Camera di Commercio di Ravenna: imprese ancora in calo, soprattutto quelle giovanili

Camera di Commercio di Ravenna: imprese ancora in calo, soprattutto quelle giovanili
Calano le imprese giovanili in provincia di Ravenna

In calo anche le imprese femminili, crescono le imprese condotte da stranieri

La Camera di Commercio di Ravenna diffonde i dati sull'andamento delle imprese del territorio, dati che delineano "la ristrutturazione del mercato" ancora in corso, "crescono solo società di capitali e consorzi. Le cessazioni raggiungono il livello minimo storico, ma lo stesso dicasi per il numero delle iscrizioni: ancora negativo quindi il saldo delle imprese ravennati rispetto al 2017. Positivo il tasso di variazione nazionale." 

L'andamento negli ultimi dodici mesi

Al 30 settembre 2018 le imprese iscritte nel Registro delle Imprese di Ravenna sono risultate 39.226, dunque 282 in meno rispetto alla stessa data dell’anno passato. Negli ultimi 12 mesi (settembre 2017 – settembre 2018) sono state registrate 1.985 nuove iscrizioni a fronte di 2.114 cancellazioni volontarie, a cui si aggiungono 164 cancellazioni d’ufficio, determinando così un saldo negativo di 129 unità. Rispetto al 2017 e agli anni precedenti, nel corso degli ultimi dodici mesi sono ulteriormente diminuite sia le cessazioni che le iscrizioni: le cessazioni raggiungono il livello più basso mai registrato e lo stesso però dicasi per le iscrizioni, che raggiungono il minimo storico. Per questo motivo, nonostante la flessione delle cessazioni, il tasso di variazione rimane negativo, pari al -0,33%.

Anche il tasso di crescita regionale rimane negativo, seppur più contenuto, attestandosi negli ultimi dodici mesi al -0,15%. A livello nazionale trova invece conferma la crescita del numero delle imprese, in atto dal 2013, con un tasso di variazione nell’anno pari al +0,59%.

Forma giuridica. Al 30 settembre 2018, rispetto alla stessa data del 2017, solo le società di capitale ed i consorzi registrano un incremento: di +152 unità (pari al +2,0% in termini relativi) per le prime; i consorzi crescono di 2 unità (+1.9%). In flessione tutte le altre forme societarie: -217 le società di persone (-2,5%), -198 le ditte individuali (-0,9%), -10 unità le cooperative (-1,7%) e -11 le altre forme (-2,8% in termini relativi).

Settori produttivi. Rispetto al 30 settembre 2017, i settori che vedono un incremento delle imprese registrate sono quelli dei servizi, ad esclusione del commercio e del trasporto e magazzinaggio. In particolare crescono di 56 unità le attività dei servizi alla persona (+1,9%), di 42 unità quelle dei servizi all’impresa (+0,8%), di 6 unità i servizi creditizi e assicurativi (+0,8%) e di 2 le imprese turistiche (+0,1%). In flessione tutti gli altri settori. In termini assoluti il settore più sofferente è quello dell’agricoltura che perde 147 imprese (pari al -2%), seguito dal commercio (-113 unità, -1,4% in termini relativi), dalle costruzioni (-82 unità, -1,4%), dall’industria (-42 unità, -1,3%) ed infine dal trasporto e magazzinaggio (-33, -2,4%).

Imprese artigiane. Al 30 settembre 2018 le imprese artigiane registrate sono 10.537 e risultano 76 in meno nel confronto con lo stesso periodo del 2017, che si traduce in una diminuzione dello 0,7% (in termini di variazione percentuale). Negli ultimi 12 mesi crescono i settori dei servizi alla persona di 16 unità (+1,1%), dei servizi all’impresa di 15 (+2,5%) ed il settore turistico, con+5 unità (+0,8%). All’opposto, diminuiscono di 63 unità il settore edile (-1,4%), di 23 il manifatturiero (-1,2%), di 20 quello dei trasporti (-2,3%) e di 2 unità quello del commercio (-0,4%).

Imprese femminili. Al 30 settembre 2018, le imprese femminili della nostra provincia sono risultate 8.110, in diminuzione rispetto alla stessa data dello scorso anno di 57 unità, pari a -0,7%. Negli ultimi dodici mesi il numero di imprese femminili è diminuito di 49 unità nel settore commerciale (-2,3%), di 46 unità nel settore agricolo (-4%), di 10 in quello creditizio e assicurativo (-6,1%), di 8 in quello industriale (-1,5%), di 7 in quello edile (-2,7%) e di 3 in quello dei trasporti. All’opposto è aumentato di 37 unità nel comparto dei servizi alla persona (+2,9%), di 13 imprese nel settore turistico (+1,1%) e di 9 nei servizi all’impresa (+0,8%).

Imprese straniere. Anche in questa fase si conferma il saldo positivo delle imprese con il titolare o con la maggioranza dei soci di nazionalità straniera. Al 30 settembre 2018 sono state registrate 4.519 imprese straniere nel Registro imprese di Ravenna: 100 in più rispetto alla stessa data dello scorso anno (+2,3%). Rispetto al 30 settembre 2017, in crescita tutti i settori, tra cui spiccano +19 imprese straniere dei servizi professionali (9,1%), +16 imprese di servizi alla persona (+9,5%) e +14 imprese edili (+0,8%).

Imprese giovanili. Al 30 settembre 2018, sono 2.607 le imprese giovanili registrate a Ravenna. Negli ultimi 12 mesi il loro numero ha subito una pesante flessione di 96 unità, pari al -3,6%. Ciò si giustifica principalmente con la perdita dei requisiti per la definizione di “giovanile” ovvero il superamento della soglia dei 35 anni da parte di soci e titolari: infatti il saldo tra iscrizioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi è comunque positivo, pari a +275 unità. Al 30 settembre, rispetto all’anno precedente, risultano in crescita solo nel settore agricolo (+8 unità, con +3,8% in termini relativi) ed in quello dei servizi alle imprese (+5 unità, +1,9%). All'opposto, le imprese giovanili sono in flessione in tutti gli altri settori, in particolare in quello delle costruzioni (-59, pari al -11,5%) e del commercio (-32, con un -4,3%).

“I dati sull’andamento delle imprese a Ravenna nel corso del 2018 dimostrano che, nonostante i segnali di ripresa a livello nazionale, la crisi non è ancora superata” evidenzia il Segretario generale dell'ente camerale ravennate Maria Cristina Venturelli, che aggiunge “calano le cessazioni, ma anche coloro che decidono di avviare un nuova attività, in particolare i giovani. Favorire la creazione, l’avvio e lo sviluppo di nuove imprese innovative è una delle priorità della Camera di commercio, per questo anche per il 2019 è confermato l'impegno camerale in tema di creazione d'impresa e di trasformazione digitale”.

Il Report completo con dati ed analisi

11/01/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Ma guarda un po'! Eppure lo stato aiuta le nuove imprese...si! A chiudere!
11/01/2019 - Andrea
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.