Pialassa Piomboni. MeetUp A riveder le stelle: "Cargo Berkan B spezzato in due, giace abbandonato"

Pialassa Piomboni. MeetUp A riveder le stelle: "Cargo Berkan B spezzato in due, giace abbandonato"
Cargo Berkan B (immagini inviate da MeetUp A riveder le stelle)

"Non ci sono parole per descrivere la tragedia che sta avvenendo nel più totale menefreghismo delle istituzioni competenti, nella zona nord della Pialassa dei Piomboni." Così esordisce il gruppo grillino MeetUp "A riveder le stelle" di Ravenna nella lettera inviata alla redazione in cui viene presentata la situazione "di degrado in cui versa il cargo Berkan B che da ottobre 2017 giace, spezzato in due, in Pialassa dei Piomboni." 

"Lungo oltre 100 metri, costruito nel 1984, è stato sottoposto a demolizione per recupero ferro con un progetto a dir poco ridicolo che non ha tenuto conto delle fasi di alleggerimento dei carichi: dopo poche settimane di lavoro - afferma il gruppo - la nave si è impennata e poi spezzata in due. I lavori sono proseguiti ancora per qualche mese, e poi il relitto è stato tranquillamente abbandonato in quella che era una delle valli più amate dai ravennati ed ora è divenuta a tutti gli effetti, grazie alle cure dell’Autorità Portuale di Ravenna, al Comune di Ravenna e alla Regionela, la "discarica dei Piomboni". Chi ha autorizzato così allegramente un siffatto lavoro?"

"Cittadini preoccupati hanno monitorato lo sfacelo. E in questi giorni per la pialassa e per la Berkan sembra davvero arrivata la fine. Immagini inequivocabili mostrano - continua il Meet Up - lo sversamento nelle acque di liquami neri, presumibilmente carburante, con relative chiazze iridescenti, l’acqua sta entrando nella poppa, poppa e prua affondano ogni giorno di più, le cime di ormeggio sono alla massima tensione e a brevissimo tutto il relitto ed il suo carico inquinante potrebbero inabissarsi. Se nulla è stato fatto finora, immaginiamo cosa succederà una volta che la nave dovesse andare a fondo e gli inquinanti diffondersi ovunque, fino al mare e fino alla Pialassa Baiona."

"Lunedì scorso abbiamo sporto denuncia al Comando Provinciale dei Carabinieri di Ravenna, depositando immagini e filmati, informato i Carabinieri forestali, e inoltrato pec ad Arpae, al Ministero delle Infrastutture e dei Trasporti ed al Ministero dell’Ambiente. A breve verrà spedito tutto anche alla Procura di Ravenna" conclude MeetUp A riveder le stelle Ravenna.



                               

                               
                       Lo stato del Cargo Berkan B in Pialassa Biomboni (foto di Cristiano Mazzoli)

12/02/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Chiamate Gigino !!!!
12/02/2019 - Andrea
non vorrei che si spezzasse a metà per poi rovesciarsi in mezzo al canale, dopo poi quando la tirano su??????
12/02/2019 - andrea
Se non sbaglio, non avete informato la Capitaneria di Porto che è competente e responsabile per l'attracco alla banchina
12/02/2019 - PV61
...se la proprietà è irreperibile, difficile fare qualcosa di diverso dal mettere in protezione l'acqua con dei galleggianti... per il resto sono le solite chiacchiere dei grillini. Chiacchiere, appunto, come le minacce alla proprietà della Pernigotti o scelte dannose come quelle sulle estrazioni o sul passante di Bologna. Speriamo sia iniziata davvero la loro sparizione. ST
12/02/2019 - ST
PV61, è vero. Ma non possiamo pensare che la Capitaneria di Porto sia all'oscuro di quanto sta avvenendo da oltre un anno nelle acque del Porto di Ravenna.
12/02/2019 - Francesca Santarella
Anche Voi Grillini a Ravenna siete spezzati in due o tre parti e nessuno ha denunciato nulla.... Sorridete
12/02/2019 - Ruvido
L importante è la darsena, la valle l hanno già uccisa. Serantini aveva previsto....Addio alle valli. Non è politica...è criminalità. A Povera Ravenna, di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran burrasca, non signora di provincia , ma bordello .
12/02/2019 - Alan
@ Francesca. Chiaramente la Capitaneria è informata, altrimenti il relitto non sarebbe li attraccato, e visto che avete fatto esposti a tutti, coinvolgere anche loro credo sarebbe stato opportuno
13/02/2019 - PV61
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.