Gianni Bessi: Dai Pro Tav ai caschi gialli del settore energetico nazionale, io sto con loro

C’è un sentimento comune che lega la manifestazione pro Tav e la protesta che si sta levando dai lavoratori del settore energia del gas naturale, dai ‘caschi gialli’. È quello dei cittadini che vogliono lo sviluppo del Paese, che non ci stanno a vedere il proprio lavoro messo in pericolo, che credono nelle proprie competenze, nella ricerca scientifica e nella propria passione per quello che fanno. È quello degli italiani che guardano avanti e che sono disposti a impegnarsi perché l’Italia continui a essere un luogo dove si crea lavoro e dal lavoro il benessere per tutti. Io sto con loro, sempre.

L’economia italiana e europea sta dando segnali preoccupanti: molti analisti stanno già pronunciando la parola ‘recessione’. Per contrastare la recessione credo che il metodo più efficace sia creare lavoro, sicurezza e difendere quello che già esiste. Questo chiedono i cittadini e vanno tenuti in considerazione. Mi impegnerò, nel limite dei miei compiti e delle mie possibilità, perché venga ascoltata la voce di chi vuole il benessere dell’Italia.

Gianni Bessi

Consigliere regionale Emilia-Romagna, Gruppo Pd

12/01/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Concordo al 100%! Se c'è qualcuno che vuole farci ritornare nel medioevo, che odia la scienza, il progresso tecnologico, i trasporti puliti (leggesi treno) abbia la coerenza delle sue azioni e vada a vivere da eremita in una grotta in montagna.
12/01/2019 - Paolo
Io proverei a rispondere a queste dichiarazioni. Ho il sospetto che la TAV sia stata concepita in parte per aprire il corridoio europeo dell'alta velocità, in parte per far spendere allo stato un mucchio di miliardi che, dispersi in mille rivoli, andranno a ingrassare i soliti noti. Purtroppo ormai non si può più tornare indietro, i francesi hanno già fatto la loro parte, da noi costerebbe di più sospendere i lavori e rimettere tutto com'era prima piuttosto che completare l'opera; in poche parole abbiamo preso una fregatura e dobbiamo tenercela. Ma se fate caso al traffico di merci vedrete che rispetto agli anni scorsi è diminuito, e con l'attuale recessione diminuirà ancora di più rendendo di fatto la TAV sempre più marginale. Insomma la solita storia all'italiana.
12/01/2019 - Giovanni lo scettico
Il fatto che tanti ladri abbiano mangiato con il solito metodo tutto italiano sulla costruzione della TAV nn significa che questa nn debba essere fatta. Relativamente alle concessioni e simili stanno facendo una battaglia accanto agli ambientalisti.persone senza scrupoli finanziate da nn si sa bene chi e che hanno visioni senza cognizione di causa su tutti i fronti.questi stellatialtro gruppo senza nè arte nè parte, votati dalla grande maggioranza degli italiani e aiutati a salire al governo da un altro partito che a mio avviso ha tradito i propri elettori.stanno mandando tutto in rovina.vogliono fare e affrontare temi per i quali nn hanno competenza.brutto periodo storico per l'Italia.forse il peggiore degli ultimi 70 anni
13/01/2019 - E
credo che l alleanza SI TAV sia l embrione della governans futura,faccio fatica a vedere salvini e renzi insieme,ma la mia età mi suggerisce che la POLTRONA fa miracoli.giovanni lo scettico,scrive verità indiscutibili,anchio sono contrario ma ora che si fa si deve fare cercando di farla non per l obbiettivo che era stata pensata(mangiare e rubare denaro dei cittadini)ma per qualche treno
13/01/2019 - batti
non sono un sostenitore di questo governo,ma dire che è il peggiore dei ultimi 70.diciamo che la corsa è combattuta al millesimo,e hanno ancora dei sorpassi da fare
13/01/2019 - batti
Non si risolve la crisi spendendo soldi pubblici così a caso. Su questo non sono d accordo.La TAV è un opera grandiosa che io però condivido e aggiungo le parole di una canzone Se avessi paura di cambiare sarei rimasto allo stato minerale
14/01/2019 - Ba
Ok all'opera perche' ormai costa piu' fermarla. Ma chi ha governato fino a marzo 2018 dove era ? ? ??
14/01/2019 - alby
erano a pranzo alby,e a attorno alla tavola ci sono stati forzaitalia pd lega,ala ecc.,in tempi diversi tanto il pranzo era ricco
14/01/2019 - batti
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.