate viene chiusa a mezzanotte proprio per rispetto nei confronti del vicinato e io penso che nel momento in cui si avanzino tali critiche vadano anche esposte le prove che in questo caso sono inesistenti. Inoltre non vedo perché ostentare il partito politico per gonfiare il proprio nome, forse si farebbe meglio ad impiegare il proprio tempo a favore della comunità anziché scrivere articoli di questo genere. Uno dei pochi locali a Ravenna che merita per onestà e qualità, se dovesse chiudere il bastione dopo 50 anni allora vorrebbe dire davvero che questa città sta raggiungendo livelli davvero bassi ed è un peccato.
14/12/2018 - Ilaria
Alla fine il problema non e´il locale ma la maleducazione degli avventori quando sono fuori dal locale stesso e non me ne meraviglio dal tono arrogante di alcuni commenti
14/12/2018 - artemio
Chiudiamo anche il bastione! Alle 19:30 tutti a nanna, coprifuoco...! Io sono una cliente fissa del Bastione e vi garantisco che il proprietario tiene la musica a volume basso...! Che fine faremo! ????
14/12/2018 - Lidia
Egregio sig. Tritto, ho letto con molta tristezza il suo articolo all'Enoteca. Pietoso. Se non erro lei o i suoi parenti abitano proprio li. Dove forse da giovane passava qualche serata spensieratamente. Parlo di 30 anni fa. Quando per chi veniva in questa città e in questo Borgo bisognava essere accettati. Uno dei pochi luoghi che erano free recise era l'Enoteca Bastione. I tempi sono cambiati e le persone si evolvono e certamente pretendono. Oggi ritengo giusto lasciar lavorare questo gestore e l'installazione di una pedana in un vicolo che gentaglia usava come probatorio e defecatorio dove i cani defecavano e la gente aveva paura passarci, ora cè ordine e pulizia. Saltuariamente la frequento e il gestore non transit e con nessuno sia per gli schiamazzi che per gli orari della musica. Certamente il 90% dell'educazione dipende dagli avventori. Quindi bisogna iniziare a educare alla convivenza in centro. Altrimenti non ci lamentiamo se abbiamo i ladri in casa e noi siamo all'ESP. A.P.
15/12/2018 - Angelo
Io sono disturbato dal suono delle sirene di notte per cui chiedo di vietare gli incidenti, gli incendi e le emergenze sanitarie in orari notturni. Prego provvedere grazie.
15/12/2018 - Sylar Surfer
Pienamente d'accordo con il commento di aureliano71 riguardo gli orari del lavoro, come se esso si svolgesse unicamente dal lunedì al venerdì e dalle 8 alle 17 mentre tutti gli altri son mestieri di serie b. Ad ogni modo, spero che gli insofferenti del rumore abbiano almeno la coerenza di andare a letto alle 23, il 31 dicembre prossimo venturo, perché non vorrei esser disturbato dai festeggiamenti di raiuno a notte fonda. Grazie in anticipo e tante buone cose a tutti. ;-)
15/12/2018 - Lucio
"Tritto Nicola Forza Italia" si è ora digievoluto in "Nicola Tritto Coord. Comunale Forza Italia". La firma si è ingentilita (il nome ora correttamente precede il cognome) e fregiata di un titolo (Coord. Comunale) ma i continui litigi dello stesso con la sintassi italiana restano irrisolti e, soprattutto, la frenesia di esposizione mediatica spinge il Nostro a scrivere confuse e rancorose concioni su argomenti disparati, così, tanto per sparare nel mucchio. BASTEREBBE IGNORARLO DEFINITIVAMENTE....Anzi, mi chiedo perché la Redazione, che vedo così solerte nell'uso della censura preventiva, non richieda perlomeno una più stretta aderenza ai dettami della Lingua Italiana agli articolisti, quantomeno quando questi ostentano di parlare in nome e per conto di qualche ente, organizzazione, entità...e non di se stessi solamente
15/12/2018 - Maurizio Ricci
Ci sono spesso di notte tanti giovani davanti alla Enoteca, occupano quasi tutta la sede stradale e quando si transita in auto si cerca di prestare molta attenzione. Mi chiedo: se passa qualcuno che guida in stato di ebrezza od altro cosa potrebbe succedere ?
16/12/2018 - Bici
Per me chi scrive è in mala fede; conosco l'enoteca Bastione e il suo gestore: parliamo di una istituzione di Ravenna, ben frequentato e che regala un po' di vita al centro storico. Avercene altri locali così, ottima cucina e ambiente carino a prezzi giusti. La pedana in legno che stanno costruendo, se ben realizzata, non potrà far altro che abbellire ed illuminare ulteriormente quella parte di piazza. Le volte che ci sono stato la musica era sempre ad un volume più che accettabile, ed il gestore è sempre molto attento a chi frequenta il suo locale, soprattutto verso fine serata. Non mi spiego un articolo così superficiale e pieno di inesattezze.
16/12/2018 - Giuseppe
Schiamazzi notturni, musica ad un volume inaccettabile? Io non credo propio, vado spesso all"enoteca ed il propietario e molto attento a non causare problemi di questo genere. E un enoteca la gente va a bere, mangiare, divertirsi e stare in compagnia è normale che qualche volta ci sia un po di confusione . Ravenna e gia una citta morta....almeno lui porta un po di allegria in questo posto dove le restizioni stanno diventando insostenibili. Forza Enoteca Bastione tutti ti supportano!
16/12/2018 - Ivan
È un peccato che questa città non guardi al futuro con ottimismo e voglia di vivere. Gli stessi che si lamentano che a Ravenna non c'è nulla poi tentano, e spesso ci riescono, di spezzare le ali a chi ha voglia di creare comunità. Perché l'Enoteca Bastione è un posto dove non solo mangi bene e degusto birre e vini di qualità ma è la giusta dimensione che permette di vedersi con gli amici, di chiacchierare e conoscere persone nuove. Ho fatto molte amicizie in questo posto e sono sempre stata accolta con entusiasmo. È veramente un peccato che proprio chi ci vive vicino non si sia accorto del potenziale e che soprattutto, forse, non ci abbia mai messo piedi. Potrebbe ricredersi. Giuseppe e Maria sono due persone eccezionali a cui va tutto il mio appoggio, e non sono sola. Andate a bere un bicchiere di vino e vi passa tutto questo astio.
16/12/2018 - EMILIA IACCARINO
Ravenna deve fare squadra per uscire da questo stato di cose. Ravenna vive di troppa individualita'... Troppa indifferenza... Non si può ignorare che locali storici come la STROCCHI, L'AURORA IL BASTIONE e tanti altri locali che sono patrimonio di Ravenna debbano chiudere i battenti.... Mi auguro che il SINDACO che è persona sensibile ed intelligente sappia dare risposte alle diverse esigenze di questa città... Che non deve tornare indietro ma guardare al futuro con più fiducia e concertazione fra le diverse anime della nostra meravigliosa città Le divisioni non portano da nessuna parte...
17/12/2018 - Colombo
@ Colombo, se Ravenna deve guardare al futuro rivolgendoci agli "struscia notte" che sono davanti alla Enoteca Bastione, secondo me va poco in là.
19/12/2018 - bici
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.