Cercò di baciare una studentessa: docente allontanato dalla scuola e indagato per violenza sessuale

Cercò di baciare una studentessa: docente allontanato dalla scuola e indagato per violenza sessuale

Avrebbe baciato sulle labbra, contro la sua volontà, una studentessa. Nei confronti di un docente di una scuola secondaria di secondo grado della provincia di Ravenna, un 50enne ravennate, la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Ravenna. 

In particolare, gli investigatori della Squadra Mobile di viale Berlinguer nell’ambito di intensa e tempestiva attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Ravenna, hanno acquisito nei confronti dell’uomo, docente di un istituto della provincia di Ravenna, elementi di responsabilità in ordine al reato, pluriaggravato, di violenza sessuale commessa ai danni di una sua studentessa. I fatti risalirebbero alla metà di dicembre quando il docente, contro la volontà della ragazza, l’avrebbe appunto baciata sulle labbra.

Con il provvedimento emesso dal G.I.P. del Tribunale ravennate viene vietato all’uomo di avvicinarsi all’abitazione della studentessa nonché all’istituto scolastico frequentato.

09/01/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Politici pluricondannati e pluriindagati siedono in parlamento, e noi diamo misure cautelative per baciotto. Se le sono fatte bene le leggi la politica italiana. Vale la battuta del vecchietto di Amarcord di Fellini....
09/01/2019 - Ezio
Sicuramente la vittima sarà traumatizzata da questo gesto ignobile. Spero che abbia la solidarietà delle Amiche e compagni di classe. Non è facile denunciare perché si ha timore di non essere creduti.
10/01/2019 - Remo
@Ezio pluricondannati e pluriindagati hanno anche il diritto di voto, Quindi La politica Italiana rispecchia il paese.
10/01/2019 - Remo
Certamente noi comuni mortali abbiamo leggi " alquanto strane" da capire..tipo proteggere i disonesti a scapito degli onesti ecc ecc.MA non si può lasciar correre il bacio dato da un insegnante alla propria allieva NON consenziente!Chiunque abbia una figlia non credo lo definirebbe un semplice baciotto. A scuola ci si deve poter andare con tranquillità e gli insegnanti devono far bene il loro lavoro senza molestare nessuno.Si dovrebbe anche poter pubblicare foto e nominativo di tale insegnante..ma la privacy non lo permette!
10/01/2019 - maria teresa
Perfettamente d'accordo con Ezio sulla bruttura tutta italiana delle leggi "ad personam"...detto questo non esiste che un adulto, per giunta un educatore, si lasci andare a gesti simili nei confronti di una sua studentessa...50 anni mi sembrano sinceramente pochi per l'attenuante di un'eventuale demenza senile...
10/01/2019 - Mickyari
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.