Charles Tchameni Tchienga: Quanti Prince Jerry devono suicidarsi per far scuotere le coscienze?

Charles Tchameni Tchienga: Quanti Prince Jerry devono suicidarsi per far scuotere le coscienze?
Prince Jerry

Prince Jerry era un ragazzo nigeriano di 25 anni ospite del centro d’accoglienza di Multedo, a Genova. Lunedì si è lanciato sotto un treno a Tortona. Il suicidio del giovane, studente universitario in chimica, è avvenuto dopo il diniego alla sua richiesta di permesso per motivi umanitari, perché annullata dal decreto sicurezza del Ministro degli interni Matteo Salvini. Da Ravenna, abbiamo lanciato un appello ai politici per fermare quel decreto sicurezza. Ci siamo chiesti i motivi per cui il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella abbia firmato un decreto-legge così discusso e palesemente incostituzionale in alcuni punti. 

Abbiamo sperato sulla proposta dell'incontro tra governo e sindacati voluto dall'Anci. Oggi purtroppo con questo dramma ci rendiamo conto che il nostro appello è andato nel vuoto, le nostre perplessità sono rimaste tali e così anche la nostra speranza. Di fronte ad un suicidio del genere, mi chiedo cosa significa per questo governo ovvero per il Ministro degli interni Matteo Salvini la parola "integrazione" visto che Prince Jerry era laureato in chimica e secondo qualcuno questo decreto-legge Immigrazione e sicurezza integra gli immigrati meritevoli.

Quanti Prince Jerry devono suicidarsi per far scuotere le coscienze? Quante persone devono pagare con la loro vita per far capire che una legge non dovrebbe calpestare i principi basilari dei diritti universali dell'uomo e del buon senso? Con questo decreto sicurezza di Matteo Salvini nessun sindaco in Italia può garantire l'integrazione ai migranti regolari presenti nel proprio territorio. Fermiamo tutti insieme questo decreto-legge omicida. Fermiamolo senza mezzi termini prima che sia troppo tardi. Prince Jerry, sei il simbolo della lotta per l'abrogazione di questo decreto-legge Immigrazione e sicurezza di Matteo Salvini. Non ti dimenticheremo mai.

 

Charles Tchameni Tchienga

Presidente Associazione Il Terzo Mondo Onlus

31/01/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Condivido pienamente. Fermiamo il decreto Salvini
31/01/2019 - Marcello
Questo governo dovrebbe spiegare ai cittadini italiani, a prescindere dalla loro opinione politica, perchè il decreto sicurezza trasforma una persona con regolare permesso di soggiorno in un clandestino.- Una vera follia alla faccia dell'integrazione!!! inviato da gigi 31.1.2019
31/01/2019 - gigi
sig,tchienga.questo ragazzo è capitato in una nazione di anziani,che col passare dei anni diventiamo CATTIVI,non dispiacerà piu di tanto mi creda.guardi,io non riconosco piu quei ex giovani,dei anni 85 di usa for africa
31/01/2019 - batti
Si suicidano anche gli italiani che rimangono senza lavoro...
31/01/2019 - Nicola
Quante Pamela devono essere violentate e fatte a pezzi per far scuotere le coscienze di certi buonisti...? Non è speculando sui fatti di cronaca che si progredisce nel confronto.
01/02/2019 - Gianluca
molto probabilmente se tutti gli immigrati fossero persone con voglia di lavorare e studiare e non di delinquere,quel decreto non sarebbe nemmeno stato proposto. Dispiace enormemente per l'accaduto ma la delinquenza in questa immigrazione incontrollata e smisurata porta ad imporre sistemi di sicurezza anche drastici, che possono creare disagio tra chi realmente vorrebbe integrarsi.
01/02/2019 - livio
La morte di un essere umano, avvenuta a questa età in maniera così violenta è sempre molto triste e non si può rimanere che addolorati. Mi chiedo però: -Perchè una persona già laureata nel suo paese, (quindi si presume "benestante") sceglie di rischiare la vita in un viaggio da clandestino, molto rischioso e costoso (un biglietto aereo dalla Nigeria può costare circa 500$) per studiare in Italia? -Non poteva trasferirsi come studente scegliendo la strada ordinaria, legale? -Quali impedimenti o peggio ancora, quali risvolti ci sono in tutta questa tratta di esseri umani e chi ci guadagna in tutto questo?
01/02/2019 - Max
sig.livio conosce un paese che sono tutti onesti?gianluca,il cattivismo,risolve il problema?
01/02/2019 - batti
A quanto pare qui si vogliono solo commenti uniformi ed adeguati ad una sola linea di pensiero o per lo meno poco polemici. Se, come dice Aristotele, l'uomo è un animale politico deve essere per forza anche polemico. Altrimenti è un animale suddito.
01/02/2019 - PORTER
Faccia un partito assieme ad un avvocato che spesso compare su questa testata e se ottiene la maggioranza dei voti stravolga tutte le leggi che vuole, in democrazia funziona cosi
01/02/2019 - Artemio
Mi pare che anche il buonismo si stia incattivendo accorgendosi che la filosofia del buon samaritano propagata fino ad ora comincia a mostrare quello che stava coprendo in tema di mafie ed illegalità ( non solo libiche ). Allora furibondi richiami ai cattivi, ai razzisti, ai fascisti, ai sovranisti, ai populisti e a tutti gli "isti" concepibili. Ed intanto certe sezioni si svuotano, le chiese si svuotano ed il furore aumenta.
01/02/2019 - PORTER
poster,il cattivismo della prima metà del secolo scorso portò a 60 milioni di morti e al resto,però servi anche a ridimensionare quasi tutti i cattivisti come si diceva una volta( gli hanno cavato la sete col prosciutto)attenzione la storia si ripete SEMPRE
02/02/2019 - batti
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.