LA POSTA DEI LETTORI / Via Carraie: auto parcheggiate in divieto 0-24. E pedoni a rischio

LA POSTA DEI LETTORI / Via Carraie: auto parcheggiate in divieto 0-24. E pedoni a rischio
Immagine fornita dal lettore

La situazione in Via Carraie è quasi quotidianamente la seguente: divieto di sosta 0-24: tre, quattro, cinque auto parcheggiate (e a volte anche camion!). A parte la palese infrazione del codice della strada, questi parcheggi selvaggi comportano tutta una serie di problematiche, la più importante sicuramente per i pedoni che vengono sfiorati dalle auto in transito che gioco forza si devono accostare verso i bordi della strada a causa della auto parcheggiate.

La Polizia Stradale è passata un paio di volte, ma la situazione non sembra cambiare. Ahimè, le regole passano in secondo piano rispetto a un comodo parcheggio.
Grazie.

Luca T.

13/12/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
un consiglio Luca, subissa di chiamate la PM, è un tuo diritto pretendere il rispetto delle regole e della sicurezza ed è un loro dovere intervenire. Nella realtà interverranno 1 volta su 10 ma purtroppo è l'unica "arma" dei cittadini civili
13/12/2018 - enki
in effetti l'unica soluzione è chiamare la PM pretendendo che si intervenga, i cittadini hanno il dovere di segnalare l'infrazione soprattutto quando mette in pericolo le persone, e il diritto che la segnalazione venga accolta, la PM d'altro canto ha il dovere di intervenire, in fondo non hanno appena assunto del personale?
13/12/2018 - Hypersthene
@enki E' inutile chiamare i vigili, l'ultima volta mi hanno persino risposto: "ma lei ha la libidine della multa?".
13/12/2018 - Luca T.
Beh, via Vallona è nelle stesse condizioni... Ma se a Ravenna si "piega" diffusamente la segnaletica stradale alle proprie esigenze non sarà mica colpa dei vigili... Poi, che più presenza sul territorio serva mi sembra evidente. Ma è sempre vero che una città è sporca solo se i suoi cittadini la sporcano.
13/12/2018 - alberto
Sig. Luca, scarichi l'app Rilfedeur ed inserisca la segnalazione. Quando l'ho fatto, qualche ora dopo i parabrezza delle auto in divieto di sosta erano corredati di verbale!
13/12/2018 - Ravennate24ore
Voglio dire al signor Luca forza e coraggio anche noi in via Venezia abbiamo il problema della gente che parcheggia negli stalli dei residenti, e si e no ti rispondo che non hanno personale a disposizione.
13/12/2018 - Pietro
rispondigli che non sono assunti per fare battutine fuori luogo ma per tutelare il cittadino e la loro sicurezza, bisogna mettreli davanti alle loro responsabilità altrimenti ci ritroveremo nella giungla dove vige la legge del più forte, arrogante e menefreghista. Alziamo la testa!
13/12/2018 - enki
È nulla in confronto a quello che accade in via Stromboli....passando di lì la sera c'è da girare un film...È pensare che vigili, carabinieri e polizia passano ogni 2 ore
13/12/2018 - 10centesimi
Che tempi! A cosa servono le regole? I casi sono due, o si toglie il cartello di divieto di sosta o si tolgono le auto in sosta. Quel che è certo e che va tolto (licenziato) quel vigile che con la sua risposta ha dimostrato di non meritare il posto che occupa; i vigili sono stai assunti per fare rispettare le regole e non per scaldare le sedie o fare ironia.
13/12/2018 - Maria
Passo spesso per quella stradina e tutto questo pericolo non lo vedo proprio. Non è che voglio assolvere chi parcheggia in divieto, ma mi dite dove devono parcheggiare quelli che abitano in quella strada ? Le auto saranno in divieto di sosta ma non danno fastidio a nessuno . Il vero pericolo è quando si entra in via Cesarea e ti trovi uno che sfreccia in bicicletta sul marciapiede e tu lo puoi vedere a volte solo dopo che ti ha urtato il parafango dell'auto. E che gli vada buona. Certi ciclisti se la vanno proprio a cercare...
17/12/2018 - bici
Nooo i vigili urbani sono sempre solerti: infatti in DUE sono venuti a farmi la multa perché ho parcheggiato temporaneamente la mia auto davanti al mio garage per cui pago il passo carraio . Sono stati chiamati dal mio simpatico vicino per dispetto perché di solito quello spazio gli serve per far parcheggiare amici e parenti...
19/12/2018 - Ilaria
Da quanto scritto da Ilaria si capisce che la mia ipotesi che in questa situazione non ci fosse pericolosità è giusta. Ritengo che siamo in presenza di banali dispettucci tra vicini. Che pena....
19/12/2018 - bici
Convengo con "bici" qui sopra; ho notato un costante aumento della libera interpretazione dei segnali stradali da parte dei ciclisti: pare che sia diventata la regola il circolare sui marciapiedi e/o, possibilmente, contromano. Via Cesarea è uno degli esempi più eclatanti, ma se ci fate caso, nei numerosi sensi unici della città (per i quali Ravenna è all'avanguardia nel mondo) sono di gran lunga più numerosi i ciclisti contromano che quelli corretti.....Se non è cambiato il codice della strada, io sapevo che erano i pedoni a dover circolare a sinistra per poter vedere eventuali pericoli incombenti, mentre una bicicletta è sempre un veicolo, seppure a trazione animale, per cui dovrebbe rispettare i segnali
22/12/2018 - Maurizio Ricci
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.