Politica. Proposta "salva edicole" da parte di Tardi (CambieRà) e Manzoli (RavennainComune)

Politica. Proposta "salva edicole" da parte di Tardi (CambieRà) e Manzoli (RavennainComune)
Massimo Manzoli e Samantha Tardi durante la conferenza stampa

Si è svolta questa mattina presso la Residenza Municipale una conferenza stampa indetta dai consiglieri comunali Samantha Tardi, capogruppo CambieRà, e Massimo Manzoli, capogruppo Ravenna in Comune. I due consiglieri hanno presentato quattro mozioni per una proposta "salva edicole" .

"Sono ormai 10 anni che il settore delle edicole sta vivendo un declino importante - spiegano i due consiglieri in un comunicato stampa - , in quanto si è passati da 5,5 milioni di copie di quotidiani al giorno vendute, a circa 2,5 milioni, ovvero meno della metà. Inoltre dal 2001 al 2016, i punti vendita di distribuzione quotidiani ed illustrati si sono dimezzati, in quanto ben 13 mila han chiuso i battenti, di cui circa la metà solo negli ultimi 2 anni. 
Anche a Ravenna si è riscontrata una numerosa cessazione di attività di edicola con la conseguente perdita di posti di lavoro e un lascito di manufatti chiusi, in zone strategiche della città, del centro storico e dei foresi, lasciati all'abbandono, al degrado ed utilizzati spesso e volentieri come toilette a cielo aperto sia da animali che da umani".

Tardi e Manzoli passano poi ad illustrare il contenuto del Protocollo d'intesa siglato tra Anci e Fieg (Federazione Italiana Ediori Giornali) lo scorso 2 ottobre, nel quale si accorda, tra le altre cose, sulla sensibilizzazione di tutte le amministrazioni comunali, affinchè riducano considerevolmente i canoni delle edicole e affinchè promuovano sul loro territorio iniziative che ripensino la funzione delle edicole rendendole un “centro servizi al cittadino”, consentendone la funzione di servizi anagrafici decentrati per il rilascio di certificati comunali, e diano agli edicolanti la possibilità di ampliare le categorie di beni e servizi offerti ai cittadini e turisti (…) garantendo che la parte maggioritaria degli spazi del punto vendita sia comunque destinato all'esposizione ed alla vendita della stampa.

Un altro dei punti dell'accordo riguarda una migliore distribuzione in termini di equilibrio tra centro e periferie, nonché istituzione di incentivi per le ristrutturazioni o le sostituzioni dei locali/manufatti di vendita.

I due consiglieri hanno depositato 4 mozioni per dare risposta ai problemi che oggi affliggono il settore: "Abbiamo ragionato sulla possibilità di attivare servizi differenziati ed aggiuntivi all'interno delle edicole con lo scopo di aumentare il flusso di potenziale clientela sia cittadina che turistica, tra questi: costituzione di una rete di IAT diffusi; istituzione di una rete di vendita e prevendita biglietti per manifestazioni sportive, culturali, teatrali, performative evitando il rilascio di esclusive ai grandi distributori; istituzione di una rete di servizi quali rilascio certificati, servizio anagrafe e/o postali".

"Per consentire un riuso ed una riattivazione dei chioschi chiusi - continuano -, abbiamo altresì avanzato proposte, quali la possibilità di cambio destinazione d'uso, mantenendo il divieto di somministrazione cibo e bevande, offrendo, con ciò, la possibilità di aumentare le probabilità di vendita del manufatto stesso affinché siano avviabili attività commerciali alternative a quella di rivendita giornali, come, ad esempio, punti di consegna/ritiro per corrieri e-commerce, temporary shop a rotazione e su pagamento di un noleggio, spazi di promozione per associazioni, isole solari e/o punti di ricarica per dispositivi, biciclette, auto, wifi, in abbonamento, vendita classica di merce non deperibile".

"Per quanto riguarda gli organi a noi sovraordinati - proseguono Tardi e Manzoli - abbiamo proposto l'avviamento di tavoli in cui siano presenti tutte le forze coinvolte, quali Associazioni di Categoria, Sindacati di settore (ad esempio SNAG e FIEG), rappresentanti sindacali tra gli edicolanti stessi, affinchè si chieda con forza a Governo ed Editori un aumento della percentuale di sconto applicata sui prezzi di copertina (fermo da decenni alla media del 19% lordo); un progetto che preveda la spedizione degli abbonamenti in edicola, permettendo quindi al punto vendita di avere più giro di clientela e un minimo guadagno; proporre il divieto di inserimento negli illustrati e/o collezionabili in diffusione nelle edicole delle cartoline abbonamento; avviare qualunque iniziativa politica mirata ad aumentare il guadagno delle rivendite".

In merito al tema della biglietteria Start Romagna, i due consiglieri propongono un'aumento dell'aggio dedicato ai rivenditori, oggi fermo al 5% lordo, senza influire sul costo del biglietto per l'utente finale. "Poichè ci troviamo nell'epoca digitale, dove l'elettronico sta avanzando inesorabilmente, permettendo quindi fortissime riduzioni di consumo di carta, inchiostri, tempo e, soprattutto, denaro chiediamo a Start Romagna l'avvio di una trasformazione della biglietteria da una mera distribuzione dei titoli cartacei ad una biglietteria elettronica che consenta, tramite strumenti idonei, quali pos o pc, di poter rivendere i titoli di viaggio senza un pre-acquisto, bensì tramite una scelta digitale".

"I vantaggi - secondo i consiglieri - sarebbero il risparmio del costo dell'operatore e della relativa auto aziendale che gira per le consegne, la riduzione del rischio smarrimento denaro incassato, poiché col sistema elettronico il pagamento avverrebbe tramite addebiti automatici in conto corrente o tramite carte di credito;, la scelta completa a disposizione del commerciante per la vendita del prodotto più consono alle esigenze del cliente e il pagamento postumo, magari settimanale, e solo sul venduto effettivo, con addebiti automatici; abbattimento del rischio di invenduto; controllo effettivo dei titoli venduti da parte di Start Romagna, siccome ora molti dei “venduti” sono semplicemente fermi nel cassetto di un rivenditore".

27/12/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Mi sento stupido, cos'è "una rete di IAT diffusi"? Non saranno pericolosi, infetti, maleodoranti?
27/12/2018 - Nemo
no, mio egregio (capitano) Nemo. Intendono 'uffici informazioni' sulla falsa riga di altre città anche limitrofe. Es. diversi locali in piazza a Cesena sono rete di 'info' diffuse fuori orario dell'ufficio in piazza sotto i portici. Es. arrivo di sera e ho bisogno di una indicazione o una precisazione? Et voilà, poi magari se consumo / compro nel locale tanto meglio [alla fine è anche pubblicità indiretta per attirar potenziali clienti]
27/12/2018 - D.M.
Informazione Accoglienza Turistica di fatto il problema è il calo delle vendite dei giornali ...
27/12/2018 - eddaie
proposta veramente interessante, speriamo abbia seguito.
28/12/2018 - jack
poi però tra qualche mese bisognerà presentare proposte "salva IAT diffusi" visto che ormai dovunque sei puoi fare tutto e sapere qualsiasi cosa a qualsiasi ora con google, tripadvisor etc etc
28/12/2018 - AGC
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.