Congresso Pd. Francesco Boccia a Ravenna: "Mai con chi lascia in mare donne e bambini"

Congresso Pd. Francesco Boccia a Ravenna: "Mai con chi lascia in mare donne e bambini"
Francesco Boccia, candidato alla segreteria del Pd

“Il Pd deve tornare ad essere il partito del popolo, non delle Ztl. Un partito - dice Boccia - di massa, riformista, di sinistra, moderno, a porte aperte, che dia la possibilità a tutti gli elettori andati via a causa dei nostri errori di tornare a casa"

Francesco Boccia, uno dei candidati alla segreteria del Pd, era ieri - lunedì 7 gennaio - a Ravenna per presentare le sue proposte per il rilancio del suo partito in vista del congresso. “Nella nostra mozione #aporteaperte è scritto chiaramente. Non ci siederemo mai al tavolo con la peggiore destra italiana, la Lega di Salvini che lascia in mare per settimane donne e bambini. Vorrei sentirlo dire con la stessa chiarezza anche dagli altri candidati al congresso. Fino ad oggi ho sentito soltanto affannarsi a dire mai alleanze con il M5S" ha dichiarato Boccia.

"A tutti coloro che hanno voluto un sistema elettorale proporzionale, alcuni dei quali oggi anche candidati al congresso, ricordo che finché non si cambia legge elettorale saremo costretti a dialogare con le altre forze politiche. Dire che non ci si allea con nessuno è solo ipocrisia. Oggi alla prova del governo il M5S si sta dimostrando inadeguato, con la piattaforma Rousseau obsoleta e la Casaleggio Associati in evidente conflitto di interessi. Ma, a differenza della Lega di Salvini, il M5S intercetta alcuni bisogni degli italiani, soprattutto sul piano sociale, che il PD non è più stato in grado di intercettare, perché troppo impegnato a parlare con le élite. Con loro abbiamo il dovere di iniziare un confronto sui temi”. Così Francesco Boccia, candidato alla segreteria del Partito Democratico, nel corso di una conferenza stampa alla federazione provinciale PD di Ravenna per presentare la sua mozione congressuale, insieme ad Alessandro Pilotti, coordinatore regionale Emilia Romagna della mozione #aporteaperte.

“Il PD, che deve continuare a chiamarsi Partito Democratico, deve tornare ad essere il partito del popolo, non delle Ztl. Un partito – ha continuato Boccia - di massa, riformista, di sinistra, moderno, a porte aperte, che dia la possibilità a tutti gli elettori che sono andati via a causa dei nostri errori, di poter tornare a casa. Un partito a porte aperte in cui convivono personalità diverse ma che considerano il PD la loro casa naturale. “Il PD che abbiamo in mente deve coniugare diritti e innovazione, perché senza diritti l’innovazione può portarci fuori strada. Un Pd che guarda in faccia il nuovo capitalismo digitale e lo regola, non ne resta ammaliato. Un Pd non fatto di slogan ma un partito di sostanza, merito e radicalità nei principi. Un PD che deve ribaltare lo Stato sociale e per farlo dobbiamo rompere totalmente con il recente passato. Su scuola, lavoro e ambiente serve una rottura netta con le politiche che il Pd ha portato avanti in questi anni: ripartiamo da scuole aperte a tempo pieno da nord a sud, con un conto per la vita di ogni studente fino alla maturità. Sul lavoro dobbiamo cancellare il jobs act e il pessimo decreto Di Maio, investendo su una netta riduzione del costo fiscale del lavoro per avere salari netti più alti e costi per le imprese più bassi. Faremo un manifesto sul lavoro che trasformi la democrazia in rete - prosegue - in una battaglia per i diritti. Diritti e innovazione devono camminare insieme. Parliamo di tutele che in questo momento non solo non arrivano da Lega e M5S ma in alcuni casi sono palesemente negati. Mi riferisco al caporalato digitale che sta diventando un problema, proprio come lo è il caporalato tradizionale nelle campagne. Non è ammissibile negare ai ragazzi contratti di lavoro in cambio del pagamento a giornata. A chi fa trasporto pacchi, a chi scrive un articolo, a chi costruisce mappe, a chi eroga servizi. Tutto sempre più a cottimo. Non è ammissibile e il PD deve diventare il loro partito."

"Sull'ambiente serve un cambio di passo radicale verso una lotta seria al consumo del suolo e politiche pubbliche verso un modello di economia circolare. Il tutto in un contesto europeo che va rafforzato. A differenza dei sovranisti che vogliono amputare l’Europa, io voglio cambiarla dalle fondamenta ma voglio rafforzarla per arrivare ad avere con gli altri Paesi europei lo stesso fisco, lo stesso welfare, la stessa difesa e, un giorno, lo stesso debito” ha concluso Boccia.

08/01/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Io al momento sono fuori di casa, la mia casa politica era il PD, ora signor Boccia, mi sento di merda, ogni giorno mi devo sorbire le cazzate dei vari esponenti di questo governo, le bugie astronomiche...quota 100, una fregatura colossale, reddito di cittadinanza, non voglio neanche parlarne, dico solo che io ho cominciato a lavorare minorenne, i condoni, mi viene da vomitare. Quando tornerò a votare, non sbaglierò più, spero che lo capiscano in tanti, ma ho paura che non sarà così, perchè i porti chiusi a donne e bambini e l'uomo nero, portano più voti, la macelleria sociale in Francia ha portato i gilet gialli a bloccare la nazione intera, (sia chiaro no alla violenza) in Italia al massimo possiamo scendere in piazza perché hanno fermato il campionato, che strano paese siamo diventato. Sono lieto che il PD torni affianco al POPOLO, al momento vedo il nulla assoluto, se abbiamo questo governo per me allucinante e delirante è anche colpa vostra... Saluti e baci.
08/01/2019 - Il passatore
"Mai con chi lascia in mare donne e bambini". Quindi dobbiamo uscire dall'Europa?
08/01/2019 - Andrea
Il Passatore non ha tutti i torti. Mi associo al suo lamento, mi giro a sinistra e trovo smarrimento. Mi pare che, ancora una volta, i nostri "lider" si facciano attirare nel trappolone sicurezza e inevitabilmente passeranno per quelli che difendono i criminali. Passi per il Presidente della Toscana, Orlando e De Magistris che ormai sono cotti. Ma Bonaccini, ti prego, non dare fiato alla Lega che sta salendo a vista d'occhio!
08/01/2019 - sipi
Se volete tornare con il popolo , ridate i soldi agli etruria - coop Argenta e altri fregati da vostri soci ... la boschina e il menestrello continuano a dire cavolate ma non si degnano di ufficializzare le loro colpe e attaccano sempre < l'attacco è la miglior difesa > ; ripensate dal basso --- la base va protetta e non illusa !!! Antonio Zanzi
08/01/2019 - Antonio Zanzi
ok questo è un problema,,MA VOI AVETE PROBLEMI PIU GRAVI,O GLI INSCRITTI CI PENSANO O IL PD SPARISCE,un rimedio è,RITIRATEVI TUTTI
08/01/2019 - batti
Ora siete fuori dal Governo tutti questi buoni propositi perchè non li avete promossi prima
08/01/2019 - Pino
E mai anche con chi in mare li invita ad andare navigando qua e là ai limiti delle acque territoriali
08/01/2019 - PORTER
Se il PD continua imperterrito a ragionare così lui scenderà ancora di elettori e Lega e 5S saliranno. Non hanno ancora capito.
08/01/2019 - Anna Ravenna
Signor passatore, invece per me se abbiamo quest'Italia allucinante e delirante (ma sará molto peggio quella in cui dovranno vivere i nostri figli) non é colpa dell'attuale governo ma di quello che lo ha preceduto. Saluti e baci.
08/01/2019 - Ravèna
il pd senza alcun dubbio e' il partito del popolo..tutti sappiamo quale!!:-))
08/01/2019 - italo
Certo signor Ravèna, ha ragione lei, senza ombra di dubbio. 49 milioni di euro rubati, un ministro degli interni che non molto tempo addietro cantava il seguente motivetto "senti che puzza scappano anche i cani stanno arrivando i napoletani, perchè prima erano i "terroni" l'orrore da combattere, a proposito cosa dice del nuovo "salva carige", ma no, quello è per salvare i risparmiatori, vogliamo parlare delle pensioni toccate, QUELLE DA 1522 EURO, ah! è vero, saranno solo 245 euro all'anno in meno, una sciocchezza per il "vicepremier" Salvini, pochi soldi, non metteremo mai le mani nelle tasche degli italiani, ma quando mai, come diceva il grande Totò, "Ma mi faccia il piacere", dalla padella alla brace, altro che cazzate. La saluto signor Ravèna, questa volta con un abbraccio senza bacio. W l'Italia.
08/01/2019 - Il passatore
Signor Ravèna, dalla padella alla brace, altro che cazzate. Signor Porter, con nessuno, perchè mi fanno incazzare tutti nessuno escluso, io ho avuto la fortuna di crescere in un Italia diversa, un Italia che rimpiango, andavo a prendere il pane per conto dei miei e segnavo il conto che poi passava a pagare mia madre a fine settimana nel negozietto,, se un mio amico rimaneva senza miscela nel motorino, facevamo una colletta per mettergli la miscela è non contava se io ero romagnolo e lui era siciliano, importava che fosse una brava persona e che si dimostrasse amico, una "cattiveria" strisciante che non volevo che i miei figli conoscessero, ma così è, mi sento come un pesce fuori dall'acqua, ma non mollerò mai. Signor Ravèna, signor Porter, signori tutti, un abbraccio.
08/01/2019 - Il passatore
Caro passatore, sono spiacente di comunicarle che: Un governo instaurato con difficoltà grazie alle prodigiose iperbole di una legge elettorale assurda chissà da chi regalata..comunque Lei punta l'indice contro per le azioni e dimentica che: ha il potere d'acquisto dimezzato grazie a Prodi, la pensione forse io sicuramente dimezzata sè ci arrivo grazie ad Amato Dini e Fornero, che la banca d'Italia è stata regalata alle banche e assicurazioni così adesso siamo in balia dello spread.. Salvano i Banchieri ma non i poveri che hanno investito in esse. Il PD ma anche prima la quercia hanno smesso da un pezzo di essere di sx. E si ricordi che i finanziamenti ai partiti sono costati miliardi, che noi cittadini avevamo rifiutato col referendum. Dove li hanno messi.Il PD sè fosse una società sarebbe al fallimento per i conti in rosso..meditate bene chi è meno peggio direi.dimenticavo le altre centinaia di sperperi votati dai vostri goverdi PD o FI che scielga
09/01/2019 - ma va là
Citazione del signor ma va là, "meditate bene chi è meno peggio direi". NON ESISTE UN MENO PEGGIO, SONO TUTTI PEGGIO!!! NON SI SALVA PIÙ NESSUNOOOO!!!!. La saluto caramente, signor ma va là.
09/01/2019 - Il passatore
Il potere d'acquisto dimezzato grazie a Prodi? Ma chi ha detto queste stupidaggini? Se non ci fosse stato l'Euro avremo fatto la fine dell'Argentina. Piuttosto informatevi su chi ha fatto lievitare il debito pubblico italiano: il famoso Presidente del Consiglio pregiudicato morto in latitanza.
09/01/2019 - Giovanni lo scettico
Mi duole sembrare sostenitore del governo precedente,ma dare responsabilità della rovina del paese,mi sembra DELIRANTE,vuol dire non ricordarsi dei socialisti democristiano BERLUSCONI,i FINI..èèèhh beata gioventù che non hanno visto niente,e neanche letto
09/01/2019 - batti
Il potere d'acquisto caro giovanni è stato dimezzato col cambio LIRA/EURO a 1936 e non 1/1 in modo tale anche il debito..Per PD intendo la sx e la loro gran coalition di decine di partiti e partitini e non essendo l'Argentina non ci saremmo proprio arrivati, Evidentemente ha creduto al Prodi pensiero: Lavoreremo un giorno in meno e prenderemo uguale( BALLA GALATTICA) aveva ragione la sg Thatcher: L'euro sarà un danno per i paesi più poveri ....E speriamo che almeno qualche politico si salvi ancora altrimenti siamo nella m......
10/01/2019 - ma va là
Batti, se potessi rivivere nell'Italia di quando c'era Berlusconi farei i salti mortali. Certo che anche lui come tutti ha fatto degli errori ma non avrebbe mai ridotto il mio Paese in questo stato anche perché non glielo avrebbero permesso.
10/01/2019 - Ravèna
non vedo chi non permetteva a berlusconi di di fare quel che ha fatto,visto che ha GOVERNATO ANCHE CON RENZI
10/01/2019 - batti
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.