Online la petizione per salvare il "vecchio" Baretto di Marina di Ravenna dalla demolizione

Online la petizione per salvare il "vecchio" Baretto di Marina di Ravenna dalla demolizione

Stefano Donati, consigliere territoriale di Lista per Ravenna, ha appena lanciato una petizione on line, a supporto dell’istanza, rivolta al sindaco, di “salvare dall’assurda demolizione il baretto provvisorio di Marina di Ravenna”. Il sindaco riceverà automaticamente comunicazione di ogni singola sottoscrizione della petizione, con eventuale commento di chi desidera aggiungerlo.

08/02/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Un obbrobrio del genere può anche essere demolito e la dicitura che "s'inserisca armonicamente nel contesto ambientale e paesaggistico" è un altro scempio. Resta comunque lo spreco abbattendolo ed un grosso punto interrogativo su chi ha permesso la costruzione di un tale mostriciattolo. Ma gli obbrobri, sul nostro litorale, sono oramai default da un bel po' e continuano…!
08/02/2019 - Anita
concordo con Anita
08/02/2019 - lauro
@Anita e Lauro : non sapevo di avere tanti gemelli di Renzo Piano in città...!!
08/02/2019 - Atalante61
Buttatelo giù e liberate l'area che è già ingolfata. Fosse almeno bella....
08/02/2019 - Obezio
Salvate il soldato Ryan! La macchina dell'opposizione si muove... Non solo per le buche...!
08/02/2019 - Manuel
Anita ha perfettamente ragione,preservare tali obbrobri è una bestemmia,ricercare chi ha permesso ciò ha un senso.Almeno lo si può escludere da qualsiasi decisione future
08/02/2019 - Giorgio
Come, come? Quell'obbrobrio grida vendetta! Ci mancherebbe anche una petizione per salvarlo! Signor Donati, non si fa una gran pubblicità... No no...
08/02/2019 - Emanuele
Un nuovo "archeologia industriale" (commerciale in questo caso ???? noooooooo. per favore.- che se ne fa ???? demolirlo subito, presto e che non rimanga traccia.- Fate i nostalgici, ritornando nel nuovo !!!
08/02/2019 - armando
Concordo con Anita,è veramente brutto....
08/02/2019 - Paola
Concordo con Donati e ---Ancisi in primis--- per non demolire il bugigattolo , seppur brutto ... qualcuno avrà dato il permesso alla costruzione ... ci sono svariati modi per riutilizzarlo : anziani di Marina - giovani naviganti del circolo a fianco - x extra idea < radio locale che potrebbe avere un buon impatto aggregativo nei pomeriggi invernali specialmente > se è stato " creato " non vedo perchè demolirlo !!! Altra soluzione : circolo x ormeggiatori & co. ; p.s. ho provato a sottoscrivere la petizione ma ... vedo ancora 0 firme ... io non riesco ad inserire i dati --- c'è un codice postale Bologna Italia ma quando clicco per mettere Ravenna non succede niente . Antonio Zanzi
08/02/2019 - Antonio Zanzi
Anche a mio avviso deve essere tolto.nn sarebbe utilizzato da nessuno e diventerebbe l'ennesimo stabile abbandonato!!guardiamo lo scempio sulla diga foranea....smantellare e pulire!
08/02/2019 - E
@Antonio Zanzi. La petizione ha raggiunto ora 60 sottoscrizione. Ho notato che in alcuni casi utilizzando internet Explorer come browser può esserci qualche difficoltà mentre con Chrome è tutto più lineare e veloce. Per altri gentili commentatori: certo è che questo stabile, a confronto gli obbrobri di Marinara, può essere solo migliore, ma una cosa è certa: ci sono molti usi di interesse pubblico o sociale per cui può essere utilizzato, in un piazzale che non ha alcuna rilevanza paesaggistica la stessa Autorità portuale saprebbe bene come utilizzarlo. Cordialmente
08/02/2019 - Stefano Donati
Una petizione per permettere alla proprietà privata, che ha l'obbligo di demolirlo, di risparmiare i soldi necessari??? Ma per favore, un minimo di decenza.
08/02/2019 - alberto
Bello non è, magari però potrebbe anche tornare utile.... leggevo di qualcuno che proponeva di farlo diventare dei bagni pubblici. Io non butterei via l’idea
08/02/2019 - Alessandro
in risposta, tralascio di riportare i nominativi, ai commenti che mi precedono, i quali non sono certamente dei ". . RENZO PIANO . ." (neanche io lo sono), ma se ci guardate bene e vi liberate dall'ossessione del << NO A PRESCINDERE >>, quale è il meno brutto dei due ?. Se proprio si deve abbattere il più brutto, il NUOVO BARETTO corre grossi rischi. Ritengo che la cosa più intelligente (mi verrebbe da dire MENO IDIOTA), a mio avviso, è quella di non abbattere nessuno dei due: il nuovo sarà il redivivo BARETTO; il sostitutivo OLD ha una molteplicità di opportunità di cui approfittare ?. Non aggiungo altro, ma spero proprio che la decisione, del suo NON ABBATTIMENTO, sia presa da persone intelligenti che non abbiano gli occhi foderati dal <>.
08/02/2019 - #merigoculdesac
A Ravenna c'è sempre qualcuno che non ha niente da fare. Se vi ricordate ( la polemica ha la memoria corta) l'impegno era quello di demolito. Adesso si fa addirittura una petizione per salvarlo. Per favore non spendiamo soldi e tempo per queste cose completamente inutili.
09/02/2019 - Troglodita
La petizione non vuole raggiungere folle oceaniche, ma far arrivare direttamente all’indirizzo del sindaco opinioni al riguardo. Intanto non costa niente, tanto meno la petizione. Comunque se ne voglia valutare l’estetica, anch’essa opinabile, non ha niente del mostro edilizio, quale se ne vede sulla spiaggia oltrestante di Marinara; non insulta il paesaggio (un parcheggio senza pretese: se mai il “paesaggio” è sul molo, anche se nessuno si azzarda a contestare il nuovo baretto); andrebbe utilizzato (è faticoso leggere per intero i testi?) per usi pubblici, esistenti a bizzeffe a Marina di Ravenna; chi l’ha costruito non ha fatto un abuso (è bastata una comunicazione di inizio attività), né una speculazione edilizia. Si possono raccogliere le idee della gente, in realtà ampiamente favorevole all’uso pubblico, come dimostrano le moltissime condivisioni sui social, senza fare una guerra di religione? Si può parlare degli interessi pubblici perseguibili? Grazie per la comprensione.
09/02/2019 - Alvaro Ancisi
Caro sig Ancisi, credo che qui abbiamo letto tutto, fino in fondo. Di ulteriori spazi pubblici (per cosa?) poi da mantenere con le nostre tasse, anche no. Cordiali saluti
09/02/2019 - Emanuele
Sicuramente demolirlo. mettiamo due bar nel giro di 100 metri cosi nessuno dei due ce la fa a sopravvivere.... sono stato un paio di volte in quel bar secondo me non c'e niente da salvare.
10/02/2019 - Angelo
Beh se si facesse un referendum forse vincerebbe chi è propenso all'abbattimento, mica possiamo tenere tutto. Per quanto concerne una eventuale riconversione ad altro uso, probabilmente costerebbe molto e sarebbe poco funzionale. Qualcuno lo vuole? Faccia richiesta e se lo porta a casa.....
10/02/2019 - elio62
Emanuele, basta leggere Angelo. Abbiamo forse scritto di farci un secondo baretto? Quanto ai commentisti sicuri che non se ne debba neanche discutere, basto osservare che su questo articolo ci sono al momento 79 condivisioni: un piccolo referendum tra i lettori di Ravenna Notizie. Solo per dire che il confronto è aperto. Cordialmente.
11/02/2019 - Alvaro Ancisi
Signor Ancisi, mi ha frainteso (e non so come, poichè mi pare abbia scritto in modo chiaro). Non sono necessari spazi pubblici pagati con denaro pubblico, specie a Marina. Punto. Se poi vuole avere sempre ragione... Circa 200 (ora) condivisioni (fatte con un semplice click di mouse) non mi pare proprio un plebiscito. Se ha una associazione o un privato o un ente pubblico (con valutazione economica alla mano però) già disponibile, si faccia avanti. Altrimenti mi pare davvero una bufala. Mi sorprende, lei sempre attento alla buona amministrazione, che non capisca. O fa finta di non capire. Cordialità anche a lei.
11/02/2019 - Emanuele
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.