LA POSTA DEI LETTORI / L'ultimo abbraccio a Aurelia "Vreglia" Spadoni

LA POSTA DEI LETTORI / L'ultimo abbraccio a Aurelia "Vreglia" Spadoni
Aurelia "Vreglia" Spadoni e i suoi quattro figli

Ha cresciuto sulle sue spalle i figli Claudio, Nevio, Gianfranco e Danilo

Classe 1923, per l’anagrafe Francesca Catani vedova Spadoni, per tutti Aurelia. Ieri, San Pietro in Vincoli, quasi assente Ravenna, ha gremito quasi fosse Natale la Chiesa parrocchiale di San Lorenzo, per l’ultimo abbraccio alla sua Vreglia. Arrivata qui da Civitella di Romagna ch’era bambina, a 13 anni era già in risaia. A vent’anni, è entrata, al braccio di Dante, nel podere a mezzadria della storica famiglia Spadoni, sul fronte sud della cittadina. La famiglia si è via via arricchita di Claudio, Nevio, Gianfranco e Danilo. Ma nel 1966, per un male allora incurabile, Dante se n’è dipartito a 46 anni. 

Claudio si era appena iscritto all’università, gli altri avevano 17, 13 e 10 anni. Vreglia, deciso che avrebbero compiuto gli studi e lasciato dunque il podere, se li è caricati sulle spalle, passando a fare la bidella di scuola a San Pierino e poi a San Pietro in Vincoli. Quando è andata in pensione, tutti i figli, presa ognuno la propria laurea, avevano imboccato la propria strada. E che strada. Non servono presentazioni.

Claudio, indimenticato direttore dell’Accademia di Belle Arti e del Museo d’Arte di Ravenna, nonché stimato docente dell’Università di Bologna, è un critico d’Arte tra i più apprezzati, anche in campo internazionale, curatore di mostre dei massimi livelli. Nevio, svolta la professione di insegnante di filosofia nei licei di Ravenna, è uno dei migliori poeti italiani contemporanei, per qualcuno il maggiore tra i viventi nella “lingua” romagnola, autore di liriche e di testi teatrali raccolti o pubblicati in numerose importanti antologie, premiato in concorsi letterari prestigiosi e con autorevoli riconoscimenti.

Gianfranco, costruita ex novo e via via ingrandita e specializzata la Sanitaria e Ortopedia Ravennate che tutti conoscono col suo nome, insegnante dell’ortopedia stessa, a suo tempo esponente del settore commerciale a livello territoriale e nazionale, nonché amministratore della Camera di commercio locale, è stato eletto ininterrottamente, dal 1988 ad ottobre di quest’anno, consigliere del Comune e/o della Provincia di Ravenna, dedicandosi ora, come vice-presidente, a Lista per Ravenna, di cui è stato uno dei fondatori.

Danilo, professionista sanitario anche lui nel settore dell’ortopedia, ha progettato e realizzato dispositivi tecnici che gli sono valsi riconoscimenti pubblici. Vreglia ha il grande merito di avere tenuto mirabilmente unita la sua famiglia, man mano più grande e affiatata, sempre più amorevole. I quattro figli, i sei nipoti, i quattro pronipoti (quasi cinque), le nuore, i parenti, ieri erano tutti lì, intorno al suo ultimo letto, nella Fraternità San Lorenzo di San Pietro in Vincoli, dov’era per ultimo tornata, allo stremo delle forze e della vita. L’hanno poi accompagnata, insieme a tutto il paese, alla Chiesa e infine al camposanto.

Nevio, a nome di tutti, l’ha così salutata: “Grazie mamma, Vreglia, come ti hanno sempre chiamata. Lo so che non vuoi tanti fiori e tante cerimonie, ma un ultimo bacio e una preghiera accoglili da chi ti ha voluto bene. Il Signore ti avvolga in quella pace che da un po’ di tempo sospiravi, perdoni quel po’ di polvere che tutti avvolge nel cammino difficile della vita. Eri stanca, dopo una vita di lavoro e di sacrifici enormi. Ormai avevi dato tutto. Un grazie a nome anche dei miei fratelli, nuore, nipoti, pronipoti, di tutti coloro che nella tua lunga vita ti hanno stimato e voluto bene e ai quali hai voluto bene, a quanti sono ora presenti nella nostra chiesa parrocchiale, assieme a don Vittorio, a don Ugo e padre Nardo, concelebranti per l’estremo saluto. Un grazie di cuore a tutto il personale, iniziando dalle suore della Fraternità di S. Lorenzo, che con amorevolezza ti hanno assistito. A Natale compiva gli anni tuo marito Dante. Oggi è la ricorrenza della dipartita di tua madre Caterina, la Rina d’Catani. Che coincidenze. Ora continuerete assieme ad assisterci. Ciao mamma, grazie di tutto”.

La Chiesa si è sciolta in un lungo applauso.

Alvaro Ancisi

30/12/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Da sola ha fatto laureare quattro figli, Complimenti e condoglianze alla famiglia.
30/12/2018 - ALDO
mille parole non basterebbero per esprimermi .commovente l.ultimo abbraccio dei nipoti Gabriele.
30/12/2018 - gabriele
Da quello che leggo, una GRAN DONNA e MAMMA.- sicuramente una grande perdita per i figli e i parenti che gli hanno voluto bene fino alla bella eta' di 95 anni !!!!!!!!!!!!!!!!
30/12/2018 - bilancia
Una grande donna può solo far crescescere grandi figli condoglianze sentitissime!
30/12/2018 - Massimo crivellari
Un abbraccio forte alla famiglia Spadoni.
30/12/2018 - Luca Balducci
Condoglianze Claudio per la perdita della tua mamma. Ciao prof. La terra le sia lieve! ????
31/12/2018 - Maria Luisa Baldini
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.