Politica. Proposta 'salva edicole' di CambierRà e RavennaInComune: Start Romagna fa precisazioni

Start Romagna fa seguito alla Proposta "salva edicole" di CambierRà e Ravenna in Comune dedicata alle edicole e al loro recupero, dove viene svolta, secondo Start Romagna, “una descrizione parziale del sistema di gestione Start dei canali di rivendita autorizzati, accompagnata da valutazioni di inefficienza”, per fornire alcuni elementi di merito sul tema. 

“Posto che la rete di rivenditori autorizzati di biglietti e abbonamenti bus, formata non solo da edicole ma da tabaccherie, bar e altre attività commerciali presenti sul territorio, ha consentito negli anni di assicurare alle aziende di trasporto, anche prima della nascita di Start, quella capillarità indispensabile per raggiungere l’utenza anche nelle località più remote servite dal mezzo pubblico, oggi le caratteristiche dei titoli di viaggio, disponibili in formati diversi dal cartaceo, le nuove tecnologie e l’e-commerce stanno trasformando anche questa realtà consolidata. La rete di rivendite autorizzate nel bacino Start Romagna di Ravenna conta oggi n. 264 esercizi, di cui 58 edicole. Di queste edicole 44 (il 75%) lavorano con dotazione, ricevono cioè da Start una dotazione di base di titoli di viaggio, che viene fornita senza l’esborso di alcun anticipo, ripristinata con reintegri periodici (questi ovviamente a carico del rivenditore) in misura delle vendite effettuate. Solo le restanti 14 edicole (il 25%) non utilizzano la dotazione, avendo comunque la possibilità di acquistare anche piccoli carichi di titoli di viaggio Start per soddisfare le richieste della propria clientela, con un servizio di distribuzione capillare presso il punto vendita a cura di Start che consente al rivenditore di non restare senza titoli di viaggio (fino a qualche anno fa i rivenditori dovevano recarsi personalmente in banca per approvvigionarsi dei titoli di viaggio)".

 

"All’apertura di ogni nuovo punto vendita - prosegue Start Romagna - vengono illustrate le due possibili formule di contratto (con o senza dotazione) e viene lasciata la scelta al rivenditore stesso. Oltre a questo canale tradizionale di vendita e ai Punto Bus Start Romagna, sono stati sviluppati in questi anni canali innovativi di acquisto quali le app (DropTicket e myCicero, attive fin dal 2014, e le recenti Muver e Roger) e le emettitrici automatiche a terra per i biglietti e le ricariche, mentre per gli abbonamenti, da tempo spostati da supporto cartaceo a supporto card con microchip, e pertanto non più nella disponibilità delle rivendite tradizionali, sono disponibili sia il web (sito Start Romagna) che gli sportelli bancomat che le app (myCicero). Per recuperare e valorizzare il rapporto con la rete di vendita tradizionale Start Romagna si appresta a lanciare un nuovo sistema di ricarica (web ticketing), ora in fase di test, che consentirebbe alla rivendita autorizzata di poter rinnovare gli abbonamenti già caricati dagli utenti sulla propria tessera personale Mi Muovo, fermo restando che il titolo di corsa semplice magnetico non scomparirà totalmente e quindi potrà continuare ad essere distribuito e rivenduto. Naturalmente il sistema sarà reso disponibile ad un elenco selezionato di operatori che si doteranno dei sistemi tecnologici necessari e che saranno in grado di assicurare continuità, professionalità, assistenza. Start Romagna si rende fin d’ora disponibile a confrontarsi con gli operatori e le loro associazioni per prefigurare insieme gli sviluppi di questo servizio commerciale innovativo che vada nella direzione auspicata dagli utenti dei servizi di trasporto pubblico locale".

02/01/2019


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.