Piscina comunale. Parte la petizione "Giù le mani dalla piscina": dove si può firmare

Piscina comunale. Parte la petizione "Giù le mani dalla piscina": dove si può firmare
Piscina comunale di Ravenna (foto d'archivio)

Il MeetUp “A riveder le stelle Ravenna” comunica che sabato scorso, 2 febbraio, è stata presentata la petizione “Giù le mani dalla piscina comunale”, anticipata da Emuele Panizza (Gruppo misto) durante l'incontro del 30 gennaio alla Sala Buzzi di via Berlinguer che ha visto la partecipazione di società sportive, atleti e utenti dell'impianto. "Il testo è stato redatto - informa il MeetUp A riveder le stelle - con l’aiuto di cittadini e tecnici che abitualmente frequentano la piscina." 

"Il Comune di Ravenna - aggiunge - ha deciso di promuovere, prima ancora di qualsiasi bando di gara, un progetto di completa demolizione della piscina comunale, lasciando inalterate le vasche senza quindi un miglioramento per i frequentatori della piscina, nonostante le richieste che da anni avanzano le società sportive. Il progetto non ha rischi di impresa per il consorzio cooperativo Ar.Co Lavori (o per chi si aggiudicherà l’appalto): l’impresa realizzerà il nuovo contenitore sulle vecchie vasche, verrà risarcita nel tempo (25 anni) dal Comune delle spese sostenute e potrà gestire la piscina, praticando i notevoli aumenti già previsti per il pubblico (fin oltre il doppio delle tariffe attuali). Il Comune oltretutto garantirà l’impresa aggiudicatrice con una fidejussione di 6 milioni di euro. La piscina costerà in totale 13,5 milioni di euro (con probabile lievitazione dei costi), di cui 1,3 milioni verranno spesi per la sola progettazione."

"Le tempistiche di realizzazione indicate - spiega - appaiono sicuramente troppo ottimistiche e verrà interrotto per un tempo imprecisato un pubblico servizio importantissimo ed irrinunciabile per i cittadini di Ravenna.  L’attuale piscina è stata co-progettata dall’ingegner Massimo Majoviecki, l’autore di molte strutture importantissime in tutto il mondo come il Palasport di Pesaro, le coperture per lo Stadio della Juventus di Torino e dello Stadio Olimpico di Roma, la copertura del Dipartimento delle Arti Islamiche al Louvre e le vele dell’Expo di Milano."

"Per questi motivi i cittadini del Comune di Ravenna chiedono - continua MeetUp A riveder le stelle - una revisione radicale e partecipata di quanto previsto per la piscina comunale, ed in particolare che:
- non venga demolita la vecchia struttura ma fatta adeguata manutenzione, migliorata la zona spogliatoi/docce/bar, efficientata la copertura, rivisti gli impianti e fatte tutte le modifiche necessarie a migliorare il servizio offerto, ma senza la demolizione integrale. Una manutenzione ed un rifacimento meno pesante e ben programmato riducono al minimo i costi, i disagi e accorciano i tempi di chiusura;
- il Comune valuti di gestire direttamente l’impianto, abbassando i costi di ingresso per i cittadini, non aumentandoli;
- il Comune realizzi altrove una piscina nuova (eventualmente olimpionica e omologata per le gare internazionali) con regolare concorso su terreni già utilizzati o riadattando un edificio esistente, usufruendo di finanziamenti pubblici, in modo da soddisfare le richieste delle società sportive e dei cittadini. Vi sono esempi di piscine olimpioniche complete costate meno di 13,5 milioni di euro."

"Oltre 50 le firme già raccolte il primo giorno: si prosegue sabato 9 febbraio al mercato lato viale Berlinguer, dalle ore 9.00-13.00, ed altri banchetti saranno allestiti a breve. Possono firmare tutti i cittadini (a partire dai 16 anni compresi) residenti o domiciliati a Ravenna, o che documentino la propria attività prevalente di lavoro o di studio nella nostra città" conclude.

Per informazioni: cell. 3349470326 oppure arivederlestelleravenna@gmail.com.

 

 

04/02/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Buona sera, precisiamo che la petizione è a disposizione di tutti coloro che vorranno sottoscriverla e diffonderla, gruppi, ma non è quella che hano annunciato di avere in programma gli organizzatori dell'incontro in Sala Buzzi. Il testo della petizione del Meetup è stato perfezionato nel corso di questa assemblea, a cui gli gli organizzatori dell'incontro in sala Buzzi non hanno presenziato. http://www.ravennanotizie.it/articoli/2019/01/30/piscina-comunale.-richiesta-revisione-del-progetto-di-demolizione-assemblea-per-la-petizione.html Preghiamo, se possibile, di rettificare l'articolo. Grazie mille.
04/02/2019 - Francesca Santarella
Egregia Santarella, nel corso dell’incontro avvenuto il 30 gennaio presso sala Buzzi con le società sportive che fruiscono dell’impianto è stato concordato di lanciare una petizione che esclude d’intraprendere qualsiasi inaziativa sull’attuale impianto prima che sia stata realizzata una nuova piscina. Incontro al quale non ha partecipato nessun membro del Meetup a riveder le stelle. Saputo della vs intenzione di lanciare una petizione vi abbiamo chiesto di attendere il testo concordato con le società sportive che aderiscono all’iniziativa, di cui la prima firmataria è l’endas nuoto. Per evitare di disperdere energie e creare confusione, vi preghiamo di sostituire la vostra petizione (forse lanciata per un disguido) e procedere facendo firmare il testo concordato con loro.
06/02/2019 - Emanuele panizza
Buonasera consigliere, saremo molto lieti se lei e gli altri gruppi consiliari di cui si è fatto portavoce vorreste aiutare cittadini e meetup nella raccolta delle firme già presentata alla stampa sabato 2 febbraio, in base a quanto preannunciato pubblicamente il 27 gennaio (quindi giorni prima di ogni vostra proposta in tal senso) e il cui testo è stato redatto e perfezionato in pochissimi giorni grazie ai numerosi e concordi contributi giuntici da parte di tecnici, cittadini e fruitori della piscina. La ringraziamo fin da ora. Cordiali saluti. http://www.ravennanotizie.it/articoli/2019/01/26/meetup-a-riveder-le-stelle-ravenna-gi-le-mani-dalla-piscina-comunale.html
06/02/2019 - Francesca Santarella
Stando ad un articolo dell'8 dicembre comparso su una testata on line che non citiamo per rispetto di questa, abbiamo letto che Endas ha accolto positivamente il progetto della Ar.Co, diversamente da quanto espresso dalla petizione già presentata dal Meetup. Stanti così le cose, è giusto che venga redatta dai consiglieri di opposizione con prima firmataria Endas, un'altra apposita petizione in appoggio al progetto della Ar.Co sostenuto dal Comune.
06/02/2019 - Francesca Santarella
Signora Santarella, per l’importanza del tema toccato abbiamo scelto di unire le forze proprio per evitare che la nostra iniziativa potesse essere vista come una speculazione politica. Sala Buzzi è stata prenotata in dicembre. Il 9 gennaio abbiamo incontrato le società sportive in sala mosaico presso la residenza comunale. Il 14 gennaio c’è stata la convocazione ufficiale. Il 30 l’incontro. Lei non è mai stata presente. Ha lanciato comunque la Sua petizione sebbene Le avessi chiesto di farla congiuntamente. L’ha sbagliata, visto che successivamente ha apportato delle sostanziali modifiche, ma comunque ciò che chiede (ristrutturazione) non è ritenuto economicamente sostenibile nè fattibile (legge regionale 2003 - normativa antisismica in vigore da luglio 2009). Dovrebbe sapere che c’è differenza tra Endas ed Endas Nuoto. Se ha a cuore gli interessi di Ravenna, ritiri la Sua petizione e ci aiuti con quella studiata insieme alle società sportive. Grazie.
09/02/2019 - Emanuele Panizza
Scusi, quando, dove e a chi avremmo presentato una petizione sbagliata poi modificata sostanzialmente? Penso sia dovere dei consiglieri comunali riportare i fatti con la massima precisione. La bozza di petizione, redatta con cittadini ed esperti, è stata presentata il 31 alla nostra assemblea pubblica, discussa e completata coi presenti e poi resa pubblica alla stampa il 2 febbraio. Cordiali saluti.
10/02/2019 - Francesca Santarella
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.