Ecco le bodycam per gli agenti della Polizia Locale di Ravenna: garantiscono più sicurezza per tutti

Ecco le bodycam per gli agenti della Polizia Locale di Ravenna: garantiscono più sicurezza per tutti
Il Comandante della PM Andrea Giacomini fa indossare la bodycam a un agente

Dieci Axon Body 2 verranno date in dotazione a un numero ristretto di agenti, in via sperimentale - Con le bodycam "sia i cittadini che gli operatori di polizia sono maggiormente portati a mantenere un comportamento corretto, equilibrato e il più possibile rispettoso delle norme"

Il Comune di Ravenna ha deciso di avviare la sperimentazione delle videocamere indossabili per aumentare la sicurezza e la professionalità degli interventi degli agenti del corpo di Polizia Locale. Dieci Axon Body 2 verranno date in dotazione a un numero ristretto di agenti, debitamente formati e addestrati all’utilizzo. Axon, leader globale in queste tecnologie, ha deciso di fornire le bodycam in comodato d’uso gratuito per la sperimentazione, e anche la necessaria formazione al personale, valutando il Comune di Ravenna come particolarmente meritevole, alla luce del conferimento del premio ANCI Sicurezza Urbana 2018 al comando di Polizia Locale, nonché per l'efficiente struttura organizzativa che il comando può mettere a disposizione per sviluppare il progetto, è stato spiegato oggi 7 febbraio in Municipio.

La sperimentazione, che durerà sei mesi, partirà verso la fine della primavera.

Axon Body 2

Axon Body 2 è una videocamera indossabile a unità singola agganciata all’uniforme degli agenti, che offre video in qualità HD, un campo visivo di 143° e più di 12 ore di autonomia. La registrazione parte con un doppio click dell’agente e include fino a due minuti precedenti. L’adozione delle videocamere indossabili ha diversi obiettivi: innanzitutto, il dispositivo è chiaramente segnalato in modo da scoraggiare l’escalation dell’azione criminale. Inoltre, la videoregistrazione degli eventi garantisce trasparenza rispetto ai metodi adottati dalla polizia, aumenta i tassi di condanna e riduce i tempi della giustizia per le vittime, fornendo un maggiore senso di fiducia dei cittadini nei confronti delle forze dell’ordine.

La funzione principale delle bodycam è quella di riprendere gli interventi classificabili come “complessi” o “ad alto impatto”, registrando in modo particolare ciò che l’operatore stesso vede e sente durante le fasi concitate dell’intervento.

Nel 2018, il comando di Polizia Locale di Ravenna ha registrato un numero di interventi complessi che hanno avuto una rilevanza di tipo penale così suddivisi: diciannove casi di resistenza a pubblico ufficiale, cinque dei quali hanno visto gli agenti subire lesioni di tipo fisico con la necessità di ricevere cure da parte del personale sanitario; cinque casi di oltraggio a pubblico ufficiale. Numerose ricerche condotte negli Stati Uniti d’America e nel Regno Unito testimoniano gli effetti positivi dell’impiego delle bodycam da parte degli operatori di Polizia.

In buona sostanza, sia i cittadini che gli operatori di polizia sono maggiormente portati a mantenere un comportamento corretto, equilibrato e il più possibile rispettoso delle norme. Sulla base di queste ricerche, è convinzione del comando che l’impiego di questi strumenti, anche solo in via sperimentale, porterà a una consistente riduzione dei casi di aggressione e di oltraggio agli operatori di Polizia Locale di Ravenna, ottenendo così i maggiori margini di sicurezza e professionalità ricercati dall’impiego di queste tecnologie.

 

Le dichiarazioni del Sindaco, del Vice Sindaco e del manager di Axon Italia

“È per noi motivo di grande orgoglio – dichiara il sindaco Michele de Pascale - essere stati individuati dalla Axon, che ringrazio, in virtù del fatto che abbiamo ottenuto il premio ANCI Sicurezza Urbana 2018, che valorizza i migliori progetti e le migliori operazioni dei comandi e dei singoli operatori. Per noi questa occasione di ulteriore specializzazione dell’attività degli uomini e delle donne della nostra Polizia Locale è talmente importante da aver deciso di prevedere, all’interno del progetto di riorganizzazione, l'istituzione della sezione Pronto Intervento, il cui personale - individuato, su base volontaria, secondo criteri di attitudine operativa - avrà il privilegio e la responsabilità di condurre la sperimentazione”.

“Le nuove tecnologie – aggiunge il vicesindaco Eugenio Fusignani, con delega alla Sicurezza e alla Polizia Locale – offrono straordinarie opportunità per rendere più efficace e specializzata la già professionale attività dei nostri agenti e delle nostre agenti di Polizia Locale. E’ nostra ferma intenzione fare di tutto per non perdere neanche una dì queste opportunità, come dimostra ad esempio il recente lancio della piattaforma SicURa Web, per mettere in rete le informazioni che circolano nei gruppi whatsapp di Controllo di Vicinato. Continueremo su questa strada, per professionalizzarci sempre di più e garantire sempre migliori servizi e più sicurezza alla cittadinanza”.

“La videocamera indossabile è di fatto un terzo occhio in dotazione alle forze dell’ordine, che consente agli agenti impegnati sul campo di rimanere concentrati sulla situazione”, spiega Loris Angeloni, country manager di Axon Italia. “Gli studi e le sperimentazioni passate ci dicono che questi strumenti migliorano il comportamento di tutte le parti coinvolte nelle interazioni delle forze dell’ordine, riducono le denunce e i tempi delle azioni legali, riducono l’uso della forza, migliorano la fiducia del pubblico e creano comunità più sicure a un costo inferiore”.

La collaborazione con Axon potrà portare anche a una sperimentazione dell’impiego del TASER® (in ottemperanza a quanto previsto dall’Art.19 del decreto-legge 4 ottobre 2018, n. 113, coordinato con la legge di conversione del 1º dicembre 2018, n. 132), nel momento in cui saranno state espletate tutte le procedure giuridico regolamentari previste per la dotazione e l’impiego in via sperimentale di due dispositivi a conduzione elettrica. Per tale progetto è prevista una formazione specifica per un gruppo ristretto e selezionato di agenti, due dei quali avranno la possibilità per sei mesi di portare in servizio il dispositivo a conduzione elettrica TASER® a fini di effettuare la sperimentazione prevista a livello normativo. Studi sull’efficacia delle videocamere indossabili - L’U.S. Department of Justice Office of Community Oriented Policing Services, ha elaborato nel 2014 uno studio dal titolo “Implementing a Body-Worn Camera Program”. All’interno di questa complessa e articolata ricerca vengono messi in evidenza gli innumerevoli vantaggi che si possono avere dall’utilizzo sistematico e organizzato di questi sistemi di videoregistrazione da parte degli agenti.

Dati alla mano, si legge nella nota del Comune, è emerso come le denunce da parte degli utenti a carico degli agenti, in relazione al loro operato, si siano ridotte di oltre il 40% e che l’uso della forza fisica per la risoluzione di interventi “complessi” si è ridotto in alcuni casi anche del 50%. La consistente riduzione dei casi di denuncia da parte dei cittadini per comportamenti scorretti o violenti da parte degli operatori di polizia, viene vista come l’esito di diverse modifiche comportamentali riscontrate sia nel modo di operare degli agenti, sia nel comportamento che i cittadini hanno nei confronti degli stessi, sapendo di essere videoregistrati. La stessa ricerca ha anche chiarito come l’utilizzo delle bodycam debba essere preceduto a livello temporale da una fase di sperimentazione. Infatti, quest’ultima è funzionale al fine di far accettare l’utilizzo di queste strumentazioni, sia agli operatori che alla cittadinanza. A fronte delle esperienze registrate, i benefici prodotti in termini di risoluzione di conflitti con gli utenti e di riduzione delle denunce nei confronti degli operatori, hanno prodotto anche una maggiore fiducia da parte di questi ultimi nell’utilizzo delle nuove strumentazioni. D’altro canto, anche il contesto sociale ha così il tempo e la possibilità di adattarsi a un nuovo modo di vedere e interagire con le forze di polizia, facendo crescere per un certo verso il senso di fiducia e sicurezza in queste istituzioni, grazie anche al fatto che tutto sarà il più possibile trasparente e rispettoso delle normative in vigore.

Nel 2013, il Dipartimento di Polizia di Rialto in collaborazione con la Cambridge University ha proceduto a quello che viene visto come un “Case study” relativamente all’impiego delle bodycam Axon Flex. I ricercatori della Cambridge University hanno condotto uno studio sul dipartimento di Polizia di Rialto al fine di registrare e studiare come l’utilizzo delle bodycam abbia modificato gli esiti degli interventi dove era richiesto l’uso della forza da parte degli operatori di polizia. I dati elaborati hanno chiarito che vi è stato un netto calo degli incidenti derivanti dall’uso della forza nel 59% dei casi presi in esame e una ancora maggiore riduzione dei reclami da parte dell’utenza, pari all’87,5%.

Anche il Dipartimento di Polizia di Orlando ha sviluppato degli studi in merito all’impiego delle bodycam, dai quali si è riscontrata una riduzione degli incidenti in caso di resistenza a pubblico ufficiale del 53,4%.

 

07/02/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
A cosa servono le body cam se la pm non è in strada a controllare il traffico?
09/02/2019 - zan
In Russia la maggior parte delle macchine hanno la telecamerina per proteggersi dalle false testimonianze durante gli incidenti, In Italia abbiamo assicurazioni che ti salassano anche perche c'e chi ci naviga sopra ma iniziative per ridurre questi onerosi canoni sono pochissime ..cosa aspettano le assicurazioni a promuovere questo tipo di strumento associato ad uno sconto???.......... La tecnologia forse non risolve ma aiuta in certo casi ... dico io con tutte le cavolatine che abbiamo come opzional nelle vetture come la guida assistita per esempio che ho provato e la trovo assolutamente poco utilizzabile. non potrebbero le case automobilistiche mettere su i cumputer di bordo come in molte autovetture aziendali, perche tutto quello che esce di nuovo e' propenso a fare spendere di piu e non a fere risparmiare il cittadino??? c'e chi specula??? meditate....bene per la polizia con la videocamera anche se il problema vero sono i delinquenti in quantita"
10/02/2019 - Angelo
@ Angelo, scusa ma la mia esperienza relativa alla guida assistita mi ha convinto del contrario e che è una cosa eccezionale. Tra tutti i vantaggi che offre c'è che è utilissima per evitare i tamponamenti, ti aiuta a guidare con meno stress, a rispettare le norme stradali e da ultimo anche a consumare meno carburante. E siamo solo all'inizio !
12/02/2019 - bici
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.