Ravegnana. Presentato il programma dei lavori: il cantiere partirà ad aprile, apertura entro estate

Ravegnana. Presentato il programma dei lavori: il cantiere partirà ad aprile, apertura entro estate
Una foto della conferenza di oggi in municipio

Sono gravi le condizioni di criticità del sottosuolo e il lavoro è molto complesso - Sindaco: "facciamo tutto il possibile per ridurre il disagio" - Il link per vedere in dettaglio il tipo di intervento previsto

Questa mattina, mercoledì 6 febbraio, è stato presentato nella sala consiliare del Municipio di Ravenna il programma dei lavori per la ricostruzione della Ravegnana, strada interrotta dallo scorso 25 ottobre in seguito al crollo della diga di San Bartolo sul fiume Ronco, in cui perse la vita il tecnico della protezione civile regionale, Danilo Zavatta. Presenti all'incontro l'assessore regionale alla Difesa del suolo e Protezione civile, Paola Gazzolo, il sindaco di Ravenna, Michele de Pascale, il responsabile del Servizio Area Romagna dell'Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, Mauro Vannoni accompagnato da alcuni specialisti che si stanno occupando della definizione del progetto.

A prendere la parola per primo è stato il sindaco Michele de Pascale che dopo aver ringraziato la Procura della Repubblica per l'importante lavoro di indagine, avviato celermente e che porterà ad individuare i soggetti responsabili del tragico incidente, ha ricordato che "fin da subito, in particolare dallo scorso 28 ottobre, è stato messo in atto il piano di messa in sicurezza da parte della Protezione Civile, che ha portato anche ad allertare la popolazione della zona fino ad 1 km dal luogo dell’incidente, per offrire ai cittadini strumenti utili da utilizzare in caso di segnalazioni di problemi o emergenze."

"Ringrazio anche la Regione - ha aggiunto de Pascale - che ha stanziato 3 milioni di euro per i lavori di messa in sicurezza dell'area, la ricostruzione e la riapertura della strada. A questi fondi inoltre ne sono stati aggiunti altri 440mila euro destinati invece alle prime opere di messa in sicurezza e ai rilievi tecnici - già conclusi - sulle condizioni dell'argine del fiume Ronco."

Rilievi ed analisi rese necessari per le gravi criticità rilevate subito dopo il crollo della chiusa ed il sequestro della centrale idroelettrica da parte dell'autorità giudiziaria. I lavori di ripristino della parte della diga caduta erano infatti partiti immediatamente dal 28 ottobre, con i primi interventi di somma urgenza, ma si erano interrotti subito dopo, una volta emerse le gravi condizioni di criticità del sottosuolo, che hanno portato alla chiusura del transito, causando gravi disagi, tuttora persistenti, per cittadini, studenti e pendolari che si spostano tra Forlì e Ravenna, aumenti di costi e tempi per le attività economiche e problemi di sicurezza dovuti ad una viabilità alternativa insufficiente. 

"Abbiamo cercato subito di far capire alla comunità - ha infatti spiegato il sindaco - che il danno era molto più grosso di quello che appariva visivamente, ad occhio nudo. L'erosione dell’argine del fiume ha causato gravi infiltrazioni sotto il manto stradale, che dunque hanno reso obbligatoria la chiusura dell'arteria stradale. La rabbia dei cittadini, espressa anche sui social, è pienamente giustificata. I cittadini, i lavoratori, gli agricoltori privati e i consorzi agricoli hanno il nostro pieno sostegno; faremo tutto il possibile per risolvere il disagio."

"Oltre ai quasi 3 milioni e mezzo di euro, ne sono stati aggiunti, sempre dalla Regione, altri 900 mila - destinati alla Provincia - per il ripristino di viabilità alternativa durante lo svolgimento dei lavori ed anche dopo la riapertura della Ravegnana. In particolare si valuterà insieme agli enti competenti se dirottare il traffico dei mezzi pesanti su arterie maggiori e più idonee, come l'E45 e l'A14, così da dare alla Ravegnana una veste piu locale. Saranno ovviamente, a tal riguardo, ascoltate le esigenze del mondo dell'autotrasporto e di Anas" ha concluso de Pascale.

"Le priorità della Regione sono state chiare fin da subito - ha esordito l'assesore regionale Gazzolo -: massima rapidità di intervento per riattivare la viabilità in un tratto strategico della rete regionale. Per questo nell'arco di soli due mesi, grazie alla grande professionalità delle strutture regionali, sono stati conclusi in poche settimane sia la barriera in palancole per evitare ulteriori erosioni dell'argine sia i complessi rilievi tecnici sulla sua stabilità. Quando la magistartura avrà chiuso l'indagine, agiremo in rivalsa dei costi su chi sarà accertato responsabile. Al momento però la Regione assicura l'intero finanziamento necessario per la conclusione del progetto definitivo che indicativamente avverà a fine febbraio e l'avvio dei cantieri. Lavori che, dopo una prima fase di organizzazione nel mese di marzo, partiranno ad aprile."


"Attualmente - ha affermato l'ingegnere Mauro Vannoni, responsabile del Servizio Area Romagna dell'Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile che ha definito il progetto generale dei lavori - è in atto la seconda fase di messa in sicurezza, durante la quale saranno isolate le infiltrazioni d'acqua sotto l'argine che mettono in pericolo l'arteria stradale. Una volta acquisiti i pareri di Anas, Enel, Consorzio di Bonifica, Comune di Ravenna, Sovrintendenza e Arpae, verranno affidati i lavori che daranno continuità a quelli già avviata da ottobre. Il contesto è particolarmente complesso perchè il dissesto ha coinvolto la chiusa di derivazione ad uso irriguo, un tratto di fiume entrato in erosione, la passerella ad uso pedonale nel cui crollo ha perso la vita il nostro caro collega, Danilo Zavatta, indimenticato a tutti noi, l'argine e la strada che hanno avuto pesanti infiltrazioni. L'intervento è significativo, ma ci tengo a precisare che si è lavorato sodo fin da subito, dopo il tragico evento, per garantire continuità ai lavori della Protezione civile che non si sono mai interrotti."

Al Servizio Area Romagna spetterà anche la direzione dei lavori. I primi interventi riguarderanno l'eliminazione delle infiltrazioni, il consolidamento degli argini, il ripristino della funzionalità della derivazione ad uso irriguo e del ponte. Per quanto riguarda l'analisi geotecnica, la Regione si è avvalsa dello studio Enser, lo stesso che sta lavorando sul crollo del ponte Morandi di Genova e sugli interventi sul torrente Polcevera

"Priorità nel progetto è stata data anche alle esigenze dei consorzi agricoli e degli agricoltori privati che attingono, prevalentemente in estate, alle acque del fiume Ronco per l'irrigazione dei campi. Entro marzo riusciremo sicuramente ad innalzare le paratorie lungo l'argine di circa 2.10 mt, per rispondere subito alle necessità dei consorziati; non so se saremo in grado fin da marzo di raggiungere i 3.50 mt. per facilitare anche il "pescaggio" con le pompe dei piccoli agricoltori. Riusciremo a valutarlo solo in corso d'opera, perchè ci sono molte variabili da considerare come il tempo e la portata del fiume" ha concluso Vannoni.


Erika Digiacomo






06/02/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Ok perfetto !!! Ma almeno in questi mesi che non ci passa nessuno o solo i residenti, potrebbero fare i vari lavori di asfaltatura e manutenzioni varie della ravegnana . Così quando apre non ci sono le voragini e altri problemi.. MAGARI !!!
06/02/2019 - Mike
ma come si fa ad asserire che "facciamo tutto il possibile per ridurre i disagi" quando servono 7 mesi, lo ripeto, 7 lunghissimi mesi solo per avviare un cavolo di cantiere? E se poi non doveste consegnare la Ravegnana entro fine agosto, primi di settembre? Qualcuno di voi forse verrà licenziato? Pagherà delle penali per la mancata consegna entro i termini stabiliti? Perché nei paesi "civilizzati" funziona diversamente, un'emergenza viene affrontata come tale, entro 10/15 giorni parte il cantiere per la ricostruzione e in 10/15 giorni si consegna quel tratto di 500 metri finito e collaudato, in caso contrario saltano delle teste e la ditta appaltatrice paga penali altissime...
06/02/2019 - Hypersthene
“Si cercherà di deviare il traffico pesante su arterie più idonee tipo l E45” mi viene da ridere perché anche questa mattina senza avvisi e senza cartelli l E45 suddetta era chiusa in direzione RAVENNA Cesena con deviazione di tutto il traffico sulla via disumano... all entrata ci sono i cartelli di chiusura del verghereto ma non c’è un cartello che segnala la chiusura pochi chilometri dopo l entrata, causando solo ingorghi! Siete imbarazzanti!!
06/02/2019 - Carlo
Che pena la gestione della mobilità nel territorio....e non diciamo che la colpa è del governo.... la colpa è di una amministrazione locale assente e poco lungimirante... oramai i tempi non sono più buoni.... strade ferrovie e altro andava fatto a suo tempo....ma qui ci si preoccupava di altro.... Grazie
06/02/2019 - Cittadina
Ci vuole un bel coraggio a credere a sta gente. L E45....mai vista una vergogna simile
06/02/2019 - Alan
A voi non sembra spaventoso e terribile il fatto che esista un "assessore regionale alla difesa del suolo"? Difesa da che? Dai buchi profondi fino al centro della terra?
06/02/2019 - Giovanni lo scettico
Hanno per caso specificato di quale anno???
06/02/2019 - E.S.
Vi prego: non fatelo sapere ai 5 stelle o a quelli che le rivedono. Vi direbbero di bloccare i lavori per favorire lo sviluppo del trasporto a dorso di mulo.
06/02/2019 - Ruvido
Ma calmatevi che vi viene la bava. Commentatori seriali nullafacenti.
07/02/2019 - Alessandro
Ma come ancora ad aprile, Bell urgenza, si perché non si rendono conto che la zona soffre e Ravenna in particolare. CHE STRATEGIE!!!!
07/02/2019 - Mario
Beh, sig. Alessandro, sono commenti più che comprensibili, tra l'altro in toni ancora corretti e gentili.
07/02/2019 - Emanuele
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.