Vendeva erbe ed amuleti "magici" per combattere "i mali": erborista di Ravenna condannato per truffa

Vendeva erbe ed amuleti "magici" per combattere "i mali": erborista di Ravenna condannato per truffa
Foto d'archivio

È arrivata ieri pomeriggio, martedì 8 gennaio, la condanna in primo grado a 2 anni e 10 mesi per Beniamino Severi, titolare 57enne di un'erboristeria di Ravenna per il reato di truffa, oltre ad un'ammenda di 1.800 euro. I fatti in particolare risalgono alla fine del 2012 ed ai primi mesi del 2013 quando il 57enne, per "aiutare" due clienti ad affrontare alcuni momenti di difficoltà aveva venduto loro specchi definiti "magici", candele, collane e qualche integratore. La notizia è riportata dal Corriere Romagna, in edicola oggi, mercoledì 9 gennaio.

Per il titolare dell'erboristeria - che sarebbe riuscito a "sfilare" ai due clienti ben 30mila euro - questi prodotti erano perfetti per annientare sentimenti di malessere e di negatività.

Una delle due vittima, una donna titolare di una struttura per anziani fuori città, lo aveva conosciuto per motivi di lavoro, infatti era solita acquistare in negozio prodotti di erboristeria per i pensionati ospiti della casa famiglia. La donna, durante una conversazione avuta con il titolare, aveva confidato alcuni suoi problemi economici e l'erborista aveva attribuito la causa di questa difficoltà ad un'aurea negativa che l'avvolgeva; così le aveva risposto che tutto poteva risolversi con qualche rituale e medicina vegetale, per un conto di ben 22mila euro.

Quando la donna si è accorta di essere vittima di una truffa, grazie alle confidenze fatte ad un frate laico esorcista, è andata subito a denunciare il "santore". Simili negatività il 57enne le aveva associate ad un giovane, che si era rivolto a lui tramite la donna. In questo secondo caso il titolare dell'erboristeria aveva fatto credere al ragazzo che i suoi colleghi di lavoro stessero tramando contro di lui, tanto da portarlo a dimettersi e con candele e prodotti di fitoterapia, a suo dire, curativi, poteva risolvere i suoi problemi. Prodotti che erano costati al giovane ben 10mila euro.

09/01/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Ma come si fa a credere ancora in santoni ed amuleti e pure negli esorcisti??
09/01/2019 - maria teresa
L'erborista sta benissimo in galera, ma i clienti suoi dovrebbero andare in casa protetta. Poi quella del frate laico esorcista è un sogno !!!
09/01/2019 - PORTER
Condannare la condotta criminosa dell'erborista/ciarlatano è doveroso ma è altrettanto doveroso che le vittime si sveglino..nel XXI secolo non si può credere a queste cialtronate..
09/01/2019 - Michela
Certo che bisogna essere dei volponi per credere al malocchio, ai maghi e tutto il resto...
09/01/2019 - Giovanni lo scettico
Leggo con immenso piacere, nome e cognome del "guaritore" !!!! A quando il nome e cognome di tutti quelli che delinquono, riportati sulle pagine qui e di tutti i quotidiani ??? in questo caso la "privacy" va bene , e in altre ?????
09/01/2019 - armando
quello che mi spaventa moltissimo è che c'è in giro gente che crede a queste scemenze ed è disposta a sborsare cifre astronomiche per delle candeline e delle erbette....ma andate all'IKEA con 10€ riempite il baule della macchina di candele e piantine....galera per l'erborista/guaritore, ma TSO immediato per questi mentecatti
09/01/2019 - Hypersthene
il debole,la disperazione i momenti di crisi,quando la vita e difficile,quello che volete,espone chi in difficoltà ad arrendersi al primo farabutto...bisogna sempre schierarsi con chi è in difficolta(buonismo)che non vuol dire essere buoni
09/01/2019 - batti
Appena ho letto L articolo ho capito subito chi era L erborista... ci sono entrata una volta nella sua erboristeria. Una persona veramente terribile e scaltra. Mai più entrata!!!!! Attenti alle truffe!!!
09/01/2019 - Antonella
C'è anche chi crede all'eliminazione della povertà ...
09/01/2019 - Volpe
Considerato che non siamo nel Medio Evo, 1 anno e 2 mesi li darei anche agli stolti creduloni che buttano soldi in queste cavolate
09/01/2019 - Tristano Onofri
Sala cadula magica bula bibbidi bobbidi bù.... Fa la magia tutto quel che vuoi tu!!! Bibbidi bobbidi bù!!!
09/01/2019 - Filo
Figuriamoci! In certi posti che non cito per evitare denunce, danno dell'"oppio dei popoli" a tutto spiano e ora se ne inventano anche di nuove qualità.
09/01/2019 - sipi
@ ebbravo Volpe , al solito qualcuno la butta in politica quando invece si parla di una storia locale di solitudine e truffe. Le deve bruciare davvero tanto che il vendi fuffa toscano sia stato annientato alle ultime elezioni.
09/01/2019 - Anna M
ormai non bisogna credere a niente ed a nessuno..io avevo creduto a quello ed a quella che dicevano di abbandonare…....in caso di sconfitta!!
09/01/2019 - italo
Non dobbiamo meravigliarsi di nulla . Considerate chi ha votato i M5S .
09/01/2019 - Pino
Capisco le persone in difficoltà ma in me ora prevale l'istinto: la risposta di PORTER è top!
10/01/2019 - Emanuele
Qualcuno mi.puo dire in che zona di Ravenna aveva il negozio? X vedere Se è quello che penso io ...
10/01/2019 - OTTAVIA
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.