LA POSTA DEI LETTORI / Lo stato pietoso della via Trova, tra San Bartolo, Gambellara e Ghibullo

LA POSTA DEI LETTORI / Lo stato pietoso della via Trova, tra San Bartolo, Gambellara e Ghibullo
Una foto del disastroso stato della via Trova

Vorrei far vedere a tutti lo stato in cui verte la via dove abito. Si tratta della via Trova, una strada composta in maggior parte da curve lunga circa 4-5 km tra San Bartolo, Gambellara e Ghibullo. Da quando è chiusa la via Ravegnana il traffico è stato deviato quasi tutto per la via Trova, una delle poche strade che raggiunge Ravenna, oltre a via Budria ed al percorso da Villanova di Ravenna.


Adesso la via Trova è molto trafficata, non solo da macchine, ma anche da camion e trattori di grosse dimensioni che, a volte, si bloccano nelle curve non riuscendo a passare. Io ho 25 anni e da quando sono nata questa strada è sempre stata malridotta. È stata solo parzialmente asfaltata una volta, circa undici anni fa, per i primi e gli ultimi 500 metri, anche questi praticamente distrutti dall’abbondante traffico tuttavia. I 4 chilometri centrali della via Trova sono sempre stati disastrosi, difatti il comitato cittadino di San Bartolo ha fatto varie volte richiesta per asfaltare i rattoppi alle buche che saltano poche ore dopo la “manutenzione”, con la preoccupazione inoltre di forare gli pneumatici della macchina (a me è anche successo…).


La segnaletica orizzontale è praticamente inesistente e con le nebbie stagionali è veramente pericoloso: molte auto sono finite nel fosso a causa della poca visibilità nelle curve. Tutto il ciglio della strada è stato corroso dal passaggio dei veicoli, costretti a scendere dall’asfalto quando s’incrociano, poiché la strada è larga solo 4 metri. Noi tutti residenti chiediamo che venga rifatto tutto l’asfalto della Via Trova, dall'inizio alla fine prima che come in ogni situazione scomoda ci scappi il triste inconveniente. Chiediamo al Comune, o chi di dovere, di prendere in mano questa situazione che ormai è degradante da decenni, e risolverla non solo per dovere ma anche per senso civico.

Debora

22/12/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
D’accordissimo, per esperienza diretta. È un diritto dei residenti e di chi ordinariamente usa questa strada. Ma è anche l’unica soluzione capace di offrire sul versante est un’alternativa al blocco della Ravegnana nei casi di emergenza. Gianfranco Spadoni due giorni fa (http://www.ravennanotizie.it/articoli/2018/12/21/gianfranco-spadoni-lpra-rimediare-con-urgenza-i-collegamenti-drammatici-tra-ravenna-e-forl.html) ha chiesto: “il rafforzamento, direi immediato, dei quattro impossibili chilometri, tortuosi e scassati, della via Trova tra Gambellara e la provinciale Cella, in località San Bartolo...Poterli percorrere nei due sensi senza rischio intrinseco di collisione o di sbandamento nei fossati pone come obiettivo perseguibile che il Comune di Ravenna ne faccia oggetto di un progetto preliminare, così da iscriverne la realizzazione nei propri piani triennali d’investimento”. Cominciamo da ciò che si deve e si può fare in casa nostra. Poi chiediamo nuove strade al mondo intero.
23/12/2018 - Alvaro Ancisi
In cinquant'anni non sono nemmeno stati capaci di fare delle strade decenti.
23/12/2018 - Giovanni lo scettico
La strada è da sempre abbandonata a sé stessa e la sua pericolosità, data dal continuo susseguirsi di curve, aumenta per la mancanza di manutenzione. Percorrendola ogni estate in bicicletta, facendo lo slalom fra le buche, chiesi un giorno ad un abitante perché non pagassero le tasse, visto che era l'unico motivo per essere puniti con tanto abbandono.
23/12/2018 - Mario
eppure le tv di stato, nei loro tg, non ne parlano, fossi in voi mi offenderei!:-)))..fanno figli e figliastri:-)))
23/12/2018 - italo
Confermo quanto detto da Debora, purtroppo devo percorrere anche io la Via Trova tutti i giorni e il traffico è diventato insostenibile considerata la strettezza e condizione indecente del manto. Ma la cosa più pericolosa è che viene percorsa, secondo me, da gente che o non l'ha mai fatta e non sa come affrontarla o da completi incapaci a guidare, gente che va a velocità assurda e sta completamente in mezzo alla strada costringendo chi li incontra a frenare e scansarli, col rischio se va bene di rimetterci lo specchietto e se va male di finire nei campi. URGE UNA SOLUZIONE!
26/12/2018 - L
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.