Decreto Sicurezza. On. Jacopo Morrone (Ln): "Bonaccini fa battaglia ideologica"

Decreto Sicurezza. On. Jacopo Morrone (Ln): "Bonaccini fa battaglia ideologica"
L'On. Jacopo Morrone

“Il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, crede di essere in un supermercato. Non vuole impugnare la legge sicurezza e immigrazione nella sua interezza, ma solo le parti che non gli aggradano ideologicamente. Un Bonaccini, dunque, che mette nel carrello quello che gli fa comodo e lascia negli scaffali il resto". L’On. Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna, boccia senza appello l’atteggiamento assunto da Bonaccini, sulla scia di quanto fatto da altre regioni italiane come Toscana e Umbria ad esempio.

"Un modo davvero bizzarro di applicare una legge dello Stato da parte di un’Istituzione pubblica - prosegue Morrone -, come il presidente dell’Emilia-Romagna afferma di voler fare. E’ infatti paradossale che da un lato Bonaccini riconosca che la legge va applicata, ma che, nel contempo, persegua la strada avventurista dell’incostituzionalità”.

Gli oppositori al nuovo impianto legislativo varato dal governo gialloverde sono, secondo quanto riferito da Jacopo Morrone, "poche decine di primi cittadini del Pd o di area contigua, su circa ottomila sindaci italiani, che, evidentemente, apprezzano le risorse e i nuovi poteri che la legge assegna loro”.

“Se poi le parole hanno un significato, è davvero difficile districarsi nei contorsionismi verbali di Bonaccini - prosegue Morrone -. Egli afferma infatti che la ‘battaglia politica va fatta nelle sedi istituzionali preposte’. Ma quali sarebbero queste sedi? Non ci sembra che la sua personalissima battaglia politica avvenga in un ‘sede preposta’ e ‘appropriata’ e non possiamo dargli torto quando afferma che il suo compito sarebbe quello di governare al meglio l’Emilia-Romagna. Sarebbe, appunto, perché in tema di sicurezza e immigrazione, nell’ambito delle competenze regionali, ha davvero sbagliato tutto".

"L’auspicio - conclude il sottosegretario alla Giustizia - è che Bonaccini si assuma in pieno la responsabilità della sua velleitaria disubbidienza istituzionale nei confronti di una legge avversata solo per motivi pretestuosi e veda bene di rassegnare le dimissioni dalla carica di presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. Ci si aspetta, infatti, che chi ricopre quel ruolo super partes dia garanzie a tutti i componenti di una equilibrata autorevolezza istituzionale. Ci sembra, al contrario, che Bonaccini, in perenne campagna elettorale, stia facendo una battaglia di retroguardia antigovernativa, dove le contrarietà sulla legge sono solo un pretesto”.

08/01/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Ma i 48 milioni di euro che la Lega deve agli italiani non potrebbe restituirli subito invece di pagarli in comode rate decennali ? E chissà se fra 10/20 anni esiste ancora la lega ...
08/01/2019 - Andrea
Ma basta con la solita filastrocca. ..la lega deve...qui si deve cominciare a ringraziare...GRAZIE signor Morrone...
08/01/2019 - Basta
E poi vi domandate perché fuori Italia, sia in Europa che in Africa, ci chiamarci Maccaroni, Mafiosi, Fascisti...etc. Era necessario mettere come un capo della Lega nonché ministro dell'interno, un ex.consegna pizza a domicilio nonché un cameriere al Burghy!! Spara sui poveracci per nascondere i calci al sedere che la Francia e la Gran Bretagna hanno dato all'Italia in libia, rubando il petrolio e sfasciando il paese di cui è diventato un scrolla brodo per ogni tipo di traffico Eh!! E poi per fino i pochi risultati che ci sono relativi alla diminuzione degli arrivi, Che vantate, non avete nemmeno il coraggio di dire che sono stati la Francia e l'EU a chiedere al Niger di imporre al suo parlamento legge che imprigionano che trasporta rifugiati in transito fino alla Libia, cosa per me ingiusta !! Basta piangere , Basta fare i maccaroni ed impegnatevi sul vero problema: i responsabili del disastro in Liba .... un Ex. nostra colonia ! Che maccaroni che siamo ragazzi!!!!
08/01/2019 - roberto b.
Non e’ una filastrocca Basta la lega deve 48 milioni di euro
08/01/2019 - Piero
IO sono PRONTO a ringraziare.ma di che devo ringraziare?????
08/01/2019 - batti
@ andrea...se dovessero restituire tutti soldi rubati dai politicanti....rimarrebbero in pochi a far politica ????????t
08/01/2019 - Tino
Bonaccini intende ricorrere alla Corte Costituzionale su una legge che gli pare abbia tratti incostituzionali; che abbia o meno ragione si vedrà, ma la strada scelta è corretta e perfettamente legittima. Di cosa si preoccupa Morrone?
08/01/2019 - nemo
Io dico che x fortuna che c'è un partito, la LEGA di Salvini che tenta di fare un po' di ordine, ma vogliamo riempire le città di tutti questi stranieri e noi italiani dire accomodatevi va bene aiutare, io sono il primo, ma un numero accettabile, non un' invasione incontrollata da parte del PD precedentemente, creata solo x interessi vari!!!! L' Italia sta diventando il Paese del buonismo di facciata...speriamo che cambi in meglio.
08/01/2019 - Giancarlo
Se il Signor Presidente della Repubblica Italiana , che sprovveduto non e', ha firmato...voglio vedere che bel figurone faranno i paladini della insicurezza quando la Suprema Corte emettera' la sentenza sicuramente di costituzionalita'!!
08/01/2019 - italo
Al nome della democrazia moderna e ai caduti della libertà, spero che tutti questi personaggi e i loro seguaci vengono schedati, per evitare che dopo la fine dell'ennesimo regime non si trasformino in paladini del socialismo, del cattolicesimo e della libertà come nel 46, per poi tornare in veste simili e NOOO!!!
08/01/2019 - lilli
tino,, coloro che tu citi ne facciamo volentieri SENZA
08/01/2019 - batti
schedare? in nome della democrazia moderna?
09/01/2019 - italo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.