Inoki Ness al Bronson per una grande serata di rap italiano underground

Inoki Ness al Bronson per una grande serata di rap italiano underground
Inoki Ness, rapper storico dell'underground italiano

In collaborazione con il Cisim, sabato 2 febbraio 2019 si esibirà al Bronson di Ravenna il rapper Inoki Ness, autore di classici del genere come "Giorno e Notte" (feat. Joe Cassano) e "Bolo by Night", giusto per citarne alcuni. Con un flow incredibile continua a stupire e nei live da il meglio di se. Al Bronson ecco dunque un nuovo incontro con il rap underground italiano. Fabiano Ballarin, meglio noto con gli pseudonimi Inoki o Inoki Ness è un rapper e produttore discografico italiano. Deve il suo soprannome Inoki alla sua vecchia tag Enok, ispirata al personaggio dell'Antico Testamento Enoch; Ki simboleggia nella cultura orientale l'energia, mentre "Ness" simboleggia in lingua araba la collettività e in lingua inglese l'espansione.


Inoki è un’autentica leggenda del rap italiano. Ha scritto classici come “Giorno e Notte” (con Joe Cassano) o “Bolo by night”.  Dopo una carriera in crescita costante che lo porterà nel 2006 a un contratto con la Warner, nel 2008 Inoki termina il contratto e torna all'autoproduzione, criticando aspramente il mondo dell'industria discografica e i rapper che hanno scelto di rimanere nel mainstream. Nel 2010 pubblica in freedownload il mixtape “Pugni in faccia”, realizzato con il rapper salentino Mad Dopa. Durante il 2011 Inoki partecipa all'album “Profondo rosso” e al tour degli Assalti Frontali. Nello stesso anno pubblica il mixtape “Flusso di coscienza” e fonda l'etichetta discografica indipendente Rap Pirata. Il 26 gennaio 2012 pubblica un dissing contro Gué Pequeno dei Club Dogo, col quale aveva collaborato diverse volte negli anni precedenti, accusandolo di essersi venduto alle major discografiche. Nel corso degli anni ha diversi attriti anche con molti altri rapper, in particolare Salmo, Marracash, e Fedez. Il 31 luglio 2012, Inoki anticipa l'uscita del suo nuovo album intitolato “L'antidoto”, inizialmente prevista per l'autunno dello stesso anno, e pubblica su YouTube il brano Siamo uno. Il 9 novembre 2012 escono il singolo “L'antidoto”, di cui viene realizzato anche il video, e il brano “Cosa ci aspetta”. L'album viene però pubblicato a febbraio 2014, dopo quasi due anni di attesa; il lavoro è caratterizzato da numerose collaborazioni con vari artisti: Assalti Frontali, il rapper americano M1 dei Dead Prez, il sassofonista Tino Tracanna, le cantanti Awa Mirone e Giulia Spallino e il rapper Nunzio Streetchild. Si tratta di un disco con un sound abbastanza sperimentale, in cui i testi esprimono una forte critica sia verso consumismo e superficialità della società italiana che verso il disimpegno del rap contemporaneo. Il 25 dicembre 2016 pubblica il mixtape autoprodotto “Basso profilo - The Mixtape”, mentre il 20 febbraio 2017 esce il video del brano “Basso Profilo”, seguito nei mesi successivi da quelli di “It's War e We Goin' On”. Sempre nel 2017, annuncia l'uscita dell'album del gruppo Call2Play, formato da Inoki stesso insieme a Mad Dopa e al produttore Fabio Musta, realizzato sotto la supervisione artistica di Caparezza. Il primo singolo è “Fallo tu”, in collaborazione con Caparezza. Nel gennaio 2018 appare sulla traccia “Blood a Blood” dell'album Don di Vacca, sancendo definitivamente la fine dei diverbi con il rapper sardo. Nel novembre 2018 appare sulla traccia “Capo” dell'album “Gipsy Prince” del rapper L'Elfo.

01/02/2019


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.