Lega: "Dopo Imola, anche a Ravenna chiediamo la cancellazione delle scritte in arabo negli ospedali"

Lega: "Dopo Imola, anche a Ravenna chiediamo la cancellazione delle scritte in arabo negli ospedali"
Samantha Gardin (foto d'archivio)

Dopo il risultato ottenuto dal Consigliere Regionale Daniele Marchetti, nonché consigliere comunale di Imola, con l’approvazione della mozione che chiede la rimozione dei cartelli in arabo nei locali Ausl, anche a Ravenna il gruppo Lega deposita lo stesso documento, chiedendo al sindaco de Pascale "di andare ad uniformare i cartelli informativi nei locali dell’ospedale e dall’Ausl Romagnola con il resto dell’UE".

“In una logica di integrazione degli stranieri che usufruiscono del servizio sanitario - dichiara il gruppo Lega del Comune di Ravenna - è normale che queste persone siano obbligate ad imparare l’italiano, se sono residenti sul nostro territorio nazione."

Continua il capogruppo Samantha Gardin, nonché segretario provinciale “questo documento nei prossimi giorni verrà depositato in tutti i comuni dove sono presenti nostri consiglieri comunali e anche all’unione dei Comuni della Bassa Romagna”.

23/01/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Propongo di vietare anche i numeri arabi!
23/01/2019 - Astra
Questa mi pare una ca**ata. OK sono islamici e forse pericolosi, come era convinta la Fallaci, che ammiro per la lucidità di analisi, ma se ci sono occorrerà dar loro qualche indicazione......
23/01/2019 - sipi
Condivido e sono in piena sintonia con SAMANTHA GARDIN...
23/01/2019 - Daniele
già ci sono parecchi italiani,sperrsi che vagano per l ospedale in cerca di ambulatori,vogliamo disperdere anche gli arabi.troveremo scheletri là dentro.non hai niente di meglio da pensare???
23/01/2019 - batti
“In una logica di integrazione degli stranieri" certo! Non perchè siete razzisti, nooo
23/01/2019 - Giuseppe
mi sembrano molto utili le informazioni in diverse lingue. negli ospedali a parte qualche volontario di solito nessuno dà informazioni. Se uno poi parla poco o male l'italiano meglio aiutarlo. Chiederà meno aiuto al personale. In questo periodo purtroppo giro per ospedali, vedo che ci sono anche persone straniere che vengono a farsi curare a pagamento. Devono avere un buon servizio. Ma soprattutto non capisco quale sia il problema delle scritte in arabo e inglese.
23/01/2019 - andrea
Ci sono degli ospedali che hanno piazzato per terra nei corridoi degli adesivi colorati per indirizzare meglio chi cerca un reparto.
23/01/2019 - Giovanni lo scettico
Volevo commentare la risposta di Astra, spero che la tua sia una battuta!!!
23/01/2019 - Cinzia Randi
io invece sono d'accordo, la segnaletica va scritta in italiano ed in inglese in modo che TUTTI gli stranieri possano comprendere, non solo quelli di lingua araba, qui tutti fenomeni dell'integrazione ma la logica direbbe di usare una lingua internazionale quale è l'inglese non l'arabo ma quando si vuole criticare solo per partito preso....
23/01/2019 - Hypersthene
Servirà molto a chi non parla arabo avere arabi che girano per l'opedale a chiedere dove andare. Per queste battaglie di civiltà occorre fare il tifo, in curva, lanciando monetine... Ale
23/01/2019 - Ale
non ho parole ..proporrei anche ti togliere le indicazioni in polacco nelle confezioni degli alimenti così le signore che accudiscono i nostri anziani magari invece di comprare purea di frutta comprano qualcos'altro ..
23/01/2019 - RITA
Forse sarebbe meglio scrivere L alternativa in inglese che in pratica è la lingua "universale". Inoltre allora perché non scrivere in russo, polacco, francese, ecc....!! In quanti ospedali nel mondo ci sono le scritte in italiano?
23/01/2019 - Gb
Ma se noi andiamo dalle loro parti troviamo scritte in italiano?Se vengono in Italia penso dovrebbero imparare l'italiano di modo che si possano integrare.Le scritte in italiano ed in inglese invece denotano un acculturamento internazionale adeguato ai tempi dell'informatica giustamente dilagante.
23/01/2019 - maria teresa
Pur di fare opposizione ci si attacca proprio a tutto....
23/01/2019 - rb
In tutti paesi civili ,di solito i cartelli, negli ambienti pubblici,sono scritti oltre che nella loro lingua nazionale ovviamente, in inglese,che ormai è riconosciuta come lingua internazionale.In Italia,che rispetto ad altri paesi,deteniamo la percentuale più bassa di popolazione che conosce l'inglese,nonostante questo,scriviamo i cartelli in arabo.
23/01/2019 - Carlo
Storia Gardini...studi la storia.
23/01/2019 - L.S.
Sono pienamente d'accordo con Astra, togliere i numeri arabi e dare nuovo vigore ai numeri romani, belli comodi e soprattutto legati ai nostri fasti italici e non per ultimo in linea con uno stile fascista che sta tornando alla grande (non solo lo stile).Daije tutti
23/01/2019 - jack
Idiozia al potere
23/01/2019 - Emanuele
Negli anni 70 quando a ravenna esisteva solo il pci..i compagni sciatori che si recavano nell'alto adige avevano sempre da dire per l'utilizzo, in quella terra italiana, delle due lingue nelle indicazioni stradali!!! ...come si cambia per non morire!! diceva la Fiorella!! quanta falsita' su questa terra!!!
23/01/2019 - sciatore
Sono pienamente d'accordo con l'ultima frase di Gb
23/01/2019 - C.
Un'altra maccaronata, ormai sparate su ogni cosa, ma mi domando a chi venderemo la nostra merce! No all'Islam, No ai cinesi, No ai Rumeni, No agli Albanesi, adesso no all'Arabo ... la riposta dei tedeschi "di razza superiori alla vostra" è quella di lasciarvi soli con i vostri simili (Gli africani) e senza il programma Sofia! cosi imparate che siete di razza inferiori e state lontani dal mondo civilizzato!
23/01/2019 - bistrot
In un mondo moderno sarebbe utile averle anche in Cinese...altro che togliere l'Arabo...sul concetto di lingua "Universale" inoltre, se guardiamo i numeri sono proprio l'Arabo e il Cinese le lingue maggioritarie. Usciamo dalla mentalita' neo-colonialista e guardiamoci intorno....in piu' quale luogo piu' di un ospedale deve garantire accessi facili e chiari a tutti ? Se neghiamo questo il problema e' molto, molto piu' profondo....
23/01/2019 - Stefano
Volendo sorvolare sul - palese - messaggio implicito, quale sarebbe il grande servizio alla cittadinanza fornito dal cancellare indicazioni? Quale l'irrinunciabile vantaggio? quale il risparmio economico? Che miseria, che tristezza, che pochezza.
23/01/2019 - G
In Croazia e Slovenia ci sono i cartelli anche in italiano...chissà perchè?!?!?!
23/01/2019 - L.
Invece delle scritte in arabo bisognerebbe lamentarsi di altre cose degli ospedali...non mi garbano le scritte in arabo ma nemmeno di come vanno le cose in ospedale :-( ti devi portare le medicine da casa e mi fermo qui che è meglio...forse a queste cose si dovrebbe pensare.Numeri arabi...i numeri romani legati al fascismo....mah!! Io penso ai.pazienti tutto il resto è ridicolo.Non è questione di appartenenza,destra,sinistra,sotto sopra ,buonsenso e basta.
23/01/2019 - Isotta
Scusate, ma se uno straniero, da qualsiasi nazione provenga, non si sforza di imparare a parlare la lingua del paese ospite come pensate possa mai integrarsi? Imparare la lingua è il minimo sindacale.
23/01/2019 - Anna M
VEDI MARIA TERESA ,se vai in arabia saudita,non ci sono nessuna indicazione di nulla,le donne, a casa mute,che non sanno neanche se sono ancora sposate o no.però,c è un però,hanno i DOLLARI,allora va bene tutto anche per salvini,incontri di poco tempo fa
23/01/2019 - batti
Grande politica, questo è il futuro che vogliamo, odio, odio e ancora odio! brava, veramente brava, salverai l'Italia! Che schifo!!!
23/01/2019 - mirko
Ho letto solo il titolo dell'argomento e sono passato ai commenti e in sintonia con la maggioranza ho pensato che la Gardin avrebbe fatto meglio a pensare ad altro ma poi leggendo la lettera ho cambiato idea. Se per i cartelli informativi vi sono le regole stabilite dalla UE, perchè a Ravenna o in Romagna c'è stato un sveglione che ha voluto aggiungere la lingua araba e perchè quella o per par condicio altre?
23/01/2019 - Ravèna
abbiamo una convenzione internazionale per la lingua inglese, per cui è giusto che le lingue debbano essere quella locale e l'inglese. Se tu vai in un paese e non ne sai una delle due sono fatti tuoi. Conosco un ragazzo cinese che lavora in germania da un paio di anni e sa PERFETTAMENTE Inglese e tedesco. E viene da una lingua totalmente diversa dalle nostre, sia per lo scritto, sia per il parlato. Questo dimostra che SE UNO VUOLE, PUÒ RIUSCIRE A FAR TUTTO. Ci sono anche corsi online gratuiti e scuole ovunque, le scuse sono finite!
24/01/2019 - sugarcult81
altissimo il livello delle battaglie politiche della lega... Sono queste le cose che servono!!!!!
24/01/2019 - Giuni
È meglio che vanno a cercare i problemi serie dei cittadini invece di cercare cose inutile per fare propaganda! Vergogna!
24/01/2019 - Bensadiq abdellah
Credo che sia interesse di tutti fare in modo che le informazioni viaggino velocemente (in ospedale non si va a fare una scampagnata) e che sia utile, dove possibile, utilizzare indicazioni anche nelle lingua di altre nazionalità. Del resto, assumendo come vera la visione leghista del mondo, visto che siamo circondati e assediati da arabi pericolosi è meglio che si muovano veloci e senza disturbare chiedendo informazioni
24/01/2019 - Paolo
Sono Apolitico e ostico, ma non puo non venire alle mie orecchie e ai miei occhi occhi il fatto che ci stiamo accanendo su immigrazione (che e' un problema del quale ci dobbiamo prendere assolutamente cura) dimenticando che il paese ha bisogno di occupazione che serve per creare benestare quindi crescita, stiamo rischiando che questa Battaglia che sta portando Avanti giustamente Salvini diventi da una malattia temporanea a un male cronico dove ogni giorno servono cure e medicine. questo va evitato perche non possiamo spendere tempo politico in questo modo. Il problema va risolto subito e permanentemente. Per quanto riguarda la lingua Araba non la ritengo necessaria ne tantomeno integrabile alla comunita ne Italiana ne Europea . ma sono per l istaurazione di una lingua comune europea che a mio avviso dovrebbe essere l inglese come vine parlato a Strasburgo.
25/01/2019 - Angelo
Sono soldi spesi bene ? Sono questi i problemi dell'ospedale ? Le liste di attesa si accorceranno ?
25/01/2019 - Dante
E... idiozia al voto
25/01/2019 - Emanuele
Quando non si hanno altri argomenti. Attenzione perché questi non sono meglio di chi ci ha governato fino ad oggi, vogliono sostituirsi al potere con ogni mezzo per i loro porci comodi, ma in più sono nazionalisti e intolleranti. Chi li vota non ha scusanti, e se il movimento non li manda grillisticamente a fanculo, farà la stessa fine.
27/01/2019 - Apriamo gli occhi
Per sti legaioli basterebbe fare i disegnini.. Manco le scritte in italiano sarebbero capibili!
28/01/2019 - Arnaboldi Gianmaria
Di sicuro cancellando le scritte in arabo finalmente le liste d'attesa si accorceranno, si potrà fare una visita entro due giorni e al pronto soccorso in due minuti saremo visitati. Inoltre si smetterà di evadere il fisco e i treni arriveranno in orario!!! Come abbiamo fatto a non pensarci prima?????
29/01/2019 - Federico
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.