Porto. Appello a politica ed istituzioni affinchè l'“Hub portuale 2017” non subisca nuovi ritardi

Porto. Appello a politica ed istituzioni affinchè l'“Hub portuale 2017” non subisca nuovi ritardi
Immagine di repertorio

Dalla Commissione Porto trasporti e Logistica della Camera di commercio di Ravenna, d'intesa con i rappresentanti del mondo economico legato alla portualità, è stato lanciato un appello per salvaguardare la competitività del porto di Ravenna: "Occorrono decisioni affinché il progetto “Hub portuale 2017” non debba subire ulteriori ritardi e compromettere le attività e gli interessi legati alla portualità ravennate" - si legge nell'appello.

Le associazioni di categoria che rappresentano le industrie ed i terminal che si affacciano sul canale Candiano; le attività commerciali al servizio della merce che nel porto hanno il loro “core business”, ovvero le imprese di spedizione e dell’autotrasporto; i mediatori marittimi; le agenzie marittime; le molteplici attività di assistenza alla merce ed alla nave; nonché i servizi tecnico nautici; le imprese portuali e le rappresentanze sindacali dei lavoratori che operano in porto, identificano il complesso degli interessi legati alla portualità ravennate.

La Commissione Porto Trasporti e Logistica della Camera di commercio di Ravenna (in cui siedono i rappresentanti di CNA, Confartigianato, Confindustria, Confimi, ARSI, Associazione agenti e mediatori marittimi, Legacoop, AGCI, Confcooperative, Confcommercio), d'intesa con il Tavolo provinciale dell'Imprenditoria, le Associazioni sindacali CGIL, CISL e UIL, I’Unione degli utenti e degli operatori del porto di Ravenna, il Comitato unitario dell’autotrasporto della provincia di Ravenna e gli operatori dei servizi tecnico-nautici, ribadisce la necessità e l’urgenza di affrontare le attuali criticità della portualità ravennate.

"Il porto, nel suo insieme, è indubbiamente il comparto economico di maggior peso e, della ricchezza che produce, ne beneficiano non solo la città e la provincia, ma anche la produzione industriale della regione. Con una movimentazione annuale di 26.500 tonnellate di merci e un traffico di 7.600 treni e 3.300 navi, al porto fanno riferimento 258 aziende che occupano 6.500 dipendenti e generano 12.000 posti di lavoro considerando l’indotto - sottolineano dalla Commissione Porto trasporti e Logistica della Camera di commercio di Ravenna -. Tale premessa induce, tuttavia, ad una riflessione sull’andamento complessivo, nel tempo, delle operazioni commerciali che, seppur non in flessione negli anni post 2007, riflette percentuali di crescita modeste rispetto al trend della portualità nazionale.
Per favorire la necessaria inversione di tendenza, i promotori del presente appello ritengono che l’adeguamento infrastrutturale del porto canale sia condizione necessaria per la salvaguardia del patrimonio portuale, il cui sviluppo è imprescindibilmente connesso alla realizzazione del progetto “HUB portuale 2017”, che contempla interventi straordinari unitamente ad attenzioni rivolte alle attività di ordinaria amministrazione di cui un porto necessita.
Risulta pertanto urgente - prosegue la nota - dare continuità alle iniziative assunte ed avviate dall’ AdSP nell’interesse generale del locale cluster marittimo per scongiurare un “rischio fallimento” che non sarebbe solo ravennate ma coinvolgerebbe, in negativo, tutto il sistema portuale nazionale. Si fa quindi appello alla politica, agli Enti ed alle Istituzioni pubbliche che governano le attività portuali ed alle Autorità preposte ad assumere “decisioni” affinché, attraverso la massima sinergia, il Progetto “Hub portuale 2017” non abbia a subire ritardi che comprometterebbero la competitività del nostro porto con gravi ripercussioni sull’intera economia di Ravenna, che non può permettersi altre crisi industriali.

11/02/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Non si capisce né chi è il destinatario dell' appello né quali decisioni si dovrebbero assumere.criptico
11/02/2019 - Filippo
Purtroppo per noi, Sindaco e giunta sono più interessati alla "darsena città" !! Sarebbe opportuno investire sulla prossima giunta in quanto questa ha già fallito in partenza. Il progettone prevede l'approfondimento da 10 a 12 metri, ossia una una profondità inutile in quanto la minima profondità richiesta dalle navi moderne é di 14/15 metri.
11/02/2019 - Giovanni
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.