Alvaro Ancisi: Dipendenza tossica dal PD della Camera di Commercio ravennate

La notizia che la Regione Emilia-Romagna ha sospeso la fusione tra le Camere di commercio di Ravenna e Ferrara riporta l’attenzione della nostra città sulla triste condizione della nostra Camera di Commercio, evanescente per lo stato confusionale dell’intero sistema camerale nazionale, ma aggravata e avvilita dalla sua dipendenza organica dal sistema politico locale, che significa ancora PD.

Il progetto assurdo di unificare Ravenna con Ferrara si deve esclusivamente alla regia politica di questo partito, capace, anche tramite spartizione di poltrone, di trascinarsi una frazione del comparto associativo imprenditoriale.

È ampiamente documentato come, a parte i contrasti sollevati in tale comparto soprattutto da Confindustria e Confartigianato, è stata Lista per Ravenna sul piano politico a sollevare da subito, e ripetutamente in seguito, una strenua opposizione a tale disgraziato progetto, indicando invece la strada - già tracciata ad esempio con la sanità e i trasporti pubblici - di inserire le Camere di Commercio nell’Area vasta della Romagna, idonea e attrezzata, ben diversamente da Ferrara, di raggruppare territori omogenei sul piano storico, culturale e socio-economico.

Il matrimonio con Ferrara, avviato nel 2015 e stipulato nel gennaio 2017, non si è però consumato, causa veti e campanilismi che hanno impedito all’ente progettato di costituire perfino i propri organi. Si sono perciò avuti dei bradisismi nel sistema di potere non più monolitico del PD, soprattutto a Ferrara. Ecco dunque che, per la prima volta, e solo nel novembre scorso, il sindaco e presidente della Provincia di Ravenna, De Pascale, ha trovato il coraggio, indotto dalla collega di Ferrara a farlo insieme a lei, di chiedere uno stop a questa fusione. Ed ora che la Regione ha fatto marcia indietro, si vorrebbe far passare che il merito è tutto del PD e la colpa del Governo.

ECONOMIA impoverita

Questo però non deve far tacere quanto nefasto sia lo strapotere del PD su quel po’ che resta della Camera di Commercio di Ravenna, un tempo gloriosa e motrice di operazioni che hanno trasformato e ammodernato l’economia del territorio. Basta guardare cosa è successo nel 2018. Il bilancio di previsione ha destinato 6,74 milioni di entrate correnti (di cui 4,52 dai diritti annuali pagati dalle imprese) per 3,73 milioni alle spese di funzionamento e solo 1,71 alle imprese economiche.

I dati dei primi nove mesi, pubblicati questo 12 gennaio, registrano un calo generalizzato delle imprese, che, trascinando con sé inevitabilmente una grave perdita di posti di lavoro, penalizza tutti i settori trainanti e vitali dell’economia, quali l’agricoltura (-147 imprese), il commercio (-113), le costruzioni (-82), l’industria (-42), il trasporto e magazzinaggio (- 33), le imprese artigiane (- 76), quelle femminili (-57) e quelle giovanili (-96).

Ravenna dunque procede col passo del gambero. Il segretario generale dell’ente camerale ha dovuto dunque dichiarare: “I dati sull’andamento delle imprese a Ravenna nel corso del 2018 dimostrano che, nonostante i segnali di ripresa a livello nazionale, la crisi non è ancora superata”.

TRE MILIONI NEL PALAZZETTO DELLO SPORT

Ebbene, il bilancio stesso della Camera di commercio per il 2018, avendo destinato, oltre alla spesa corrente di cui sopra, 3 milioni e 69 mila euro agli investimenti, ha trovato il modo di darne 3 tondi al Comune di Ravenna per costruire il nuovo palazzetto dello Sport, scrivendo al riguardo nella relazione, che l’istituzione camerale “in relazione alle proprie funzioni a sostegno delle imprese è stata chiamata ad intervenire contribuendo a finanziare il progetto”. Non discutiamo qui il palazzetto. Ma la “chiamata” è stata fatta a gran voce dalle imprese? O forse, aumma aumma, dal PD? Risponda che non è trinariciuto.

19/01/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Purtroppo ancora una volta il signor A.A. "so tutto io", conferma il suo limite "ravegnano", l'ignoranza e l'invidia campanilista non porta da nessuna parte. La legge obbliga (se non cambia) la fusione tra istituti camerali con un numero minimo d'imprese. La fusione con Forlì e Rimini, aveva un grosso scoglio...il bilancio in difficoltà di quest'ultime non consentiva sicurezza economica per le imprese. L'investimento del "palazzetto​ dello sport e fiere", quindi non solo sport come scritto dal signor "so tutto io", porterà investimenti, ma sicuramente (spero) il signor "so tutto io" ne sarà a conoscenza, come tanti addetti ai lavori. Buona giornata
19/01/2019 - SpiderMan
Le camere di commercio sono enti del tutto inutili e si possono chiudere tranquillamente.
19/01/2019 - Giovanni lo scettico
Concordo pienamente sulla inutilita' delle camere di commercio. Servono solo a distribuire poltrone.
19/01/2019 - Cesa
Spiderman, visto che Lei è a prima vista uno degli addetti ai lavori, e per l’acrimonia sembra essere stato colpito dall’altra parte del cuore, mi piacerebbe tanto che i cittadini potessero verificare di persona chi tra Lei e me ha ragione, e magari anche quali diversi interessi perseguiamo. Manifesti dunque da chi viene tanta espressione di sapienza. Io sono qua, disposto a confrontarmi pubblicamente ovunque. La “sicurezza economica per le imprese” (che pagano a caro prezzo la Camera di Commercio) la lasci decidere alle imprese, a partire dalla Confindustria e dalla Confartigianato, le quali, rappresentandone a quattrini la massima parte, la pensano come Lista per Ravenna, con la differenza che non hanno candidato nessuno alla presidenza della fusione Ravenna/Ferrara. Finita la pacchia? Brucia la coda di paglia? Lasci decidere alle imprese anche se il palazzetto dello Sport, così chiamato da tutti, riuscirà a farle rifiorire, anziché agonizzarle. Facciamo un sondaggio? Stia sereno.
19/01/2019 - Alvaro Ancisi
Ancisi faccia qualcosa anche per le scie chimiche !
19/01/2019 - Pino
Dott SpiderMan non è sufficientemente informato le camere commercio FC e RN non sono in crisi economica, non hanno voluto Ravenna a fare la prima donna ma in tema di turismo hanno una marcia in più e quindi fanno da soli. Controlli i dati imprese Ravenna sono in sensibile diminuzione questo la deve fare riflettere se era più opportuno investire in un palazzetto delle fiere tralasciamo sport oppure in risorse per rilancio dell’ economia in altre forme. Purtroppo sul tema palazzetto avremo modo di doverci tornare sopra .
19/01/2019 - gb
inutili carrozzoni da chiudere
20/01/2019 - lorenzo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.